laRegione
09.03.20 - 21:27

Il Nazionale vuole agire contro i prezzi maggiorati

Una netta maggioranza è a favore di un controprogetto indiretto all'Iniziativa per prezzi equi

il-nazionale-vuole-agire-contro-i-prezzi-maggiorati
Keystone

Occorre fare qualcosa contro la maggiorazione dei prezzi in Svizzera per prodotti fabbricati all'estero. Con 154 voti contro 27 e 4 astenuti, il Consiglio nazionale ha accolto stasera il controprogetto indiretto elaborato dal Consiglio federale da opporre all'iniziativa popolare 'Stop all'isola dei prezzi elevati - per prezzi equi (Iniziativa per prezzi equi)'. Quest'ultima è stata bocciata con 102 voti contro 58 e 27 astensioni perché giudicata eccessiva. Il dossier passa ora agli Stati.

"Come giustificare il fatto che un videogioco del prezzo di 29 dollari sia venduto da una piattaforma di distribuzione a 50 franchi svizzeri? Ciò è inaccettabile", ha deplorato Samuel Bendahan (Ps/Vd), per il quale importatori esclusivi approfittano del potere d'acquisto in Svizzera.

I prezzi maggiorati non penalizzano soltanto i consumatori. Il settore alberghiero, la ristorazione, l'agricoltura e l'industria sono pure toccati, ha rilevato Olivier Feller (Plr/Vd) a nome della commissione. Stando a un recente studio, il sovraccosto per le imprese e i consumatori elvetici ammonterebbe ad oltre 15 miliardi di franchi annui.

Svizzeri sostengono iniziativa

L'iniziativa popolare - sostenuta da parlamentari federali, tra cui il ticinese Fabio Regazzi (Ppd), associazioni in favore dei consumatori, Gastrosuisse, Swissmechanic e Hotelleriesuisse - chiede alla Confederazione di modificare la legge sui cartelli (LCart) per permettere alle aziende svizzere di acquistare all'estero senza passare da importatori e fornitori. La non discriminazione dovrebbe valere anche per il commercio online.

Stando a un sondaggio gfs, il 68% della popolazione approva l'iniziativa, ha ricordato Benjamin Roduit (Ppd/Vs). Sarebbe una soluzione al turismo degli acquisti che rovina i cantoni frontalieri e farebbe abbassare i costi di produzione in Svizzera.

Ma diversi parlamentari hanno giudicato il testo eccessivo. "Non è per nulla sicuro che la riduzione dei prezzi si ripercuoterà sui consumatori", ha messo in guardia Thomas Burgherr (Udc/Ag). "Tale progetto conduce al controllo della concorrenza", gli ha fatto eco Frédéric Borloz (Plr/Vd).

Non nella costituzione

Diversi parlamentari hanno inoltre tentato di convincere il plenum a non modificare la costituzione. Secondo Beat Walti (Plr/Zh), occorrerebbe affrontare il problema alla radice, riducendo gli ostacoli al commercio. Se si vogliono prezzi bassi e una vera concorrenza, bisogna sostenere un mercato libero e ridurre l'IVA e i diritti di dogana, ha aggiunto Philippe Nantermod (Plr/Vs).

Ma, al voto, il Nazionale ha chiaramente optato per il controprogetto indiretto. Quest'ultimo, secondo il governo, soddisferebbe la richiesta principale dell'iniziativa, ossia agevolare le importazioni parallele rafforzando la libertà di approvvigionamento delle aziende elvetiche. Stando al consigliere federale Guy Parmelin (Udc), il progetto di revisione della legge sui cartelli è più moderato e flessibile dell'iniziativa. Se l'iniziativa dovesse essere accolta, la Svizzera violerebbe taluni dei suoi obblighi internazionali, ha avvertito. E il plenum lo ha seguito bocciando il testo con un'ampia maggioranza. Gli Stati devono ancora pronunciarsi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Kutter dal centro paraplegici di Nottwil: ‘Ce la faremo!’
Il consigliere nazionale zurighese twitta un messaggio di ottimismo dopo l’incidente sugli sci costatogli la frattura di due vertebre cervicali
Svizzera
1 ora
I Cantoni potrebbero restare per anni senza i soldi della Bns
È quanto affermano gli economisti dell’Ubs. La probabilità di una distribuzione salirà di nuovo sopra il 50% soltanto nel 2026
Svizzera
2 ore
Nel 2022 il 66% in più di traffico aereo in Svizzera
Il dato si sta riavvicinando a quello del periodo pre-pandemico distaccandosi solo del 12% rispetto al 2019
Svizzera
3 ore
Syndicom: basta molestie e sessismo nelle redazioni
Sulla scia delle rivelazioni su casi di mobbing e sessismo presso una testata del gruppo Tamedia, il sindacato dei media reclama un cambio di cultura
Svizzera
4 ore
Niente da fare per l’iniziativa per pensioni eque
I promotori gettano la spugna: l’obiettivo delle 100mila firme entro il 7 marzo resta una chimera
Svizzera
4 ore
Grindelwald, fiamme in una stazione della seggiovia
L’incendio si è sviluppato nella struttura a valle dell’impianto di risalita ‘Schilt’. Chiusa per motivi di sicurezza anche la vicina ‘Grindel’
Svizzera
5 ore
Dipendenze Svizzera contro la vendita notturna di alcolici
La Fondazione rileva come nei cantoni in cui dalle 21 alle 6 non è in vendita l’alcol, a parte il vino, i ricoveri dei giovani sian diminuiti del 30%
Svizzera
6 ore
La disoccupazione ‘Seco’ sale al 2,2%, il Ticino al quinto posto
I dati della Segreteria di Stato per l’economia non includono chi ha esaurito il diritto a ricevere le prestazioni o si trova a beneficio dell’assistenza
Svizzera
18 ore
Ottanta soccorritori svizzeri partiti verso Turchia e Siria
In serata sono decollati da Zurigo anche otto cani da ricerca e 18 tonnellate di materiale con destinazione le aree disastrate dal potentissimo sisma
Svizzera
23 ore
L’uomo è ancora visto come responsabile del reddito familiare
Secondo un sondaggio, uomini e donne concordano sul fatto che un padre dovrebbe lavorare a una percentuale maggiore rispetto a una madre
© Regiopress, All rights reserved