laRegione
il-taf-annulla-divieto-di-entrata-in-svizzera-a-presunto-jihadista
SchweizerischesBundesverwaltungsgericht Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0)
Svizzera
06.12.19 - 13:320
Aggiornamento : 14:50

Il Taf annulla divieto di entrata in Svizzera a presunto jihadista

Annullata la decisione dell'Ufficio federale di polizia. ‘Insufficiente il presupposto del divieto’ per un cittadino francese

Il Tribunale amministrativo federale (Taf) ha annullato oggi la decisione di divieto di ingresso in Svizzera pronunciata dall'Ufficio federale di polizia (fedpol) contro un cittadino francese per la sua presunta radicalizzazione, in quanto è stato violato il diritto dell'interessato a consultare il dossier. Inoltre il Taf considera insufficiente il presupposto del divieto.

Il caso concerne un cittadino francese domiciliato in Francia con moglie e figli con nazionalità elvetica. L'uomo ha lavorato in Svizzera per diversi anni, in particolare presso la moschea del Petit-Saconnex a Ginevra.

Nel 2017, perde il suo impiego e il cantone di Ginevra rifiuta di rinnovargli l'autorizzazione frontaliera. Nel gennaio 2018, fedpol pronuncia nei suoi confronti un divieto di ingresso in Svizzera per una durata di cinque anni in quanto rappresenta una minaccia per la sicurezza interna della Svizzera a causa della sua radicalizzazione.

Documenti "occultati"

Il diritto svizzero prevede la possibilità di rifiutare a una parte la consultazione di certi documenti del dossier. Una eventuale restrizione del diritto di consultazione deve tuttavia essere giustificata da interessi importanti come l'interesse pubblico alla protezione delle fonti di informazioni e rispettare il principio della proporzionalità, ricorda il Taf.

In questo caso fedpol "non ha proceduto con la cautela necessaria quando ha occultato in modo eccessivo documenti pertinenti ai fini dell'esito della controversia, senza un'attenta considerazione degli interessi pubblici e privati", scrive il TAF nella sua decisione. "Ha rifiutato, senza motivo pertinente, di divulgare la valutazione effettuata da un collaboratore del Servizio di informazione della Confederazione (Sic) sulla minaccia che il ricorrente rappresenta per la sicurezza interna della Svizzera", prosegue.

L'emissione di un ordine di allontanamento da parte di fedpol nei confronti di un cittadino europeo presuppone l'esistenza di una minaccia attuale, reale e di una certa gravità per la sicurezza interna della Svizzera, secondo il Taf. "Il dossier preparato da fedpol finora, tuttavia, non contiene sufficienti elementi concreti per considerare l'esistenza di una tale minaccia", sostengono i giudici.

Il ricorrente è accusato per la sua presunta appartenenza all'islam radicale, il suo lavoro all'interno di una moschea frequentata da estremisti e per un possibile rancore nei confronti delle istituzioni svizzere a causa delle decisioni delle autorità elvetiche. Questo non basta a giustificare il divieto di ingresso nei confronti di un cittadino europeo che ha legami molto stretti con la Svizzera, aggiunge il Taf.

D'altra parte il Taf dice di non poter accordare un peso preponderante ai sospetti formulati da fedpol dopo aver consultato il Sic se i timori espressi non sono confermati da alcun elemento concreto o prova convincente che figura nel dossier.

"In tale contesto, è importante precisare che il fascicolo di fedpol non contiene alcuna prova che il ricorrente eserciti un'attività di proselitismo in favore dell'islam radicale o sia impegnato in una qualsiasi altra attività criminale legata alle sue convinzioni religiose", conclude il Taf.

TOP NEWS Svizzera
Svizzera
10 ore
Dagli Stati un sì alla revoca dell'immunità a Lauber
La Commissione degli affari giuridici favorevole al procedimento contro il dimissionario procuratore generale della Confederazione
Svizzera
11 ore
Basilea, bimbo ucciso a sangue freddo: 76enne internata
La donna che l'anno scorso ha ucciso con una pugnalata al collo un bambino di 7 anni è stata dichiarata incapace di intendere e di volere
Svizzera
12 ore
'La Svizzera ha bisogno dei caccia per proteggere la popolazione'
È quanto sostiene il comitato interpartitico 'Sì all'acquisto di nuovi aerei da combattimento', in vista della votazione del prossimo 27 settembre
Svizzera
13 ore
'La libera circolazione mette in pericolo prosperità e libertà'
L'Udc ha lanciato la sua campagna a favore dell'iniziativa popolare 'per un'immigrazione moderata (Iniziativa per la limitazione)'
Svizzera
16 ore
Il Covid non ferma le azioni a favore del clima
I movimenti ambientalisti hanno deciso di unirsi per organizzare una settimana di disobbedienza civile e un nuovo sciopero per il clima il 4 settembre
Svizzera
16 ore
Coronavirus, in Svizzera 187 nuovi casi nelle ultime 24 ore
In totale il numero di contagi dall'inizio dell'epidemia ha quindi raggiunto quota 36'895. Ieri un nuovo decesso e undici ricoveri in ospedale
Svizzera
17 ore
Ringier cancella 35 posti di lavoro nelle riviste in tedesco
Il gruppo editoriale elvetico chiude la rivista Style, esternalizza Bolero e punta su maggiori sinergie per Schweizer Illustrierte e SI online
Svizzera
18 ore
Pornografia, a Zurigo esplodono le denunce contro minorenni
Rispetto all'anno prima nel 2019 sono cresciute del 230% per diffusione di materiale vietato. Raddoppiate le querele per video violenti
Svizzera
18 ore
Ex primario querelato dall'Ospedale universitario di Zurigo
Avrebbe usato protesi cardiache di una società da lui stesso partecipata e alterato dati del sistema informatico interno
Svizzera
19 ore
Il gioco del calcio provoca 45'000 incidenti all'anno
In Svizzera i dati Suva indicano assenze medie degli infortunati dal lavoro di due settimane
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile