laRegione
violenza-sulle-donne-fermato-e-interrogato-l-imam-di-kriens
Violenza "giustificata" dal proposito educativo ©Ti-Press
Svizzera
10.10.19 - 12:390
Aggiornamento : 13:07

Violenza sulle donne, fermato e interrogato l'imam di Kriens

Il 38enne è stato rilasciato, continua però il procedimento nei suoi confronti. La Comunità islamica lucernese prende le distanze.

È stato temporaneamente fermato e interrogato l'imam di Kriens (Lucerna) che si dice abbia difeso nella locale moschea la violenza nei confronti delle donne per "educarle". La Comunità islamica di Lucerna (Igl), organizzazione cui fa capo il luogo di culto, prende le distanze dall'uomo, un 38enne di origine irachena.

Un portavoce della procura lucernese ha confermato oggi l'interrogatorio nei suoi confronti, come indicato dalle testate del gruppo Tamedia. L'imam è stato rilasciato, ha aggiunto, dato che non è stata disposta la carcerazione preventiva.

Il procedimento è però ancora in corso, ha precisato l'addetto stampa, ricordando che la procura ha avviato un'inchiesta a suo carico. Come sempre, ha concluso, vale la presunzione di innocenza fino a una sentenza definitiva.

I fatti – riportati dalla 'SonntagsZeitung' del 7 ottobre – risalgono a un venerdì dello scorso agosto, giorno di preghiera per i musulmani. Il ricorso a colpi leggeri nei confronti di una consorte indisciplinata, avrebbe dichiarato l'imam, sarebbe lecito qualora altre misure, come il dialogo, non dovessero avere effetto. Egli avrebbe paragonato un simile provvedimento all'educazione dei bambini.

Nel frattempo la Igl ha preso pubblicamente posizione sulla vicenda attraverso un comunicato. "Ci distanziamo dalle prediche che invocano il crimine e la violenza", si legge nella nota. L'organizzazione respinge qualsiasi forma di violenza, aggiunge.

"Il nostro obiettivo è promuovere l'integrazione in Svizzera", afferma Petrit Alimi, presidente dell'Igl, citato nella nota, ricordando che la Comunità islamica di Lucerna sta affrontando la sfida della professionalizzazione. Essa consiglia ad esempio alle moschee di controllare i sermoni in anticipo e documentarli con registrazioni audio.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
5 ore
'La fuga del re', Spagna chiede assistenza giudiziaria a Berna
La richiesta è stata inoltrata alla procura di Ginevra. Il Dfae ha affermato che i beni in Svizzera di re Juan Carlos non sono per ora stati bloccati
Svizzera
6 ore
Neuchâtel, balneazione al lago di nuovo consentita
La presenza di cianobatteri è stata confermata, ma i risultati delle ultime analisi effettuate hanno dato valori negativi circa la presenza di tossine
Svizzera
6 ore
Zurigo tiene d'occhio i rimpatri da Paesi a rischio
I dati di contatto di tutti i passeggeri che giungono da Paesi a rischio vengono raccolti all'aeroporto dalla polizia aeroportuale
Svizzera
7 ore
Penuria di macchinisti alle Ffs, treni soppressi
La crisi del coronavirus ha infatti rallentato la formazione. Conseguenza: alcuni treni soppressi durante il lockdown continuano a non circolare
Svizzera
8 ore
Coronavirus, donne incinte tra le categorie a rischio
Mathys (Ufsp): in Svizzera 45 persone in terapia intensiva, 32 intubate. Ipg per chi va in quarantena al rientro da Paesi inseriti nella lista 'nera'
Svizzera
9 ore
La Spagna è entrata nella lista dei Paesi a rischio
Obbligo di quarantena per chi rientra dal paese iberico, escluse le isole Baleari e Canarie. In tutto gli Stati 'a rischio' sono ora 46
Svizzera
9 ore
Coronavirus, in Svizzera 181 nuovi casi nelle ultime 24 ore
Il totale delle persone infette da inizio pandemia sale a 35'927. Ieri non si sono verificati nuovi decessi.
Svizzera
11 ore
La Svizzera vicina all'acquisto del vaccino
Stando a Pascal Strupler, direttore dell'Ufsp, sarebbe imminente la conclusione di un contratto di acquisto con la società americana Moderna
Svizzera
1 gior
Berset su errore Ufsp: 'Ci saranno conseguenze'
Secondo il Consigliere federale ci sono cantoni in cui un rafforzamento delle misure per contenere la diffusione del virus non si giustifica
Svizzera
1 gior
Aggredisce con una bottiglia rotta due passeggeri sul treno
Un 26enne ha ferito due persone su un treno intercity che viaggiava da Ginevra in direzione di Friburgo. È stato arrestato
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile