laRegione
14.09.20 - 21:16

Casse malati: 'Non possiamo obbligarle a non aumentare i premi'

Il Consiglio federale risponde ad Alex Farinelli a proposito delle riserve accumulate dagli assicuratori, che sarebbero aumentate da 9 a 11 miliardi

Ats, a cura de laRegione
casse-malati-non-possiamo-obbligarle-a-non-aumentare-i-premi
Ti-Press

Le riserve degli assicuratori malattia sono effettivamente aumentate, ma il Consiglio federale non può obbligarli a ridurle per evitare un incremento dei premi malattia per il 2021. È quanto precisa il governo nella sua risposta scritta odierna a una domanda di Alex Farinelli (PLR/TI), che chiedeva lumi sulle indiscrezioni pubblicate dai media svizzerotedeschi circa un incremento della riserve, passate da 9 a 11 miliardi di franchi.

Il consigliere nazionale ticinese, alla luce di questa evoluzione, si chiedeva come il Consiglio federale potesse adoperarsi per far sì che gli assicuratori ne tenessero conto al momento della fissazione dei premi per l'anno a venire (è forte la preoccupazione, tra l'altro, di un aumento dei premi a causa del Covid-19, n.d.r).

Riserve aumentate, ma non si dice di quanto

L'esecutivo conferma l'aumento delle riserve, senza però fare cifre, precisando solo che l'ammontare "minimo delle riserve richiesto è tuttavia cresciuto nella stessa proporzione" e che quindi il "rapporto tra riserve disponibili e riserve minime è pertanto rimasto invariato".

Quanto al potere di influenzare gli assicuratori, il Consiglio federale rammenta che la "riduzione delle riserve è un processo volontario: il quadro legale vigente non consente di costringere gli assicuratori a ridurre le loro riserve". La legge contempla due meccanismi per correggere a posteriori differenze troppo grandi tra premi e costi effettivi: la riduzione volontaria delle riserve e il rimborso dei premi incassati in eccesso.

L'Ufficio federale della sanità pubblica, aggiunge il governo, ha emanato una circolare in cui sono precisate le condizioni alle quali gli assicuratori possono procedere a una riduzione volontaria delle riserve: quelli che dispongono di riserve eccessive hanno la possibilità di calcolare con un margine molto stretto i premi per l'anno successive, assumendosi un rischio maggiore. Se i costi effettivi superano i costi stimati, la differenza è finanziata con le riserve.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
Lukas Reimann ha un malore, interviene Marina Carobbio
Il consigliere nazionale dell’Udc si è sentito male durante il dibattito sulle sanzioni. La ‘senatrice’ e medico ticinese ha prestato i primi soccorsi
Svizzera
5 ore
Si incaglia al Nazionale l’abolizione del valore locativo
Il dossier torna in commissione. La maggioranza della Camera del popolo vuole coinvolgere maggiormente i Cantoni
Svizzera
5 ore
Ue: oggi soltanto il 6,5% dei giovani svizzeri è favorevole
Solo nel 2007 questa fascia di età (18-34 anni) risultava essere la più propensa all’ingresso della Confederazione elvetica
Svizzera
6 ore
I servizi pubblici svizzeri digitali stanno perdendo colpi
In testa alla graduatoria in materia di digitalizzazione si piazza la Danimarca. Per le città, Zurigo davanti a Roma
Svizzera
21 ore
Le Ffs vogliono 60% di merci in più su rotaia entro il 2050
Presentato il concetto ‘Suisse Cargo Logistics’. Promesse più flessibilità, velocità e digitalizzazione, con un occhio di riguardo ai trasporti ecologici
Svizzera
21 ore
Il parlamento apre il paracadute per Axpo
Anche il Consiglio degli Stati ha approvato a passo di carica la linea di credito di 4 miliardi per far fronte a problemi di liquidità
Svizzera
21 ore
Primo sì in Parlamento all’imposta minima sulle multinazionali
Il Consiglio degli Stati quasi all’unanimità sposa la linea governativa: lasciare la maggior parte degli introiti supplementari ai Cantoni interessati
Svizzera
22 ore
Maudet studia il ritorno e si candida al Consiglio di Stato
Caduto in disgrazia, di nuovo in pista: l’ex enfant prodige del Plr vuole difendere i ‘valori di una nuova lista’
Svizzera
1 gior
Energia, il governo al parlamento: ‘Le misure attuali bastano’
Dibattito al Nazionale sul tema. Il Consiglio federale criticato per la poca anticipazione rispetto a carenze ed emergenze prevedibili
Svizzera
1 gior
La crisi energetica fa tornare di moda il telelavoro
Alcune aziende, fra cui la Posta, stanno riconsiderando l’idea di rispedire a casa i dipendenti per risparmiare sul riscaldamento dei luoghi di lavoro
© Regiopress, All rights reserved