laRegione
liti-fra-vicini-soprattutto-per-rumori-e-lavatrice
Ti-Press
Svizzera
30.07.20 - 19:210

Liti fra vicini soprattutto per rumori e lavatrice

Un sondaggio recensisce le principali fonti di conflitto. I bisticci sono più frequenti nella Svizzera romanda e in Ticino.

Berna – La metà delle controversie tra vicini in Svizzera riguarda i rumori molesti. Al secondo posto nella classifica vi sono i problemi legati alla lavanderia in comune. I più litigiosi sono i ticinesi e romandi.

Secondo un sondaggio pubblicato oggi dal portale Homegate.ch, i conflitti sorgono sia fra conviventi che con i vicini con una sostanziale differenza regionale: nella Svizzera tedesca sono più frequenti le discussioni all'interno del nucleo familiare e per questioni legate alla pulizia (38%), mentre nei cantoni latini (Ticino e Romandia) si litiga di più con i vicini.

Tolleranza al rumore in Ticino

Dall'inchiesta emerge che metà degli svizzeri ha già avuto problemi con i vicini a causa del rumore eccessivo. Questo è un motivo di conflitto soprattutto per i romandi (51%) e i germanofoni (49%), mentre i ticinesi (32%) sembrano essere più tolleranti.

La lavanderia in comune è un altro punto dolente: un quinto degli intervistati infatti ha già avuto screzi per questo motivo, soprattutto a causa di mancata pulizia dopo l'uso. Anche in questo caso sembra che i ticinesi siano più tolleranti (30%) rispetto ai confederati (54% sia romandi che svizzero tedeschi). La biancheria lasciata dai vicini, il mancato rispetto degli orari concordati per il bucato e gli eccessivi tempi di utilizzo della lavatrice possono pure dare adito a diverbi.

Sporcizia e animali domestici

Al terzo posto della classifica dei motivi di contesa c'è la sporcizia (15%), seguita a breve distanza dagli animali domestici (14%). Il disordine, le scale ostruite o i confini delle proprietà, i barbecue e le piante sono le altre ragioni citate dagli intervistati.

Un quinto degli svizzeri, proprietari e inquilini, si è già avvalso di una consulenza legale per questioni legate alla propria abitazione. I nuclei familiari con bambini e le famiglie con un reddito superiore a 10’000 franchi sono i gruppi più propensi a chiedere aiuto a un esperto. Per quanto riguarda le differenze regionali, al primo posto vengono gli svizzerotedeschi (24%), seguiti dai ticinesi (20%), mentre i romandi (16%) preferiscono parlarne con i familiari. "Le controversie davvero gravi sono rare", assicura comunque Homegate.

Per il sondaggio sono state interrogate online 1821 persone tra i 18 e i 74 anni nelle tre regioni linguistiche del Paese.

TOP NEWS Svizzera
Svizzera
6 ore
Tragedia nel fiume Glatt, 48enne annega per aiutare un amico
Fatale bagno notturno in territorio di Opfikon. Problema medico per un 59enne deceduto nel Lago dei Quattro Cantoni. E in montagna muore una 69enne
Svizzera
14 ore
Covid, 152 nuove infezioni e 0 morti in Svizzera
L'ultimo aggiornamento riferisce di cinque ospedalizzazioni e 1301 persone in isolamento
Svizzera
15 ore
Sette settimane in coma per colpa del coronavirus
Colpito mentre era sanissimo, il 43enne scrittore svizzero Jonas Lüscher è stato posto per sette settimane in coma artificiale.
Svizzera
16 ore
Exit: niente eutanasia per gli svizzeri all'estero
Il cambiamento è dovuto alle difficoltà burocratiche esistenti in vari Paesi e ai limiti imposti dalle leggi locali
Svizzera
18 ore
Falò per ricordare la minaccia che incombe sulle vette
Regione alpina sotto costante pericolo per via del riscaldamento climatico. L'Iniziativa delle Alpi si impegna per ridurre il carico di CO2
Svizzera
18 ore
Berset: 'l'incertezza covid-19 ha reso gli svizzeri più tesi'
Il ministro della sanità federale ne parla in un'intervista alla NZZ am Sonntag. L'umore dei cittadini elvetici è cambiato e i rapporti sono spesso polemici
Svizzera
19 ore
Svizzera, ieri 182 nuove infezioni da Covid-19
Il totale delle persone colpite dal virus nel nostro Paese sale a 36'451. A livello mondiale i contagi sfiorano i 20 milioni, oltre 725mila i decessi
Svizzera
1 gior
Coronavirus, in Svizzera 182 nuovi casi nelle ultime 24 ore
Il totale delle persone infette da inizio pandemia sale a 36'451. Nella giornata di ieri nessun nuovo decesso e altri sette ricoveri
Svizzera
2 gior
La firma del contratto per il vaccino è ‘un passo opportuno’
Il professor Alessandro Ceschi (Eoc) sull’accordo tra Ufsp e l'azienda statunitense Moderna che ‘assicura’ 4,5 milioni di dosi alla Svizzera
Svizzera
2 gior
Obbligo di quarantena anche in Slovenia
14 giorni di isolamento per chi arriva dalla Svizzera. Lubiana ha adottato questa decisione basandosi su analisi di esperti
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile