laRegione
lecito-colpire-la-moglie-imam-di-kriens-nei-guai
il predicatore sarebbe giunto in Svizzera nel 2007 in qualità di richiedente asilo (Ti-Press)
Svizzera
07.10.19 - 11:510
Aggiornamento : 15:48

'Lecito colpire la moglie', Imam di Kriens nei guai

Le affermazioni proferite dal 38enne religioso nella Moschea di Kriens potrebbero sfociare in un procedimento penale

Le affermazioni, proferite nella Moschea di Kriens(LU), di un Imam di origine irachena, secondo cui è lecito compire leggermente la moglie per "educarla", potrebbero sfociare in un procedimento penale. La procura di Lucerna ha infatti avviato un'inchiesta a carico del 38enne religioso.

L'eventuale accusa sarebbe istigazione pubblica a commettere un delitto o un crimine (articolo 259 del Codice penale). Poiché si tratta di un reato la procura ha deciso di avviare un'inchiesta, hanno precisato le autorità, sottolineando che al momento il religioso gode della presunzione di innocenza.

I fatti, come riferito dal domenicale, risalgono a un venerdì dello scorso agosto, giorno di preghiera per i musulmani. Il ricorso a colpi leggeri nei confronti di una consorte indisciplinata, avrebbe dichiarato l'Imam, sarebbe lecito qualora altre misure, come il dialogo, non dovessero avere effetto. Egli avrebbe paragonato un simile provvedimento all'educazione dei bambini.

Stando al foglio zurighese, il predicatore sarebbe giunto in Svizzera nel 2007 in qualità di richiedente asilo. Nel 2015, le autorità avevano già indagato sull'uomo per presunte attività di sostegno al terrorismo, ma nel processo del 2016 davanti al Tribunale penale federale di Bellinzona era stato assolto. Tre altri iracheni accusati del medesimo crimine, erano invece stati condannati. L'Imam aveva ricevuto un indennizzo di 1092 franchi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
22 ore
Consiglio federale contro le Camere sulle pigioni ridotte
Pronto il disegno di legge che consente agli esercizi commerciali di pagare il 40% degli affitti durante il lockdown
Svizzera
23 ore
Prete invia foto di un pene 'per sbaglio' e si dimette
Il sacerdote afferma di aver spedito 'involontariamente' un'immagine di un uomo nudo col pene eretto alla segretaria parrocchiale. Avviata un'inchiesta
Svizzera
1 gior
Coronavirus in Svizzera, 488 nuovi casi e tre decessi
Dall'inizio della pandemia il totale delle persone infette sale a 49'283, 1'765 il numero complessivo delle vittime
Svizzera
1 gior
Grave incidente stradale a Lucerna, diversi feriti
L'incidente è avvenuto verso le 17.30 sulla K10 nel tratto tra Schachen e Malters. Sono intervenute diverse ambulanze e un elicottero di soccorso
Camere federali
1 gior
Finanziamento dei partiti: l'anonimato batte la trasparenza
Controprogetto light sull'iniziativa per costringere i partiti a pubblicare il nome dei grandi donatori affossato al Consiglio Nazionale. Parla Martin Hilti
Svizzera
1 gior
Svizzera, i dati Covid del weekend comunicati solo il lunedì
Cambio di prassi all'Ufficio federale della sanità pubblica: 'Nel fine settimana le cifre non forniscono un quadro chiaro'
Svizzera
2 gior
Coronavirus, in Svizzera 530 casi, 18 ricoveri e 7 decessi
È da mesi che non si registravano due giorni consecutivi con così tanti morti a causa del Covid-19. Tasso tamponi/positivi del 3,4%
Svizzera
2 gior
Covid-19: vaccino facoltativo per la metà degli svizzeri
Il vaccino facoltativo è accolto bene soprattutto nella Svizzera tedesca, con il 51,2% contro il 43,9% del Ticino e della Romandia.
Svizzera
2 gior
Dopo lo shock del virus esportazioni in ripresa ad agosto
L'export elvetico cresce per il terzo mese consecutivo superando per la prima volta da marzo la soglia dei 18 miliardi di franchi.
Svizzera
2 gior
Secondo consigliere elvetico in quarantena a causa del figlio
La consigliera degli Stati giurassiana Elisabeth Baume-Schneider, che sta bene, è in isolamento con la sua famiglia.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile