laRegione
23.08.20 - 13:18

L'effetto Covid-19 contrae la domanda di spazi per uffici

Secondo gli esperti le avvisaglie sono già evidenti. Si prevede un calo di 600mila metri quadri entro fine anno

l-effetto-covid-19-contrae-la-domanda-di-spazi-per-uffici
Si annuncia anche un calo degli affitti (Ti-Press)

Il coronavirus avrà un impatto duraturo sul mercato degli spazi commerciali. Secondo gli esperti del settore intervistati da 'Le Matin Dimanche', la domanda di uffici subirà probabilmente un arresto duraturo. Visto il calo dell'occupazione e le nuove abitudini di telelavoro, molte aziende cercheranno di risparmiare sugli spazi di lavoro. "Sono prevedibili distorsioni del mercato e un aumento delle superfici vacanti", riassume la Banca Cantonale di Zurigo (Zkb), che ha appena pubblicato uno studio sull'argomento. Entro la fine del 2020 la domanda diminuirà di 600mila metri quadri rispetto all'anno scorso e a medio termine caleranno anche gli affitti, secondo gli esperti.

Questa evoluzione è già visibile sui portali specializzati. A febbraio su 'Homegate' venivano proposti poco più di 2 milioni di metri quadrati di locali commerciali, mentre oggi l'offerta è salita a 2,4 milioni, con un incremento del 17,5 per cento, sottolinea Ursina Kubli Burgauer, economista della Zkb. "Gli effetti della pandemia sono visibili solo in misura limitata nei dati trimestrali perché generalmente i contratti sono di lunga durata, ma il crollo della domanda e l'incertezza per gli sviluppi economici nei prossimi mesi porterà a un aumento dei locali vuoti e a una pressione sugli affitti", gli ha eco Daniel Stocker, della società di consulenza specializzata Jones Lang LaSalle (Jll). Le pigioni per gli uffici in Svizzera sono già diminuite in modo significativo nel secondo trimestre. "Con il calo dell'occupazione legato al Covid, la domanda di spazi per uffici ha subito una brusca e probabilmente duratura battuta d'arresto. Di conseguenza, nel primo trimestre abbiamo visto un calo sia degli affitti che del valore di molte proprietà", afferma Marie Seiler, responsabile della consulenza immobiliare di PwC.

Gli effetti del telelavoro

Il coronavirus, oltre a causare una contrazione dell'occupazione, ha dimostrato che il telelavoro funziona. Le imprese, che normalmente investono circa il 5 per cento del budget per l'affitto di locali, saranno quindi spinte a risparmiare su questa voce di spesa. Non tutti i settori del mercato immobiliare risulteranno perdenti. Gli esperti del Credit Suisse Fredy Hasenmaile e Alexander Lohse, che hanno appena pubblicato uno studio sul "Swiss Office Real Estate Market 2020", credono che oltre all'eccesso di offerta vi sarà anche una mancanza di spazi. Ci sono, ad esempio notevoli, differenze fra le superfici commerciali nelle città, per le quali la richiesta è sempre alta, e quelle nelle periferie, che faticano a trovare inquilini già da anni.

Inoltre, la pandemia ha avuto un effetto inaspettato: i prezzi delle case di vacanza, che dal 2012 scendevano, hanno ricominciato a salire. L'aumento è iniziato prima del Covid, ma si è rafforzato con l'avanzare del virus. È un'evoluzione legata anche alla diffusione del telelavoro, che permette di essere attivi anche da una casa di vacanza. "Quando si vede l'interesse degli svizzeri per le località di montagna durante le vacanze estive, si può supporre che questo mercato si rafforzerà", affermano gli specialisti. Il telelavoro potrà favorire anche la costruzione di spazi di 'coworking', laddove ancora non ce ne sono, ad esempio vicino alle zone residenziali, e di spingere la richiesta di appartamenti più grandi per destinare una stanza a uso ufficio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
44 min
Si potrà abbattere un lupo capobranco con prove diverse dal Dna
Così il Taf sul caso del maschio alfa del branco del Beverin: la partecipazione determinante dell’esemplare al danno potrà essere dimostrata in altri modi
Svizzera
2 ore
Grigioni: furgone contro un’auto, una donna gravemente ferita
Il violento scontro è successo ieri, giovedì 26 gennaio, a Schiers in Val Prettigovia
Svizzera
20 ore
Edifici non residenziali, c’è l’obbligo di pannelli solari
La misura, che si applica da ora e fino al 2032, interessa tutti gli stabili (anche quelli esistenti) a partire da una superficie di 300 m²
Svizzera
20 ore
Su lemievaccinazioni.ch un controllo troppo superficiale
Le commissioni della gestione dei due rami del parlamento bacchettano l’Ufficio federale della sanità pubblica
Svizzera
22 ore
Per i media con il ‘non sapevo’ Berset gioca il tutto per tutto
La smentita circa la consapevolezza della fuga di notizie desta perplessità in buona parte della stampa svizzera
Svizzera
1 gior
In Svizzera si alleva sempre più pollame
Il fenomeno è in atto da decenni. Aumentano anche le colture di avena anche se restano marginali sul totale
Svizzera
1 gior
Quasi uno svizzero su cinque ha due passaporti
Nel 2021 il 19% dei cittadini residenti dai 15 anni di età in su avevano una doppia cittadinanza: la maggioranza, quasi un quarto, sono gli italo-svizzeri
Svizzera
1 gior
In aumento i casi di maltrattamento di minori
Nel 2022 il gruppo di protezione dei bambini e servizio di consulenza per le vittime dell’Ospedale pediatrico di Zurigo ha censito 657 casi
Svizzera
1 gior
Berset ribadisce: non sapevo nulla delle indiscrezioni
Il portavoce del Governo Simonazzi chiarisce che dopo la discussione il ‘Consiglio federale ha ritrovato la fiducia e andrà avanti a lavorare come sempre’
Svizzera
1 gior
Infermieri, verso più formazione e condizioni di lavoro migliori
Il Consiglio federale intende rafforzare il settore: fra le proposte, anche più personale formato e fatturazione diretta di alcune prestazioni
© Regiopress, All rights reserved