laRegione
Svizzera
17.11.19 - 09:310

Cambiare dipartimento? Non è nei pensieri di Ignazio Cassis

'Attaccato' dall'avanzata dei Verdi il consigliere federale ticinese vuole rimanere agli Affari esteri per almeno altri dieci anni.

Un cambio di dipartimento non è nei pensieri di Ignazio Cassis. Il consigliere federale ticinese, che potrebbe vedere il proprio seggio in governo attaccato dai Verdi, intende restare a lungo ministro degli Esteri, almeno per altri dieci anni. Cassis, espressosi in un'intervista pubblicata oggi dal "SonntagsBlick", non ha "assolutamente voglia" di aria nuova e preferisce rimanere capo del Dipartimento federale degli affari esteri. A suo dire in seno all'esecutivo non si è parlato dell'eventualità di uno scambio.

L'11 dicembre l'elezione del Consiglio federale

L'elezione del Consiglio federale nel suo insieme si svolgerà l'11 dicembre. Il Plr, e di conseguenza la poltrona di Cassis, sono sotto pressione a seguito della forte avanzata dei Verdi alle elezioni del 20 ottobre. Tuttavia, gli ecologisti non hanno ancora comunicato se presenteranno o meno un candidato. Per il ministro, il fatto di essere ticinese lo sfavorisce e fa sì che sia proprio il suo seggio quello messo nel mirino: "Le minoranze sono simpatiche per il discorso del Primo Agosto. Ma quando si tratta di ripartire il potere, non contano più niente". Cassis ha ammesso di essere consapevole che le sue posizioni a volte possono scioccare: "Sono una persona diretta, rimetto tutto in questione e affronto ogni cosa in maniera nuova. Così facendo è normale che qualcuno si irriti e che ci siano delle reazioni", prosegue il consigliere federale sulle pagine del domenicale. Il ticinese ha inoltre evocato la questione linguistica: "Sono il solo membro del governo a non potersi esprimere nella propria lingua madre", ha ricordato Cassis, precisando che "parlo abbastanza bene francese e tedesco, ma non ho la stessa precisione di quando lo faccio in italiano". Riguardo alle ambizioni ecologiste a entrare nell'esecutivo, il ministro taglia corto: "Nel 2007, quando sono stato eletto in Consiglio nazionale, erano in corso discussioni simili. Anche allora i Verdi avevano guadagnato un numero significativo di seggi in Parlamento." Poi, evidenzia Cassis, "ne avevano persi quasi altrettanti nel 2011".
 
 

TOP NEWS Svizzera
Svizzera
16 ore
Coronavirus, 108 contagi in Svizzera nelle ultime 24 ore
Stabile il numero di nuovi casi nell'ultima settimana. Per tre volte superata la soglia psicologica dei 100
Svizzera
1 gior
Bimbo investito sulle strisce a Berna, è grave
Stava attraversando la strada a bordo del suo monopattino. I passanti hanno dovuto sollevare l'auto per liberarlo
Svizzera
1 gior
Annullate le tre note ‘désalpes’ del canton Friburgo
A causa del coronavirus quest'anno non si terranno a fine settembre le famose discese dagli alpeggi
Svizzera
1 gior
Coronavirus, in Svizzera nuovi contagi stabili: 104 ieri
Sono 104 le persone che nelle ultime 24 ore sono risultate positive al test. Sei le persone ricoverate
Svizzera
1 gior
I fautori del 5G cercano il dialogo con la popolazione
Nasce la piattaforma 'Change5G' per rispondere con 'fatti concreti e scientifici' alle preoccupazioni sulla nuova tencologia
Svizzera
1 gior
Vasto incendio nella zona industriale di Laufen
Diversi edifici in fiamme nel canton Basilea Campoagna, le fiamme sono scoppiate dopo le 3 di stanotte
Svizzera
2 gior
Meteo, temperature oltre i 30 gradi un po' in tutta la Svizzera
Record odierno, a Visp, con 32,5 gradi. In Ticino la colonnina di mercurio è salita a 31,2 gradi a Biasca
Svizzera
2 gior
La Confederazione richiama milioni di vecchie mascherine
Rinvenute tracce di funghi su uno stock acquistato nel 2007 e distribuito a istituzioni e cantoni. Una parte del lotto è già stato utilizzato.
Svizzera
2 gior
Politici Udc lanciano un referendum contro la rendita ponte
La prestazione è un invito a licenziare i lavoratori anziani, sostiene il comitato. Il partito nazionale si concentrerà sull'iniziativa anti-libera circolazione.
Svizzera
2 gior
Falsi sordi chiedono soldi, la Federazione mette in guardia
I truffatori fanno firmare una petizione facendo credere che il denaro verrà dato in beneficenza. La Fss: chiamate subito la polizia.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile