laRegione
29.01.20 - 11:27
Aggiornamento: 11:44

Berna dice sì al matrimonio per le coppie omossessuali

Il Consiglio federale vuole eliminare le attuali disparità di trattamento delle coppie dello stesso sesso

Ats, a cura de laRegione
berna-dice-si-al-matrimonio-per-le-coppie-omossessuali
Via le disparità (archivio Ti-Press)

Il Consiglio federale vuole eliminare le attuali disparità di trattamento delle coppie dello stesso sesso. Per questo, come prima cosa, ritiene che sia necessario sancire il principio che possono sposarsi.

Con questa presa di posizione il governo sostiene il progetto elaborato dalla Commissione degli affari giuridici del Consiglio nazionale sulla base dell'iniziativa parlamentare 'Matrimonio civile per tutti', viene spiegato in un comunicato governativo odierno.

Il testo permette alle coppie che già vivono in unione domestica registrata di convertire tale unione in un matrimonio in modo rapido e senza complicazioni burocratiche. La modifica, secondo l'esecutivo, può essere realizzata con una revisione legislativa e non è necessaria una revisione della Costituzione.

Progetto a tappe per eliminare le disparità

Per l'eliminazione delle disparità è stato scelto un percorso a tappe, con questioni politiche delicate che verranno affrontate in seconda battuta, in modo da evitare che l'intero progetto venga compromesso.

Una di tali questioni è l'accesso alla medicina riproduttiva per le coppie dello stesso sesso, che solleva importanti questioni giuridiche e sociali che devono essere approfondite e discusse. Tra queste vi è l'eventuale apertura dell'accesso alla donazione di sperma per le coppie di sesso femminile. Un gruppo di esperti si sta già occupando delle tematiche e formulerà raccomandazioni entro l'estate del 2021.

L'introduzione di un'ulteriore forma di partenariato al di fuori del matrimonio e indipendentemente dalla composizione di genere della coppia sarà esaminato in un rapporto su un possibile Pacs (Pacte Civil de Solidarité). Sul tema sono stati presentati diversi interventi parlamentari.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
7 ore
Ottanta soccorritori svizzeri partiti verso Turchia e Siria
In serata sono decollati da Zurigo anche otto cani da ricerca e 18 tonnellate di materiale con destinazione le aree disastrate dal potentissimo sisma
Svizzera
12 ore
L’uomo è ancora visto come responsabile del reddito familiare
Secondo un sondaggio, uomini e donne concordano sul fatto che un padre dovrebbe lavorare a una percentuale maggiore rispetto a una madre
Svizzera
14 ore
In Svizzera un sisma come quello in Turchia sarebbe catastrofico
Le norme antisismiche elvetiche sono basate su terremoti di magnitudo massima inferiore alle scosse in Turchia: ma la probabilità è estremamente bassa
Svizzera
16 ore
Jelmoli si ristruttura, centinaia di dipendenti interessati
Nessun operatore interessato a gestire la struttura, e Swiss Prime Site, l’attuale proprietario, ne annuncia una profonda ristrutturazione
Svizzera
16 ore
Terremoto in Turchia, echi anche nel nostro Paese
Le prime onde sismiche sono state registrate anche dalla stazione di misurazione di Zurigo, circa 6 minuti dopo la scossa principale
Svizzera
17 ore
Berna accoglie l’appello lanciato dalle autorità turche
La Catena svizzera di salvataggio (composta da un’ottantina di persone) è pronta a partire alla volta delle zone colpite dal violento terremoto
Svizzera
18 ore
La migrazione degli anfibi minacciata dal cambiamento climatico
Non bastava il pericolo di essere investiti durante gli spostamenti verso il luogo di deposizione: il riscaldamento globale ne sconvolge la riproduzione
Svizzera
19 ore
Sostegno e aiuti dalla Svizzera alle vittime del terremoto
Mano tesa del nostro Paese verso Turchia e Siria. Lo indica il presidente della Confederazione Alain Berset con un ‘cinguettio’
Svizzera
19 ore
Dopo il passaporto, è la carta d’identità a rifarsi il look
Il nuovo documento sarà disponibile a partire dal 3 marzo. Quelli emessi prima avranno comunque validità fino alla loro scadenza
Svizzera
1 gior
‘La penuria di farmaci è un problema internazionale’
Secondo Yvonne Gilli, presidente della Federazione dei medici svizzeri, urge una ‘soluzione globale ai massimi livelli’
© Regiopress, All rights reserved