laRegione
Svizzera
29.06.20 - 21:470

Ginevra, salta anche l'edizione 2021 del Salone dell'auto

Gli organizzatori lo hanno reso noto spiegando di aver rinunciato dopo aver sentito gli espositori. Tutto rimandato al 2022

Il Salone dell'Auto di Ginevra non si farà nemmeno nel 2021. Lo ha deciso la Fondazione organizzatrice, che ha anche decretato di non accettare il prestito cantonale stanziato per attenuare le conseguenze finanziarie della pandemia di coronavirus.

In una nota, il Comitato e il Consiglio di fondazione del Salone dell'Auto indicano di aver "rinunciato ad organizzare una manifestazione nel 2021 per motivi evidenti: in seguito a un sondaggio, la maggioranza degli espositori ha annunciato che non parteciperebbe a un'edizione 2021 e che preferirebbe una prossima edizione nel 2022".

Anche l'appuntamento di quest'anno era saltato, a causa dell'epidemia di Covid-19. Riguardo al 2021, gli organizzatori sottolineano che il settore è confrontato con una grave crisi e gli espositori hanno bisogno di tempo prima di poter investire in un evento simile.

Inoltre, viene messo in risalto nel comunicato, non è neanche certo che la situazione sanitaria permetterà il regolare svolgimento di una manifestazione di queste dimensioni la prossima primavera. La Fondazione ricorda che si parla di oltre 600'00 visitatori e 10'000 giornalisti.

Anche la scelta di declinare il credito è legata alla rinuncia all'edizione 2021. A marzo la Fondazione aveva chiesto al canton Ginevra un sostegno per coprire il buco - stimato in 11 milioni di franchi - causato dall'annullamento del salone 2020 e per preparasi all'anno seguente. All'inizio di giugno il Gran Consiglio ha così sbloccato 16,8 milioni.

Pur ringraziando le autorità, gli organizzatori hanno rifiutato i soldi, in quanto, tenendo conto dei termini stabiliti, non potevano essere una garanzia di stabilità finanziaria a lungo termine. Infatti, la Fondazione avrebbe dovuto rimborsare una prima tranche da 1 milione a partire da giugno 2021 senza aver incassato precedentemente denaro, dato che la manifestazione non si terrà. Per di più, il prestito era subordinato proprio allo svolgimento del salone l'anno prossimo.

Infine, la Fondazione fa sapere di privilegiare la vendita dell'evento alla società Palexpo SA, in modo da trovare una soluzione che permetta l'organizzazione regolare di un salone dell'auto a Ginevra. Altre informazioni dettagliate su tutte le decisioni verranno svelate domani nel corso di una conferenza stampa, in programma nel pomeriggio.
Nota:

TOP NEWS Svizzera
Svizzera
3 ore
Un successo il pass per la vita notturna in Svizzera
Dal suo lancio, voluto per soddisfare la richiesta governativa di registrare le presenze, ne sono stati scaricati 25'000 e ne vengono usati 10'000 ogni weekend
Vaud
4 ore
Quindicenne al volante semina scompiglio a Yverdon
Il giovane è stato fermato sull'autostrada A1 dopo aver commesso numerose e gravi infrazioni. È in stato di fermo
Svizzera
7 ore
'Ticino e Grigioni rischiano di diventare paesi per anziani'
Lo prevede il Gruppo svizzero per le regioni di montagna proiettando l'andamento attuale fino al 2050: 'Prospettiva inquietante'
Svizzera
9 ore
Uber offrirà servizi anche a Sion, Friborgo e Yverdon
La compagnia americana sbarca in altri tre centri. Nei primi due si appoggerà completamente sui taxi locali
Svizzera
11 ore
Coronavirus, stabili i nuovi contagi in Svizzera: ieri 54
Dopo l'aumento registrato la scorsa settimana, i nuovi contagi da Covid-19 sono tornati sotto soglia 100. E vi rimangono. Tre nuovi ricoveri
Svizzera
11 ore
Primo aereo elettrico certificato in Svizzera
È il Velis Electro di costruzione slovena. Per poterlo volare sono tuttavia necessarie numerose deroghe
Svizzera
12 ore
Esercito, 38 reclute e quadri trovati positivi al Covid-19
È il risultato dello screening eseguito su 11'828 militi entrati in servizio per la scuola reclute 2020
Svizzera
1 gior
Quindici anni al 'guru' del sesso che abusò di 18 giovani donne
Tribunale vodese condanna 66enne sedicente guaritore. Era stato arrestato grazie alla denuncia sporta da una delle sue vittime.
Svizzera
1 gior
Volevano arruolarsi nell'Isis: due persone a processo al Tpf
Depositato l'atto d'accusa nei confronti di uno svizzero e di uno svizzero-tunisino residenti in Romandia. Erano stati arrestati al rientro dalla Turchia.
Svizzera
1 gior
Urina contro un muro e viene picchiato, prestazioni Suva ridotte
Il Tribunale federale dà ragione all'assicurazione contro gli infortuni, che ha ritenuto che la vittima non fosse esente da responsabilità
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile