laRegione
25.10.20 - 15:00
Aggiornamento: 18:41

Coronavirus, appelli urgenti da ospedali e case anziani

A Ginevra si cercano volontari tra dipendenti in pensione e in congedo non pagato, nel canton Svitto ‘mani in grado di aiutare’.

coronavirus-appelli-urgenti-da-ospedali-e-case-anziani
Keystone

Ginevra – Nel cantone Ginevra, l'ospedale universitario (HUG) ha urgente bisogno di personale supplementare a causa del repentino aumento dei ricoveri sulla scia del dilagare della pandemia di coronavirus. Oggi il nosocomio ha lanciato un appello agli ex dipendenti in pensione e agli operatori in congedo non pagato.

In una nota, l'ospedale precisa di essere alla ricerca di volontari per compiti medici, infermieristici o amministrativi. I medici e il personale infermieristico aggiuntivo rafforzeranno i team già attivi nell'unità di terapia intensiva e al pronto soccorso.

È molto probabile che nei prossimi giorni si supererà e di gran lunga i picchi di pazienti covid-19 raggiunti durante la primavera. Già la scorsa settimana il nosocomio ha annunciato una serie di misure, tra cui l'assunzione di 400 nuovi dipendenti. Come in primavera l'ospedale verrà trasformato in clinica specializzata per casi di coronavirus. Per questo motivo verranno eseguite solo operazioni urgenti.

Casa anziani di Ibach a corto di personale

Nel canton Svitto è invece una casa per anziani a lanciare un appello pubblico per chiedere personale supplementare con effetto immediato. La casa di riposo Rubiswil, che si trova a Ibach, frazione di Svitto, è alla ricerca di personale infermieristico e di altre "helfende Hände", cioè letteralmente "mani in grado di aiutare", si legge in un comunicato odierno.

L'intero staff sta facendo del suo meglio in condizioni difficili e impegnative, affermano i vertici della struttura. Sebbene le capacità del personale siano al momento ancora sufficienti il centro ha deciso di rivolgersi in modo attivo a chi possa dare una mano. È inoltre scattato il divieto di visita.

Il canton Svitto è particolarmente colpito dalla seconda ondata della pandemia. Venerdì sono state registrate 105 persone infette (per un totale di 2066). L'ospedale del capoluogo lavora al massimo delle sue capacità e in diverse occasioni ha dovuto trasferire i pazienti Covid in altri nosocomi della Svizzera centrale.

Cure intense, personale esausto

Il personale attivo nei servizi di terapia intensiva si dice esausto, proprio nel momento in cui arriva la seconda ondata della pandemia, riferiscono la SonntagsZeitung e Le Matin Dimanche, citando informazioni della Società svizzera di medicina intensiva (SSMI).

"La cosa più frustrante è il senso di abbandono", afferma un'infermiera citata dai domenicali. "Dopo averci applaudito, la popolazione ci ha dimenticato. Le autorità, invece, ci ignorano. Mi sento come se fossi stata sacrificata".

Un'altra operatrice descrive le settimane lavorative di 60 ore. "Il mio turno inizia alle 7 del mattino e termina alle 19.30, con una pausa di tre quarti d'ora a mezzogiorno. I compiti da svolgere si susseguono a rotta di collo".

La presidente della SSMI Franziska von Arx-Strässler condivide le preoccupazioni espresse dalla base. "Molti dicono che difficilmente potranno affrontare una seconda ondata di orari di lavoro straordinariamente lunghi", aggiunge.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
13 ore
Tra sorpresa e preoccupazione, le reazioni dei deputati ticinesi
Elezioni dei consiglieri federali, Storni (Ps): ‘Pensavo che la questione linguistica avrebbe prevalso’. Marchesi (Udc): ‘Vedrei bene Rösti all’Ambiente’.
Svizzera
15 ore
La centrale elettrica di riserva è una priorità
La Confederazione firma i contratti con i principali gruppi che la costituiranno. A disposizione 280 MW di potenza
Svizzera
16 ore
90 anni, i bastoni da trekking e un figlio consigliere federale
Hanni Rösti non si è voluta perdere l’elezione del figlio: ‘Sono sempre di buon umore, ma oggi un po’ di più’
Svizzera
17 ore
Allarme rientrato a Palazzo federale e nelle sue adiacenze
Il dispositivo d’emergenza era scattato poco prima di mezzogiorno per un oggetto sospetto. Poi rivelatosi innocuo
Svizzera
17 ore
Un nuovo virus trasmesso dalle zecche anche in Svizzera
Oltre alla meningoencefalite c’è anche l’Alongshan. In fase di sviluppo un test diagnostico per individuarlo
Svizzera
18 ore
Palazzo federale, area sgomberata per oggetto sospetto
L’allarme è scattato poco prima di mezzogiorno. Chiarimenti sono in corso da parte delle forze dell’ordine
Svizzera
19 ore
Alain Berset presidente della Confederazione per il 2023
Per il socialista friborghese un’elezione non brillante: 140 voti per lui. Succederà a Ignazio Cassis
Svizzera
20 ore
Buste paga più pesanti per i dipendenti della Roche
Il ritocco al salario (del 2,3%), che diventerà effettivo dal 1° aprile, interesserà 14’200 dipendenti
Svizzera
21 ore
Abbattuto il maschio dominante del branco del Beverin
La sua uccisione risale all’8 novembre. Dieci giorni dopo il resto del branco si è messo in movimento
Svizzera
21 ore
La strada del Maloja sarà resa più sicura
Previsto un nuovo sistema di informazione. Il sistema pilota informerà gli utenti sulle possibili chiusure
© Regiopress, All rights reserved