laRegione
giura-e-vaud-rendono-obbligatorie-le-mascherine-nei-commerci
La misura entrerà in vigore lunedì nel Giura e mercoledì in Canton Vaud (Ti-Press)
Svizzera
03.07.20 - 16:370
Aggiornamento : 17:52

Giura e Vaud rendono obbligatorie le mascherine nei commerci

Si allarga la lista dei cantoni che hanno deciso di fare un passo in più per cercare di contenere il numero di contagi di coronavirus

Si allarga la lista dei cantoni elvetici che hanno deciso di fare un passo per cercare di contenere il numero di contagi di coronavirus, o almeno per riuscire a rintracciare chi potrebbe essere entrate a contatto con persone infette. Numerose le autorità che hanno deciso per un giro di vite nei locali notturni, ma a spingersi oltre sono stati Giura e Vaud, dove a partire dalla prossima settimana sarà obbligatorio indossare la mascherina nei commerci.

La misura nel canton Giura, primo cantone elvetico a introdurla, entrerà in vigore già lunedì prossimo e riguarda le persone al di sopra dei 12 anni, ha annunciato oggi il governo cantonale.

"Da una decina di giorni il canton Giura sta affrontando un'impennata del coronavirus con più di venti nuovi casi positivi confermati", ha indicati oggi il governo giurassiano, precisando che l'obbligo di indossare la mascherina nei negozi e nelle attività commerciali - che sarà in vigore per un periodo di due mesi - può essere esteso a seconda dell'evoluzione della situazione.

Una misura simile è stata adottata anche dal canton Vaud, che dal prossimo mercoledì renderà obbligatorio l'uso della mascherina in tutti i negozi del cantone se esso è frequentato da più di 10 persone. Il provvedimento è stato annunciato questo pomeriggio dal governo vodese.

La maschera sarà obbligatoria anche per il personale di vendita, ha aggiunto il Consigliere di Stato Philippe Leuba, chiedendo l'assoluto rispetto delle distanze sanitarie. Ha anche annunciato un sistema più rigoroso per i bar e le discoteche, in particolare per quanto riguarda la tracciabilità. Per i ristoranti, l'uso di mascherine non sarà obbligatorio per i clienti, ma "fortemente raccomandato" per il personale. Anche in questo caso è richiesta la raccolta dei dati dei clienti.

Locali notturni nel mirino

In diverse zone della Svizzera a finire nel mirino è soprattutto la vita notturna. Dal momento che nelle discoteche e nei club è difficile mantenere la distanza e dunque fare prevenzione, è opportuno poter disporre delle informazioni personali degli avventori per poterli rintracciare in seguito.

Dopo Zurigo, Berna, Argovia, Soletta e Ticino, anche Basilea Campagna e da ultimo Vaud vogliono rafforzare i controlli per evitare nuove propagazioni di coronavirus in seguito alla "movida".

Quanto accaduto a Zurigo, ma anche in altri locali dei cantoni di Argovia, Soletta e Ticino negli scorsi weekend, non deve più ripetersi: alcuni clienti non hanno fornito i loro reali dati di contatto o la loro identità, rendendo incompleta la tracciatura dei contatti in caso di infezioni. Gli organizzatori dovranno dunque verificare l'autenticità dei dati personali forniti dagli avventori tramite un controllo sistematico dei documenti di identità. A Berna, Soletta e Argovia - e presto anche nel canton Vaud - tali verifiche valgono anche per i bar.

Soletta: non si isola, 280 in quarantena

A Soletta, una persona risultata positiva al test del coronavirus non ha rispettato le misure di isolamento e si è recato a due eventi a Grenchen (SO) lo scorso weekend. In seguito alla bravata, il medico cantonale ha dovuto ordinare la quarantena di dieci giorni a circa 280 persone.

Le violazioni delle misure di quarantena e di isolamento possono essere punite penalmente con ammende. Il Cantone sta attualmente esaminando la possibilità di intraprendere un'azione legale contro la persona che non ha rispettato le misure di isolamento, ha indicato oggi la cancelleria cantonale solettese.

Cantoni per obbligo identificazione nei locali

La Conferenza dei direttori cantonali della sanità (CDS) raccomanda di introdurre l'obbligo di identificarsi per recarsi in un bar o in un club. La misura garantirebbe un tracciamento dei contatti e aiuterebbe a frenare la propagazione del coronavirus.

Zurigo, Berna, Argovia, Soletta, Basilea Città, Basilea Campagna e Lucerna hanno già annunciato che rafforzeranno i controlli d'identità all'entrata dei locali notturni, in seguito ai recenti casi di contagio. Gli organizzatori dovranno verificare l'autenticità dei dati indicati dai clienti.

In materia di igiene e condotta "un approccio nazionale è auspicabile", si legge in un comunicato odierno della CDS. È infatti chiaro che il concetto di protezione per bar e club "presenti lacune considerevoli o possa essere aggirato".

Se i nuovi concetti proposti non venissero rispettati, "misure supplementari" dovrebbero essere prese. Una nuova limitazione degli orari d'apertura, una restrizione più importante del numero di persone o anche una chiusura totale "dovrebbero essere previsti per legge".

TOP NEWS Svizzera
Svizzera
5 ore
'La fuga del re', Spagna chiede assistenza giudiziaria a Berna
La richiesta è stata inoltrata alla procura di Ginevra. Il Dfae ha affermato che i beni in Svizzera di re Juan Carlos non sono per ora stati bloccati
Svizzera
6 ore
Neuchâtel, balneazione al lago di nuovo consentita
La presenza di cianobatteri è stata confermata, ma i risultati delle ultime analisi effettuate hanno dato valori negativi circa la presenza di tossine
Svizzera
6 ore
Zurigo tiene d'occhio i rimpatri da Paesi a rischio
I dati di contatto di tutti i passeggeri che giungono da Paesi a rischio vengono raccolti all'aeroporto dalla polizia aeroportuale
Svizzera
7 ore
Penuria di macchinisti alle Ffs, treni soppressi
La crisi del coronavirus ha infatti rallentato la formazione. Conseguenza: alcuni treni soppressi durante il lockdown continuano a non circolare
Svizzera
8 ore
Coronavirus, donne incinte tra le categorie a rischio
Mathys (Ufsp): in Svizzera 45 persone in terapia intensiva, 32 intubate. Ipg per chi va in quarantena al rientro da Paesi inseriti nella lista 'nera'
Svizzera
9 ore
La Spagna è entrata nella lista dei Paesi a rischio
Obbligo di quarantena per chi rientra dal paese iberico, escluse le isole Baleari e Canarie. In tutto gli Stati 'a rischio' sono ora 46
Svizzera
10 ore
Coronavirus, in Svizzera 181 nuovi casi nelle ultime 24 ore
Il totale delle persone infette da inizio pandemia sale a 35'927. Ieri non si sono verificati nuovi decessi.
Svizzera
11 ore
La Svizzera vicina all'acquisto del vaccino
Stando a Pascal Strupler, direttore dell'Ufsp, sarebbe imminente la conclusione di un contratto di acquisto con la società americana Moderna
Svizzera
1 gior
Berset su errore Ufsp: 'Ci saranno conseguenze'
Secondo il Consigliere federale ci sono cantoni in cui un rafforzamento delle misure per contenere la diffusione del virus non si giustifica
Svizzera
1 gior
Aggredisce con una bottiglia rotta due passeggeri sul treno
Un 26enne ha ferito due persone su un treno intercity che viaggiava da Ginevra in direzione di Friburgo. È stato arrestato
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile