laRegione
18.11.20 - 14:35
Aggiornamento: 17:27

Da Berna un miliardo per casi di rigore e più aiuti allo sport

Esteso anche il lavoro ridotto, riattivati i crediti Covid. Multe disciplinari per infrazioni legate ai divieti, ad esempio per chi non indossa la mascherina

da-berna-un-miliardo-per-casi-di-rigore-e-piu-aiuti-allo-sport
(Keystone)

Il Consiglio federale ha deciso di proporre al parlamento alcuni adeguamenti mirati della legge COVID-19 da trattare con urgenza durante la sessione invernale. In tal modo, scrive il governo in una nota, "sarà possibile reagire meglio agli sviluppi attuali della seconda ondata della pandemia".

Casi di rigore

Il Consiglio federale propone di modificare la legge Covid-19 incrementando gli aiuti finanziari del programma per i casi di rigore fino a un importo complessivo di un miliardo di franchi, cifra della quale la Confederazione assumerebbe circa due terzi. Nel dettaglio, la quota di Berna ammonterà al 50% per i primi 400 milioni di franchi (ovvero 200 mio.) e all’80% per la somma restante (480 mio). Ogni Cantone dovrà definire i casi di rigore individualmente.  L'ordinanza sarà approvata mercoledi prossimo nella prossima seduta del Consiglio federale ed entrerà in vigore già dal 1 dicembre 2020. 

Lavoro ridotto

Per salvaguardare i posti di lavoro ed evitare licenziamenti dovuti alla pandemia, le prestazioni dell'assicurazione contro la disoccupazione (AD) nell'ambito dell’indennità per lavoro ridotto, dovranno nuovamente essere estese in modo mirato. Diverse misure dell'AD emanate in primavera e basate sul diritto di necessità devono essere trasposte nella legge Covid-19.

In particolare la modifica proposta intende estendere il diritto alle indennità per lavoro ridotto ai rapporti di lavoro di durata determinata e agli apprendisti, a certe condizioni che privilegiano il poter portare avanti la loro formazione, ed eliminare il periodo d'attesa se si percepiscono indennità per lavoro ridotto e la durata massima.

In aggiunta il Consiglio federale propone di riattivare i crediti Covid.

Contributi a fondo perduto per lo sport

Nel settore dello sport s'intende sostenere i club di livello professionistico e semiprofessionistico, oltre che con mutui, anche con contributi a fondo perduto fino a un massimo di 115 milioni di franchi. Ciò per garantire la sopravvivenza delle squadre colpite dai limiti al numero degli spettatori, ed evitare che vengano a mancare le strutture per la formazione delle giovani leve. I contributi dovrebbero coprire i due terzi delle mancate entrate della vendita dei biglietti, sulla base dei dati delle entrate medie della stagione 2018-19. Se le cifre dei contagi dovessero migliorare e fosse nuovamente concesso l'accesso al pubblico, tali contributi non sarebbero più validi. 

Per accedere ai contributi, le squadre dovranno ridurre i salari eccessivi e garantire massima trasparenza sull'utilizzo dei fondi, rendicontando annualmente e dichiarando come intendono utilizzare ulteriormente i contributi. Per 5 anni le squadre non potranno suddividere dividendi, e dovranno impegnarsi nella promozione dello sport giovanile e femminile. 

Multe disciplinari in arrivo

Inoltre, nel quadro della legge COVID-19 il Consiglio federale propone una modifica della legge  sulle multe disciplinari (LMD) in modo da poter nuovamente punire le contravvenzioni di lieve entità della legge sulle epidemie  (LEp), come le violazioni dell’obbligo di portare una mascherina facciale, con la procedura della multa disciplinare. 

Chiamata in servizio della protezione civile 

Il contingente della protezione civile comprenderà un massimo di 500'000 giorni di servizio. Sarà disponibile fino al 31 marzo 2021. Dato che la Confederazione verserà ai Cantoni un'indennità forfetaria di 27,50 franchi per giorno prestato, i costi per Berna ammonteranno al massimo a 13,75 milioni di franchi.

La responsabilità operativa della chiamata in servizio e degli interventi è assunta dai Cantoni. La protezione civile interviene soltanto a titolo sussidiario, vale a dire quando gli altri mezzi di supporto non sono più sufficienti o quando è necessario intervenire con urgenza. I compiti dell'esercito consistono nel sostenere le strutture ospedaliere civili nel settore delle cure di base e delle terapie, nell'aiutare gli ospedali cantonali ad accrescere le capacità delle loro unità di cure intense e nel trasportare pazienti contagiosi. I soldati sanitari e d'ospedale, che dispongono di una formazione militare riconosciuta dalla Croce Rossa, potranno in particolare sgravare il personale infermieristico da alcuni compiti per consentire loro di concentrarsi sui casi gravi.

 

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Successione Sommaruga-Maurer
5 ore
I partiti mantengono un profilo basso
A seguito delle prime audizioni i vari gruppi partitici non si sbilanciano: per il momento nessuna raccomandazione di voto
Svizzera
6 ore
Sergio Mattarella accolto con gli onori militari
Il Consiglio federale al completo ha accolto il presidente della Repubblica italiana, il quale resterà nel Paese per una visita di Stato di due giorni
Svizzera
7 ore
Vögele Shoes chiude a fine anno e licenzia 131 persone
La società si trova attualmente al centro di una procedura di fallimento
Svizzera
8 ore
Il lupo resta ‘rigorosamente protetto’
La Convenzione di Berna respinge la richiesta svizzera di catalogare il grande predatore come specie solo ‘protetta’
Svizzera
8 ore
Sindacati e impresari costruttori raggiungono un accordo
L’esito dei negoziati per il contratto mantello deve ancora essere approvato dagli organi decisionali di entrambe le parti
Svizzera
9 ore
Se il Gigante giallo non resta al passo coi tempi
A rivelarlo Roberto Cirillo, Ceo della Posta: ‘Non ci stiamo muovendo abbastanza velocemente nell’attuazione della nostra strategia di ammodernamento’
Svizzera
11 ore
Al via la riforma del Secondo pilastro
Passano la riduzione del tasso di conversione dal 6,8 al 6% e l’abbassamento della soglia d’entrata nel sistema
Svizzera
13 ore
In Svizzera c’è una grave carenza di personale specializzato
In difficoltà soprattutto i settori della sanità, dell’informatica e delle scienze ingegneristiche. A rilevarlo il relativo indice di Adecco
Svizzera
15 ore
A Berna inizia il dibattito sul preventivo 2023
Pandemia e salvataggio del settore energetico pesano sul budget della Confederazione, previsto in deficit per 4,8 miliardi di franchi
Svizzera
16 ore
Al via la visita in Svizzera del presidente italiano Mattarella
Il presidente della Repubblica incontrerà il presidente della Confederazione Cassis e i consiglieri federali Sommaruga, Amherd e Parmelin
© Regiopress, All rights reserved