laRegione
preoccupa-la-mortalita-ma-stiamo-andando-nella-buona-direzione
(Keystone)
Svizzera
22.11.20 - 11:440
Aggiornamento : 12:32

'Preoccupa la mortalità, ma stiamo andando nella buona direzione'

La direttrice dell'Ufsp Anne Lévy guarda con ottimismo all'evoluzione della pandemia, ma avverte: ‘ridurre ricoveri e morti. Altrimenti dovremo inasprire le misure’

Ancora una volta è la pandemia a farla da padrona sulle pagine dei domenicali. Sulle colonne del SonntagsBlick, la direttrice dell'Ufficio federale della sanità pubblica (Ufsp), Anne Lévy, guarda con ottimismo alla tendenza attuale, dicendosi "convinta che stiamo andando nella buona direzione". Dopo aver consultato i verbali della task force del governo, Le Matin Dimanche sostiene dal canto suo che l'arrivo della seconda ondata è stato gestito male in estate.

‘Ridurre ricoveri e morti. Altrimenti dovremo inasprire le misure’

Interpellata sull'elevato numero di decessi in proporzione alla popolazione, Lévy, in carica da inizio ottobre, ritiene che la Confederazione non sia messa molto peggio del resto d'Europa. "Siamo molto preoccupati per l'eccesso di mortalità. Tuttavia, sono fiduciosa che al momento ci stiamo muovendo nella giusta direzione. È inoltre fondamentale che la popolazione sostenga le misure". In merito a un lockdown a livello nazionale, Lévy afferma di non escludere assolutamente nulla. "Dobbiamo decidere di giorno in giorno. Il primo obiettivo ora è ridurre il numero di ricoveri e di morti. Se non ci riusciremo, dovremo inasprire le misure".

Sottoporsi al test appena insorgono i sintomi 

Lévy lancia ancora una volta un appello alla popolazione affinché si faccia testare all'insorgere dei primi sintomi. "Temo che questa situazione eccezionale durerà ancora a lungo", afferma, preferendo non fare previsioni precise. "Una cosa è certa: il periodo dell'Avvento sarà duro per tutti. Non dobbiamo perdere la pazienza adesso." Sull'arrivo di un vaccino, e sui timori di eventuali effetti collaterali, Lévy assicura che quello approvato in Svizzera "sarà sicuro ed efficace".

Interpellata sulla preparazione alla seconda ondata, Lévy sostiene che "nessuno si aspettava che i numeri sarebbero aumentati così rapidamente". Dal suo punto di vista le autorità erano però meglio preparate rispetto alla prima ondata. "Nel corso dell'estate i Cantoni hanno ampliato le capacità di contact tracing e di test, rileva, aggiungendo che "purtroppo la pandemia non si comporta mai esattamente come previsto".

Le Matin Dimanche: 'cattiva gestione estiva'

Diversa l'analisi che figura sulle pagine di Le Matin Dimanche, che ha avuto accesso ai verbali delle sedute della task force del Consiglio federale. È durante l'estate che la Svizzera ha gestito male l'arrivo della seconda ondata pandemica, sostiene il domenicale. Il sistema previsto in primavera per evitare uno scenario di questo tipo non ha mai funzionato correttamente, scrive il giornale.

La Confederazione ha reagito con esitazione, ostacolata dalla mancanza di sostegno politico per ulteriori restrizioni e dalla mancanza di dati affidabili sulla dinamica dell'epidemia. Incoraggiato dal basso numero di nuovi casi di Covid-19 registrati all'inizio di giugno, il Consiglio federale ha autorizzato il 22 dello stesso mese riunioni all'aperto di oltre 30 persone e manifestazioni fino a 1000, ricorda Le Matin Dimanche.

Da quel momento in poi, il virus ha cominciato a riguadagnare terreno. Secondo diversi esperti interpellati dal giornale, l'errore elvetico è stato quello di permettere che il numero di casi si gonfiasse durante l'estate senza preoccuparsi troppo. Eppure, già dal mese di giugno il tasso di riproduzione del virus è rimasto superiore a 1, il che significa che l'epidemia era di nuovo in atto.
 
 

TOP NEWS Svizzera
Svizzera
7 min
Task-force Covid-19: efficaci le misure in Svizzera
Gli esperti sottolineano che le mutazioni del virus potrebbero imporre misure ancora più decise
Svizzera
19 min
Coronavirus: Francia, niente test obbligatorio per svizzeri
I viaggiatori dalla Svizzera verso la Francia non dovranno sottostare alle norme introdotte da Parigi in quanto la Svizzera è inclusa nello spazio Schengen
Svizzera
34 min
Affari Giuridici: licenziamenti sostitutivi non sono "abusivi"
Respinta dalla commissione al Nazionale l'iniziativa 'lotta al dumping'. Dato il Sì dell'analoga commissione agli Stati, si pronuncerà il Parlamento
Svizzera
1 ora
Coronavirus, in Svizzera contagi stabili, lieve tendenza a calo
Tasso di positività al 9,55%, crescono di poco ricoveri e decessi
Svizzera
3 ore
 Russia dà inizio a procedura uscita da trattato Open Skies
La posizione russa segue il ritiro degli Usa nel novembre 2020 dal trattato che consente ispezioni aeree sulle attività militari dei Paesi aderenti
Svizzera
3 ore
La neve ferma anche la Posta
Mancata distribuzione di lettere e pacchi o ritardi nei Grigioni, in diverse regioni della Svizzera orientale e nel Vallese
Svizzera
5 ore
Pernottamenti in calo del 57,3% in novembre in Svizzera
A essere colpite più duramente sono le città. Da gennaio a novembre il calo è stato del 39,9%
Svizzera
7 ore
La neve paralizza la Svizzera, tram e bus bloccati a Zurigo
Il maltempo sta causando diversi disagi al traffico pubblico in tante città elvetiche. Il pericolo di valanghe oggi è molto elevato.
Svizzera
18 ore
Votazione federale, l'identità digitale è sicura
La 'ministra' di giustizia e polizia Karin Keller-Sutter difende le ragioni di affidare a una società privata la gestione dei dati
Svizzera
22 ore
Coronavirus: - 6,2% di contagi nella prima settimana 2021
Nella settimana dal 4 al 10 gennaio i 22'080 casi rappresentano un calo rispetto ai sette giorni precedenti. In Ticino cala il tasso di positività
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile