laRegione
BENCIC B./KASATKINA D.
MELICHAR N./PESCHKE K.
23:30
 
Ginevra
2
Berna
2
overtime
(0-1 : 0-0 : 2-1 : 0-0)
BENCIC B./KASATKINA D.
0 - 0
23:30
MELICHAR N./PESCHKE K.
WTA-D
MIAMI USA
Ultimo aggiornamento: 21.03.2019 23:20
Ginevra
LNA
2 - 2
overtime
0-1
0-0
2-1
0-0
Berna
0-1
0-0
2-1
0-0
 
 
6'
0-1 ALMQUIST
 
 
48'
0-2 HEIM
1-2 WINGELS
59'
 
 
2-2 WINNIK
60'
 
 
ALMQUIST 0-1 6'
HEIM 0-2 48'
59' 1-2 WINGELS
60' 2-2 WINNIK
SC BERN leads series 3-2.
Ultimo aggiornamento: 21.03.2019 23:20
Polizia Appenzello Esterno
Svizzera
11.01.19 - 10:280
Aggiornamento 15:07

Dopo la slavina 75 persone sfollate ma nessun disperso

La valanga scesa ieri in Appenzello Esterno aveva un fronte largo 300 metri. Le ricerche di eventuali coinvolti sono riprese oggi

Sono riprese stamane le ricerche di eventuali persone sepolte sotto la valanga che ieri ha investito un hotel-ristorante sullo Schwägalp, in Appenzello esterno ai piedi del Säntis. Al momento non vengono comunque segnalati dispersi. Nel frattempo, le tre persone rimaste ferite hanno potuto lasciare l'ospedale.

Le ricerche erano state sospese ieri sera verso le 19.00 a causa del pericolo di nuove slavine. Oggi la squadra di soccorso ha proceduto a una nuova analisi del rischio e ha dato il via libera, precisa la polizia cantonale in una nota.

Le operazioni vengono effettuate con due cani da valanga, ha affermato a Keystone-ATS Hanspeter Schoop del Soccorso alpino svizzero. Quanto dureranno ancora non è noto. I soccorritori stanno lavorando in modo febbrile per completare le ricerche già domani: domenica sono infatti attese nuove nevicate.

La valanga, con un fronte largo circa 300 metri, è scesa ieri poco prima delle 16.30. Ha investito parte del ristorante, delle stanze che ospitano il personale e alcune auto parcheggiate. Una ricognizione effettuata oggi in elicottero ha permesso di stabilire che la slavina si è staccata a 1900 metri di quota (lo Schwägalp è a 1350 metri).

Già durante la notte, 75 persone tra ospiti dell'albergo e impiegati erano stati portati a valle. Una casa di vacanza è inoltre stata evacuata per precauzione. Stamane sono stati portati a valle con autobus i restanti 30 clienti e 11 dipendenti che avevano trascorso la notte sul posto. Oggi è anche stata riaperta la strada dello Schwägalp, la biforcazione per recarsi all'albergo e all'adiacente funivia del Säntis rimane tuttavia chiusa.

Secondo il direttore della Säntisbahn Bruno Vattioni "una valanga di questa portata non era prevedibile". I danni causati dalla slavina non sono per il momento quantificabili. L'hotel e la funivia rimangono per il momento chiusi.

Al momento del distacco della slavina il pericolo valanghe era al livello "4" ("forte") di una scala che ne conta "5". Ciò significa che valanghe spontanee sono probabili e che spesso raggiungono dimensioni molto grandi. Nel frattempo il pericolo è sceso a "3" ("marcato").

Nella regione dell'Alpstein, che comprende anche il Säntis, le valanghe sono molto rare, ha detto Schoop. Secondo la banca dati dell'Istituto per lo studio della neve e delle valanghe (SLF), nel nel 1942 una valanga ha danneggiato la stazione a valle della vecchia funivia del Säntis che si trovava dove oggi c'è l'hotel, Prima della costruzione dell'albergo, che appartiene alla Säntisbahn, era stata effettuata un'analisi del rischio.

Tags
valanga
slavina
säntis
valanghe
ricerche
metri
funivia
schwägalp
albergo
valle
TOP NEWS Svizzera
© Regiopress, All rights reserved