laRegione
niente-paghetta-per-richiedenti-asilo-con-poche-speranze
Nelle procedure accelerate è previsto l'aiuto di 3 franchi al giorno (Ti-Press)
Svizzera
15.07.20 - 15:320

Niente paghetta per richiedenti asilo con poche speranze

Per il Taf, la mancata concessione di una somma per piccole spese a chi non ha bisogno di un visto d'ingresso è una pratica corretta

Il Tribunale amministrativo federale (Taf) ha respinto il ricorso di una famiglia di richiedenti l'asilo macedoni cui non è stata concessa una somma per piccole spese durante il loro soggiorno in Svizzera. La pratica di rifiutare tale assistenza a persone che non hanno bisogno di un visto d'ingresso viene ritenuta corretta.

La famiglia - padre, madre e figlio - aveva presentato domanda di asilo il 26 marzo 2018. All'inizio di maggio, la Segreteria di Stato per la migrazione (Sem) aveva respinto richiesta e ordinato l'allontanamento. I tre hanno lasciato la Svizzera il 16 maggio.

I richiedenti l'asilo si sono però lamentati di non aver ricevuto alcuna "paghetta" durante i 51 giorni trascorsi presso il centro di registrazione e procedura di Vallorbe (VD). La SEM li ha informati che nelle procedure accelerate l'aiuto di 3 franchi al giorno non viene concesso ai cittadini di paesi esenti dall'obbligo del visto.

Contro questa decisione gli interessati hanno interposto ricorso, ravvisando una violazione del loro diritto alla vita privata e familiare garantito dalla Convenzione europea dei diritti dell'uomo. Per il TAF però il testo normativo non richiede agli stati firmatari di garantire determinate prestazioni finanziarie o un certo tenore di vita.

Allo stesso modo, i giudici non hanno constatato alcuna violazione del diritto costituzionale a un tenore di vita minimo. Durante il loro soggiorno ai ricorrenti è stata fornita assistenza sotto forma di alloggio, cibo, vestiti e cure mediche. Queste prestazioni in natura devono essere considerate sufficienti per le persone alloggiate in un centro di registrazione e procedura, afferma la corte sangallese.

Il mancato versamento di una somma per le piccole spese a persone che non hanno bisogno di un visto d'ingresso è considerata giustificata, poiché queste richieste portano molto raramente alla concessione dell'asilo: nel 2019 hanno ottenuto accoglienza solo 3 dei 29 macedoni che l'hanno domandata e nel 2018 il rapporto è stato di 5 su 65.

In queste condizioni l'interesse pubblico richiede che le persone non bisognose di protezione evitino di presentare richieste di asilo e facciano spazio a coloro ai quali è probabile che venga concesso lo statuto di rifugiato, argomenta il TAF. È quindi giustificato scoraggiarle negando loro la paghetta.

I giudici di San Gallo aggiungono tuttavia che un'applicazione automatica di questa pratica potrebbe creare disuguaglianze ingiustificate. Ad esempio nel caso di una persona proveniente da un paese libero da persecuzioni, ma che potrebbe comunque rivendicare un legittimo bisogno di protezione.

 richiedenti asilo 
 taf 
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Via sicura, in consultazione nuovo codice della strada
Dalle bici elettriche alle nuove tecnologie verde agli eccessi di severità, il Consiglio federale vuole aggiornare diverse leggi sulla
Svizzera
17 ore
Dagli Stati un sì alla revoca dell'immunità a Lauber
La Commissione degli affari giuridici favorevole al procedimento contro il dimissionario procuratore generale della Confederazione
Svizzera
18 ore
Basilea, bimbo ucciso a sangue freddo: 76enne internata
La donna che l'anno scorso ha ucciso con una pugnalata al collo un bambino di 7 anni è stata dichiarata incapace di intendere e di volere
Svizzera
19 ore
'La Svizzera ha bisogno dei caccia per proteggere la popolazione'
È quanto sostiene il comitato interpartitico 'Sì all'acquisto di nuovi aerei da combattimento', in vista della votazione del prossimo 27 settembre
Svizzera
20 ore
'La libera circolazione mette in pericolo prosperità e libertà'
L'Udc ha lanciato la sua campagna a favore dell'iniziativa popolare 'per un'immigrazione moderata (Iniziativa per la limitazione)'
Svizzera
23 ore
Il Covid non ferma le azioni a favore del clima
I movimenti ambientalisti hanno deciso di unirsi per organizzare una settimana di disobbedienza civile e un nuovo sciopero per il clima il 4 settembre
Svizzera
23 ore
Coronavirus, in Svizzera 187 nuovi casi nelle ultime 24 ore
In totale il numero di contagi dall'inizio dell'epidemia ha quindi raggiunto quota 36'895. Ieri un nuovo decesso e undici ricoveri in ospedale
Svizzera
1 gior
Ringier cancella 35 posti di lavoro nelle riviste in tedesco
Il gruppo editoriale elvetico chiude la rivista Style, esternalizza Bolero e punta su maggiori sinergie per Schweizer Illustrierte e SI online
Svizzera
1 gior
Pornografia, a Zurigo esplodono le denunce contro minorenni
Rispetto all'anno prima nel 2019 sono cresciute del 230% per diffusione di materiale vietato. Raddoppiate le querele per video violenti
Svizzera
1 gior
Ex primario querelato dall'Ospedale universitario di Zurigo
Avrebbe usato protesi cardiache di una società da lui stesso partecipata e alterato dati del sistema informatico interno
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile