laRegione
14.10.20 - 10:59
Aggiornamento: 13:45

Reclute costrette a stare in caserma fino a fine ottobre

I militi non potranno tornare a casa per due settimane. L'esercito vuole ridurre al minimo il rischio di diffusione del coronavirus

Ats, a cura de laRegione
reclute-costrette-a-stare-in-caserma-fino-a-fine-ottobre

Le reclute dell'esercito svizzero dovranno rinunciare a tornare a casa nei weekend fino a fine ottobre. Con questo provvedimento, adottato di fronte all'aumento generale dei contagi, si vuole ridurre al minimo il rischio di diffusione del coronavirus, a due settimane dalla conclusione della scuola reclute. La misura non vale per i corsi di ripetizione. 

Il divieto di rientrare a casa riguarderà circa 10mila reclute, ha dichiarato al 'Blick' il portavoce dell'esercito Daniel Reist. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
Pericolo marcato di valanghe in molte regioni meridionali
L’allerta riguarda la parte altovallesana delle Alpi, il versante sudalpino centrale, la cresta principale delle Alpi e la zona del Bernina
Svizzera
7 ore
È Zurigo l’El Dorado dei cittadini stranieri
Il 2022 potrebbe essere l’anno record per gli arrivi in riva alla Limmat. Tornano, in particolare, gli italiani
Svizzera
7 ore
Nuotata di San Nicolao da record nella Limmat
Ben 380 persone si sono date appuntamento a Zurigo per la 22esima edizione della tradizionale manifestazione benefica
Svizzera
7 ore
Mercato del lusso, Svizzera scalzata dalla Cina
Il nostro Paese resta in testa nell’orologeria, ma perde il primato per quel che concerne la gioielleria
Svizzera
8 ore
Inabilità al lavoro, impennata delle malattie mentali
Sensibile aumento dei casi di incapacità lavorativa. E non è solo colpa del burnout: altri tipi di diagnosi psicologiche si fanno largo
Svizzera
8 ore
Penuria di sostanze chimiche, laghi a rischio inquinamento
La scarsa reperibilità di sostanze anti-fosforo mette in difficoltà gli impianti di depurazione svizzeri
Svizzera
9 ore
‘Il no allo Spazio economico è stata una decisione sbagliata’
Per il presidente dei Verdi liberali Jürg Grossen, con i bilaterali ‘le relazioni con l’Unione europea sono come una caldaia piena di buchi’
Svizzera
10 ore
Ecco la proposta: un arrocco Cassis-Berset
È l’idea avanzata dal Partito socialista: uno scambio nella conduzione dei dipartimenti degli Esteri e dell’Interno
Svizzera
12 ore
Successione di Sommaruga e Maurer, mercoledì il giorno ‘x’
La lunga giornata che sfocerà nell’elezione dei due nuovi consiglieri federali inizierà alle 8 con la seduta a camere riunite
Svizzera
13 ore
Fuga di dati, la perdita di fiducia è enorme
Un avvocato specializzato in questo ambito torna sulla vicenda che vede protagonista il Dipartimento cantonale di giustizia zurighese
© Regiopress, All rights reserved