laRegione
14.08.20 - 10:48

Meno contanti e tanti pagamenti senza contatto nell'era Covid

In Svizzera durante la pandemia il ricorso a banconote e spicci per i pagamenti è scesa, mentre è cresciuto l'uso di carte 'contactless' e smartphone

Ats, a cura de laRegione
meno-contanti-e-tanti-pagamenti-senza-contatto-nell-era-covid
Foto Ti-Press

La pandemia sta cambiando il comportamento degli svizzeri alle casse dei negozi: il 75% utilizza il pagamento senza contatto, una quota in sensibile aumento rispetto al 60% di un anno fa. Lo mostra un sondaggio rappresentativo condotto per conto del servizio di confronto online Comparis.

"Aumentando il limite per il pagamento senza contatto da 40 a 80 franchi, in aprile, gli emittenti svizzeri di carte hanno dato un chiaro impulso", osserva l'esperto di Comparis Michael Kuhn, citato in un comunicato.

Smartphone come carte di debito

L'evoluzione in atto è visibile anche sul fronte dei pagamenti con lo smartphone: il 7% della popolazione paga ora per lo più con Apple Pay, Samsung Pay e Twint. Nel 2019 la percentuale non superava il 2%. Prima del confinamento, il 27% aveva pagato con il cellulare almeno una volta alla settimana, in seguito la quota è salita al 32%.

Contante meno importante

La logica conseguenza è un calo dell'importanza del contante: precedentemente al lockdown veniva usato giornalmente dal 39%, dopo dal 25%. In un'ottica settimanale, il ricorso a monete e a banconote si è contratto passando dall'86% al 74%.

La crisi del coronavirus è stato un importante fattore per quest'evoluzione. Il 42% afferma di rinunciare all'uso dei contanti per paura di un'infezione e il 25% evita i terminali numerici delle carte. Il 44% in seguito al Covid-19 tiene meno denaro contante nel portafoglio e uno su quattro ci rinuncia completamente.

Preoccupazioni per la sicurezza

Ciò nonostante le preoccupazioni degli svizzeri riguardo ai mezzi di pagamento digitali rimangono elevate. Ad esempio il 55% non è fiducioso che i sistemi funzionino sempre correttamente. Il 56% degli interrogati concorda con l'affermazione "trovo il denaro contante più semplice" e uno su sei non sa nemmeno come funziona il pagamento senza contatto.

La percentuale di coloro che ritengono che lo smartphone sostituirà a lungo termine le tradizionali carte di debito e di credito è rimasta quasi invariata rispetto all'anno precedente (44% contro 43%). Lo scetticismo si riflette anche nella risposta alla domanda "riuscite a immaginare la Svizzera senza contanti?" La maggioranza del 54% dice di no. Il timore è in particolare che traffico dei pagamenti sia troppo controllato.

Il rilevamento demoscopico è stato condotto in luglio dall'Istituto di ricerche di mercato Innofact su incarico di Comparis. Sono state interpellate 1011 persone in tutte le regioni del paese.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
9 min
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
2 ore
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
3 ore
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
6 ore
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
22 ore
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
1 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
1 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
1 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
Svizzera
1 gior
Droni, così cambia la normativa (e si adatta all’Ue)
Le nuove norme saranno valide dal primo gennaio prossimo e comprendono standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l’esercizio
Svizzera
1 gior
Il boss di Chanel nuovo numero uno dei più ricchi in Svizzera
Gérard Wertheimer, 71enne imprenditore francese, ha un patrimonio familiare stimato di 38-39 miliardi di franchi
© Regiopress, All rights reserved