laRegione
14.05.20 - 09:51

La Svizzera invasa ogni anno da tonnellate di plastica

Sono circa 14mila quelle immesse nel suolo e nelle acque, da abrasione e smaltimento improprio. L'Ufam intende applicare delle misure di contenimento

la-svizzera-invasa-ogni-anno-da-tonnellate-di-plastica
È necessario ridurre il suo impatto sull'ambiente (foto archivio Keystone)

La plastica non deve finire nell’ambiente. Ciononostante, ogni anno in Svizzera circa 14mila tonnellate di materie plastiche sono immesse nel suolo e nelle acque, soprattutto a causa dell’abrasione e della decomposizione di prodotti plastici (circa ottomila tonnellate) come pure dello smaltimento improprio di rifiuti in plastica (come il littering, circa 2'700 t).

Lo ha pubblicato in sintesi l’Ufficio federale dell’ambiente (Ufam), tracciando l’impatto ambientale dovuto alle materie plastiche. L'interesse dell'Ufficio federale è proporre misure efficaci per ridurre l'inquinamento.

Gli svizzeri utilizzano grandi quantità di plastica

Ogni anno viene trasformato un milione di tonnellate di materie plastiche, sia per realizzare prodotti di breve durata, come imballaggi o stoviglie monouso, sia per produrre merci con una durata di vita più lunga, come telai per finestre o parti della carrozzeria delle automobili. Ogni anno vengono smaltite 780mila tonnellate di plastica. Tuttavia, le ripercussioni di questo uso di materie plastiche non è ancora stato studiato in dettaglio.

Proposito: ridurre il più possibile le immissioni di plastica nell'ambiente

Poiché le materie plastiche si accumulano nell'ambiente e si degradano solo molto lentamente, al fine di rispettare il principio di precauzione il loro impatto ambientale deve essere ridotto il più possibile. Inoltre, è necessario colmare le lacune conoscitive per quanto concerne la degradazione e il comportamento della plastica nell'ambiente e le possibili conseguenze a lungo termine dell'inquinamento da plastica per gli organismi viventi e l'uomo.

Sulla base di questa sintesi, l'Ufam attuerà numerosi interventi parlamentari riguardanti le materie plastiche. In particolare, la mozione CAPTE-N «Meno rifiuti plastici nell'acqua e nel suolo», che chiede alla Confederazione, in collaborazione con i settori interessati, di proporre misure per ridurre l'impatto ambientale della plastica. Parallelamente, l'Ufam segue da vicino la Strategia europea per la plastica nell'economia circolare. Al fine di ridurre l'impatto ambientale dovuto alla plastica, occorre anche rafforzare la prevenzione dei rifiuti. Infine, i prodotti in plastica saranno ulteriormente sviluppati in modo da poter essere valorizzati meglio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
2 ore
Disoccupazione Seco stabile al 2,4% in Ticino
Il tasso di iscritti negli uffici regionali di collocamento a livello nazionale è sceso sotto il 2% per la prima volta dal 2001
energia
12 ore
Gas: anche la Svizzera vuole impianti di stoccaggio
La richiesta è dell’Associazione svizzera dell’industria del gas (Asig). Il tema verrà trattato dal Consiglio federale
Svizzera
19 ore
Migros: in arrivo ‘Teo’, il negozio senza personale
Vi si potrà accedere mediante carta di credito oppure un codice QR Cumulus. La casse automatiche accetteranno anche il pagamento con twint
Svizzera
21 ore
Impressum chiede aumenti salariali nei media
Sollecitato l’adeguamento delle retribuzioni in funzione dell’inflazione. ‘Non concederlo equivarrebbe a una riduzione dello stipendio’
Svizzera
22 ore
‘Io, adolescente e con la fedina penale già macchiata’
Fra i reati più commessi dai giovanissimi ci sono il taccheggio e il porto abusivo di armi, lo indica un’indagine internazionale
Svizzera
23 ore
Crescono i pernottamenti in Svizzera. Ma non in Ticino
In controtendenza rispetto a quella nazionale, nel nostro cantone in agosto la flessione è stata del 16%. Ma nel 2021 cifre ‘dopate’
Svizzera
1 gior
Covid, da lunedì quarta dose in tutta la Svizzera
Come a livello cantonale, la vaccinazione è consigliata soprattutto alle persone a rischio sopra i 65 anni e al personale sanitario
Svizzera
1 gior
Addio ai ‘gioielli di famiglia’ per Credit Suisse
L’istituto di credito ha avviato il processo di vendita dell’albergo di lusso Savoy, ultimo grande immobile ancora di proprietà della banca
Svizzera
1 gior
Sedicenne gravemente ustionato da un arco elettrico
Il giovane, che si trovava accanto a un treno merci fermo alla stazione di Rafz, nel canton Zurigo, è stato elitrasportato all’ospedale
Svizzera
1 gior
Successione di Maurer, anche Rickli e Stamm Hurter si defilano
L’ex consigliera nazionale di Winterthur, tra i favoriti per il posto vacante in governo, non sarà della corsa. Così come l’ex vicepresidente dell’Udc
© Regiopress, All rights reserved