laRegione
primo-aereo-elettrico-certificato-in-svizzera
Un Virus SW mentrte atterra all'aerodromo di Schmallenberg-Rennefeld (Germania) durante un meeting nel 2012 (El Grafo / Licenza Creative Commons CC BY-SA 3.0)
Svizzera
07.07.20 - 12:270
Aggiornamento : 16:52

Primo aereo elettrico certificato in Svizzera

È il Velis Electro di costruzione slovena. Per poterlo volare sono tuttavia necessarie numerose deroghe

Per la prima volta nella storia dell'aviazione, l'Ufficio federale dell'aviazione civile (Ufac) ha concesso una certificazione ordinaria a un aereo a propulsione elettrica. Tale approvazione, avvenuta lo scorso 10 giugno, riguarda il "Pipistrel Virus SW 128" dell'azienda slovena Pipistrel. Per poter volare sono tuttavia necessarie numerose deroghe.

Il piccolo velivolo biposto, il cui nome commerciale è Velis Electro, è il primo aeromobile elettrico che ha ricevuto una "certificazione di tipo" da parte dell'Agenzia europea per la sicurezza aerea (Easa).

Deroghe perché la Svizzera non rilascia licenze per aerei elettrici ai piloti

Tuttavia, fino alla modifica di un corrispondente regolamento dell'Unione europea, "in linea di massima ai piloti non sono rilasciate licenze o abilitazioni che consentano loro di pilotare aerei a propulsioni elettrica", indica oggi l'Ufac nel Foglio federale. Tale modifica è prevista per la prima metà del 2022, ma in attesa di ciò ai piloti può essere concessa una deroga.

Le disposizioni di esecuzione che disciplinano le licenze per il pilotaggio, l'esercizio e la manutenzione degli aeromobili sono state finora concepite esclusivamente per gli aeromobili con motori a combustione, precisa l'Ufac.

È un problema anche di termini: nelle normative si aprla wsolo di "carburante"

Un'ulteriore deroga è concessa a questo apparecchio elettrico poiché secondo le normative in vigore, per i piccoli aerei il regolamento specifico prevede il termine "carburante" nei suoi requisiti. Le disposizioni non tengono quindi conto delle specificità e delle peculiarità dei velivoli a propulsione elettrica.

In questo ambito, le modifiche sono attese entro la fine del 2021 e fino ad allora - sulla carta - il Virus SW 128 non potrà essere pilotato legalmente, se non tramite l'approvazione di deroghe.

TOP NEWS Svizzera
Svizzera
9 ore
La firma del contratto per il vaccino è ‘un passo opportuno’
Il professor Alessandro Ceschi (Eoc) sull’accordo tra Ufsp e l'azienda statunitense Moderna che ‘assicura’ 4,5 milioni di dosi alla Svizzera
Svizzera
9 ore
Obbligo di quarantena anche in Slovenia
14 giorni di isolamento per chi arriva dalla Svizzera. Lubiana ha adottato questa decisione basandosi su analisi di esperti
Svizzera
10 ore
Il Tribunale federale conferma la condanna di Anni Lanz
Per i giudici losannesi l'attivista 74enne ha ignorato una procedura di espulsione e non poteva invocare lo stato di necessità.
Svizzera
11 ore
Si svuota il lago del ghiacciaio, Lenk col fiato sospeso
I torrenti a valle si sono ingrossati, ma al momento nessun danno è stato segnalato
Svizzera
12 ore
Mascherine a scuola: cantone che vai, soluzione che trovi
Nei cantoni latini sarà obbligatorio per i livelli post obbligatori, nella Svizzera tedesca non c'è un'unità di intenti. E in Ticino... lo scopriremo lunedì
Svizzera
13 ore
Zurigo consegnerà liste passeggeri aerei ad altri cantoni
Berna e Argovia riceveranno dalla polizia zurighese i nominativi dei passeggeri che atterrano a Kloten su voli provenienti da paesi a rischio Covid
Svizzera
16 ore
Coronavirus, in Svizzera 161 nuovi casi e 3 decessi
Il totale delle persone infette da inizio pandemia sale a 36'269. L'incidenza della malattia ha raggiunto i 422,6 casi ogni 100'000 abitanti
Svizzera
17 ore
Nessun obbligo di udienza video a causa del Covid
Secondo il Tribunale federale, questa procedura non può essere imposta se una delle parti vi si oppone
Svizzera
18 ore
Cavallerizza muore durante una lezione di salto
La donna di 49 anni è caduta ed è stata calpestata con uno zoccolo del cavallo che era inciampato su un ostacolo
Svizzera
18 ore
Nel lockdown è crollato il consumo di energia
Nonostante l'impennata del telelavoro da casa, la richiesta è calata del 12%. A pesare la chiusura di ristoranti, bar, scuole e negozi e la riduzione dei mezzi pubblici.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile