laRegione
13.10.19 - 09:06
Aggiornamento: 09:28

Casse malati: paghiamo un miliardo all'anno in più del dovuto

Farmaci molto più cari rispetto all'Ue. Santésuisse chiede a Berna d'intervenire, ma l'industria farmaceutica non intende cambiare politica dei prezzi

di Ats/red
casse-malati-paghiamo-un-miliardo-all-anno-in-piu-del-dovuto
Ti-Press

Gli svizzeri pagano ben un miliardo di franchi in più del dovuto per i premi di casse malati. A questa conclusione giunge un’inchiesta dell’Associazione delle assicurazioni malattia (Santésuisse), come riportato oggi dalla 'Sonntagszeitung'. Santésuisse ha calcolato l'ammontare che gli svizzeri potrebbero risparmiare se tutti i farmaci consumati ogni anno fossero economici quanto in altri paesi dell'Unione europea. La differenza ammonta a 1,1 miliardi di franchi. Per una famiglia di quattro persone si otterrebbe quindi una riduzione dei premi di circa 380 franchi all'anno, se i prezzi dei farmaci fossero uguali a quelli dei paesi di riferimento. Il presidente di Santésuisse, Heinz Brand, ha quindi chiesto al Consiglio federale di intervenire sottolineando la necessità di un maggiore coordinamento tra le istituzioni europee e la Confederazione, in particolare per quanto riguarda la protezione dei consumatori. Dal canto suo l'industria farmaceutica si oppone alle misure proposte: secondo Anita Geiger dell'Associazione farmaceutica Interpharma, una revisione annuale dei prezzi, come richiesto da Brand, è stata respinta perché «il costo per le autorità e le aziende sarebbe triplicato e sproporzionato rispetto ai risparmi realizzati». Nella 'vertenza' non si fa ovviamente cenno alle riserve miliardarie accumulate dalle assicurazioni malattia elvetiche affiliate a Santésuisse, le quali se liberate potrebbero contribuire a una sensibile riduzione dei premi. Ma questo è un altro discorso...

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
30 min
Disoccupazione Seco stabile al 2,4% in Ticino
Il tasso di iscritti negli uffici regionali di collocamento a livello nazionale è sceso sotto il 2% per la prima volta dal 2001
energia
10 ore
Gas: anche la Svizzera vuole impianti di stoccaggio
La richiesta è dell’Associazione svizzera dell’industria del gas (Asig). Il tema verrà trattato dal Consiglio federale
Svizzera
17 ore
Migros: in arrivo ‘Teo’, il negozio senza personale
Vi si potrà accedere mediante carta di credito oppure un codice QR Cumulus. La casse automatiche accetteranno anche il pagamento con twint
Svizzera
19 ore
Impressum chiede aumenti salariali nei media
Sollecitato l’adeguamento delle retribuzioni in funzione dell’inflazione. ‘Non concederlo equivarrebbe a una riduzione dello stipendio’
Svizzera
20 ore
‘Io, adolescente e con la fedina penale già macchiata’
Fra i reati più commessi dai giovanissimi ci sono il taccheggio e il porto abusivo di armi, lo indica un’indagine internazionale
Svizzera
21 ore
Crescono i pernottamenti in Svizzera. Ma non in Ticino
In controtendenza rispetto a quella nazionale, nel nostro cantone in agosto la flessione è stata del 16%. Ma nel 2021 cifre ‘dopate’
Svizzera
22 ore
Covid, da lunedì quarta dose in tutta la Svizzera
Come a livello cantonale, la vaccinazione è consigliata soprattutto alle persone a rischio sopra i 65 anni e al personale sanitario
Svizzera
22 ore
Addio ai ‘gioielli di famiglia’ per Credit Suisse
L’istituto di credito ha avviato il processo di vendita dell’albergo di lusso Savoy, ultimo grande immobile ancora di proprietà della banca
Svizzera
22 ore
Sedicenne gravemente ustionato da un arco elettrico
Il giovane, che si trovava accanto a un treno merci fermo alla stazione di Rafz, nel canton Zurigo, è stato elitrasportato all’ospedale
Svizzera
1 gior
Successione di Maurer, anche Rickli e Stamm Hurter si defilano
L’ex consigliera nazionale di Winterthur, tra i favoriti per il posto vacante in governo, non sarà della corsa. Così come l’ex vicepresidente dell’Udc
© Regiopress, All rights reserved