laRegione
09.10.20 - 16:13
Aggiornamento: 17:11

Migliaia di tonnellate di munizioni al lago di Neuchâtel

Secondo l'esercito, i residui di tiri in un vicino poligono militare non hanno compromesso la qualità dell'acqua

migliaia-di-tonnellate-di-munizioni-al-lago-di-neuchatel

Nel Lago di Neuchâtel ci sono circa 4500 tonnellate di munizioni, nelle vicinanze di un poligono di tiro utilizzato dall'aeronautica militare per quasi cento anni. Il Dipartimento della Difesa a novembre deciderà se rimuovere le munizioni.

Carolina Bohren, portavoce del Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS), ha confermato quanto annunciato ieri sera nel programma "10vor10" della televisione svizzera tedesca SRF.

Il poligono di tiro si trova di fronte alla Grande Cariçaie, una riserva naturale lunga 40 chilometri sulla riva sud-orientale del Lago di Neuchâtel, composta da brughiere, foreste umide e zone con acque poco profonde. Nel 2015 l'esercito ha fatto controllare la qualità dell'acqua nei pressi del poligono. Le misurazioni non hanno mostrato alcun inquinamento significativo. Per questo né il DDPS né le organizzazioni ambientaliste hanno finora ritenuto necessario agire.

Importante presenza di metalli pesanti

Sulla base delle fotografie subacquee scattate dal collettivo di ricerca francese Odysseus, Pro Natura chiede ora all'esercito di intervenire. "Con il tempo, i metalli pesanti saranno rilasciati nell'ambiente", ha spiegato Marc Vonlanthen, presidente di Pro Natura Friburgo a "10vor10".

"Comprendiamo la richiesta ed è nostra intenzione prendere in considerazione uno sgombero", ha detto Bruno Locher, responsabile dell'unità Territorio e ambiente del DDPS. Sono però sorti molti interrogativi in relazione allo sgombero di una così grande quantità di munizioni, tra cui la torbidità del lago e possibili ordigni inesplosi.

Dal 1928 i piloti delle Forze aeree effettuano esercitazioni di tiro sul lago di Neuchâtel. Nei primi tempi passavano fino a 200 giorni all'anno a sparare nel lago. Oggi, ci sono ancora circa una dozzina di esercitazioni all'anno. Oltre alle granate da esercitazione, nel Lago di Neuchâtel si trovano anche munizioni visto che all'inizio i militari si esercitavano con vere bombe.

Sebbene l'esercito abbia scaricato munizioni e relative componenti nei laghi di Thun, Brienz e Lucerna fino alla metà del XX secolo, secondo la Confederazione non ci sono quasi più residui di esplosivi e metalli pesanti. Il DDPS ha annunciato lo scorso maggio che non vi sono prove di un impatto negativo sulla qualità dell'acqua.

Un arsenale subacqueo

Centinaia di tonnellate di munizioni giacciono ancora in fondo al Lago Lemano, al largo di Ginevra. Il materiale è stato depositato negli anni '50 e '60 dalla società Hispano-Suiza, falli poi negli anni '70. I sommozzatori dell'organizzazione Odysseus avevano scoperto l'anno scorso quattro casse di munizioni forate a 50 metri di profondità, a circa 150 metri da un gasdotto e da un sensore per l'acqua potabile. In caso di corrosione, metalli pesanti e altre sostanze tossiche potrebbero diffondersi e causare danni ambientali, aveva avvertito l'organizzazione.

Il 20 ottobre 1916 un deposito esplose in riva al Rotsee. Cinque persone persero la vita, e munizioni e parti dell'edificio finirono nel lago. Nel 1979 erano state recuperate 760 granate a mano, e altre 960 nel 2000 e nel 2001, vicino alla zona balneare Rotsee-Badi. Lo scorso anno ne sono state ripescate un'altra dozzina dai sommozzatori dell'esercito e dall'apposita unità di smaltimento degli ordigni esplosivi, su segnalazione di un appassionato di pesca magnetica.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
Sarebbe riuscita l’iniziativa per la responsabilità ambientale
I Giovani Verdi annunciano di aver raccolto oltre 100mila firme. Il concetto di ‘limite naturale’ al centro della proposta di modifica costituzionale.
Svizzera
4 ore
Giornalista scopre monumento nazista nel cimitero di Coira
Ha fatto parte del culto dell’eroe con cui Hitler ha giustificato la guerra, scrive la Srf. Le autorità non ne erano a conoscenza.
Svizzera
7 ore
Nel programma Udc la lotta agli uffici per la parità di genere
Anticipate le linee guida per le Federali: ‘Preoccupazione’ per gli asterischi nei testi, niente soldi alle istituzioni che sostengono ‘ideologie’
Svizzera
8 ore
Prodotti bio troppo cari: bocciata la proposta di Mister prezzi
Stefan Meierhans ha proposto ai rivenditori una ‘soluzione amichevole’, subito però rispedita al mittente
Svizzera
10 ore
Si potrà abbattere un lupo capobranco con prove diverse dal Dna
Così il Taf sul caso del maschio alfa del branco del Beverin: la partecipazione determinante dell’esemplare al danno potrà essere dimostrata in altri modi
Svizzera
12 ore
Grigioni: furgone contro un’auto, una donna gravemente ferita
Il violento scontro è successo ieri, giovedì 26 gennaio, a Schiers in Val Prettigovia
Svizzera
1 gior
Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari
La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
1 gior
Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale
Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
1 gior
Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto
La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
1 gior
In Svizzera si alleva sempre più pollame
Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
© Regiopress, All rights reserved