laRegione
09.03.20 - 21:39
Aggiornamento: 21:54

Imprese responsabili, totale disaccordo sul controprogetto

Il Consiglio degli Stati mantiene il suo controprogetto senza clausola di responsabilità. La palla torna al Nazionale.

imprese-responsabili-totale-disaccordo-sul-controprogetto
Keystone
La consigliera federale Karin Keller-Sutter

Non c'è accordo tra i due rami del Parlamento in merito al controprogetto da affiancare all'iniziativa popolare "per imprese responsabili". Con 35 voti contro 16, oggi il Consiglio degli Stati ha deciso di mantenere la sua controproposta bocciando quella elaborata dal Nazionale.

Con l'iniziativa, depositata il 10 ottobre 2016, si chiede che le imprese che hanno la loro sede in Svizzera debbano rispettare anche all'estero i diritti umani riconosciuti e le norme ambientali internazionali. Le imprese potranno inoltre essere chiamate a rispondere anche per gli atti delle aziende che controllano economicamente senza parteciparvi sul piano operativo.

Il controprogetto del Nazionale concerne invece solo le società più grandi (fatturato di oltre 80 milioni, utile di almeno 40 milioni e 500 dipendenti; devono essere soddisfatti almeno due di questi tre criteri) e limiterebbe la loro responsabilità civile alle loro filiali controllate direttamente. La proposta contiene anche una procedura di conciliazione obbligatoria tra le parti prima dell'avvio di una procedura penale.

Oggi il relatore commissionale Beat Rieder (Ppd/Vs) ha criticato quest'ultimo aspetto definendolo un "esercizio di alibi". La proposta del Nazionale non permette inoltre di escludere i doppi processi, ossia una causa in Svizzera e una nel Paese dove si è verificato il presunto danno.

Per la maggioranza, inoltre, il controprogetto del Nazionale contiene standard che non sono coordinati a livello internazionale. Ciò potrebbe avere conseguenze imprevedibili per l'economia svizzera: alcune aziende, ha sostenuto Rieder, potrebbero ritirarsi dai Paesi a rischio lasciando il campo ad altre con meno scrupoli, come già succede in Africa.

I "senatori" preferiscono quindi sostenere il controprogetto elaborato dal governo che si limita a chiedere alle multinazionali di riferire ogni anno sulla loro politica in materia di diritti umani e che contempla anche doveri di "diligenza" in materia di lavoro minorile ed estrazione di materie prime.

La Svizzera sarebbe uno dei primi Paesi al mondo a prevedere disposizioni per questi settori. I Paesi Bassi ne hanno previste per il lavoro minorile, ma non sono ancora in vigore. Per le risorse minerarie saremmo alla pari con quanto fa l'UE, ha aggiunto Rieder.

Una semplice rendiconto come chiesto dagli Stati è insufficiente, ha replicato Carlo Sommaruga (Ps/Ge): se le società elvetiche approfittano degli utili delle loro filiali all'estero, devono anche assumersi le responsabilità in caso di infrazioni. Ampie fasce della nostra popolazione ne hanno abbastanza di società che abusano della buona reputazione della Svizzera per perpetrare attività dannose per l'ambiente, immorali e disumane, ha aggiunto, invano, Mathias Zopfi (Verdi/Gl).

Il dossier torna ora al Consiglio nazionale. Se i due consigli non troveranno un compromesso entro la fine di questa sessione, l'iniziativa - la cui raccomandazione di voto, negativa, è già stata decisa - verrà sottoposta da sola a popolo e cantoni, verosimilmente in novembre.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
4 ore
‘Altri modelli da discutere in vista della prossima riforma’
A colloquio con Jerôme Cosandey di Avenir Suisse sulle prospettive future del primo pilastro dopo il risicato sì popolare ad Avs 21
Svizzera
7 ore
Domenica di bocciature a livello cantonale
La bocciatura più sonora, col 71,5% dei no, va al credito che il Canton Lucerna voleva dare alla Guardia Pontificia in Vaticano
Svizzera
9 ore
Allevamento intensivo: il no è netto
La bocciatura dell’iniziativa va oltre le previsioni: il 62,86% dei votanti ha infatti detto no
Svizzera
9 ore
Imposta preventiva: respinta dal 52% dei voti
Malgrado il testa a testa, alla fine prevale il no
Svizzera
9 ore
Riforma AVS: le donne andranno in pensione a 65 anni
La modifica della legge federale sull’assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti approvata per un soffio: sì al 50,6%
Svizzera
10 ore
Ambasciatore ucraino a Berna, no asilo per disertori russi
Preoccupano i migliaia di russi in fuga dal loro Paese per evitare il reclutamento, si teme che tra loro vi siano spie di Putin
Svizzera
14 ore
Una votazione che ha lasciato col fiato sospeso
Le urne sono chiuse, è iniziato lo spoglio delle schede. I risultati in tempo reale
Svizzera
17 ore
C’è tempo fino a mezzogiorno per votare
Svizzeri alle urne su Avs, imposta preventiva e allevamento intensivo
Svizzera
1 gior
Gli F-35 si comprano e gli oppositori si vestono da lutto
La manifestazione oggi a Berna per denunciare “la farsa democratica” riguardo alla decisione del Consiglio federale di acquistare i jet da combattimento
Svizzera
1 gior
Se il vaccino è ‘da buttare’
Sono oltre 10milioni le dosi di Moderna che la Confederazione ha acquistato per contrastare il Covid e che mercoledì... sono scadute
© Regiopress, All rights reserved