laRegione
29.10.18 - 10:16

Quasi cento docenti sulla lista nera

L'elenco, pubblicato in forma anonima, indica i professori che hanno perso il diritto di insegnare (per la maggioranza a causa di reati sessuali). Per il Ticino non è stato comunicato alcun caso.

a cura de laRegione
quasi-cento-docenti-sulla-lista-nera

La lista nera della Conferenza svizzera dei direttori cantonali della pubblica educazione (Cdpe) comprende 95 docenti che hanno perso il diritto di insegnare, la maggioranza dei quali per reati sessuali. La Cdpe ha reso accessibile per la prima volta l’elenco in forma anonimizzata, ha dichiarato alla Keystone-Ats la direttrice della Conferenza Silvia Steiner, confermando una notizia in tal senso della ‘SonntagsZeitung’.

Il domenicale afferma di essersi sforzato otto mesi per poter visionare la lista. Per consegnarla la Cdpe ha dovuto modificare disposizioni precedenti, ha precisato la Steiner; il comitato direttivo ha preso la relativa decisione il 6 settembre. La lista nera era stata introdotta nel 2004; a causa delle remore dei preposti alla protezione dei dati, la Cdpe aveva dovuto creare un’esplicita base legale concordataria. L’elenco è obbligatorio per tutti i cantoni dal 2008. Stando alle ricerche della ‘SonntagsZeitung’, tuttavia, non tutti comunicano effettivamente il ritiro delle autorizzazioni ad insegnare: 14 cantoni attualmente non hanno registrato un solo maestro. Il Ticino sarebbe tra questi, nonostante anche qui non siano mancati negli ultimi anni i casi di pedofilia tra gli insegnanti.

Un terzo dei docenti presenti sulla lista proviene dal canton Zurigo. Stando alla Steiner, su un totale di oltre 16mila pedagoghi ne sono elencati 32. Seguono i cantoni di San Gallo (15), Berna (14) e Lucerna (11). In 43 dei 95 casi si tratta di insegnanti di scuola elementare, 24 erano attivi alle medie. Quasi sempre le autorità hanno espresso un divieto senza limite temporale, quindi a vita. La lista è anonimizzata, nome, età e sesso dell’interessato non sono visibili. Secondo il domenicale, nei cantoni di Zurigo e Lucerna tutte le persone presenti sull’elenco sono uomini, a San Gallo due su 15 sono donne. Con la lista nera si vuole evitare che pedofili, persone con dipendenze o persone violente possano ‘infiltrarsi’ in altri cantoni e insegnare a minorenni. Perché l’obiettivo venga centrato è però necessario che tutti i cantoni trasmettano senza lacune i propri casi. La Cdpe però non è un organo direttivo e non ha alcuna possibilità di controllare l’attuazione nei singoli cantoni, spiega la Steiner. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Ecuador
53 min
Affonda barca alle Galapagos, svizzeri a bordo: vi sono morti
Secondo le autorità, quattro persone sono decedute e altre quattro risultano disperse: nessuna indicazione per ora sulla sorte dei cittadini elvetici
Svizzera
1 ora
Piano salvataggio aziende elettriche, eliminate divergenze
Il Consiglio federale ha redatto un progetto di legge così da equipaggiarsi precauzionalmente contro un eventuale collasso del sistema
Svizzera
1 ora
Allarme per le piccole medie imprese: ‘Bollette sestuplicate’
Preoccupazione per l’associazione di categoria attiva nell’industria delle macchine, elettrotecnica e metallurgica
Svizzera
1 ora
Sei indebitato? Avrai (forse) una seconda chance
Chiesti miglioramenti sul progetto di legge del Consiglio federale che mira a sostenere le persone in difficoltà finanziarie
Svizzera
4 ore
Ecco come hanno votato gli italiani in Svizzera
Il Partito democratico perde la leadership dei voti di lista, ma il risultato a livello di coalizione presenta alcune sorprese rispetto al voto in Italia
Svizzera
19 ore
‘Altri modelli da discutere in vista della prossima riforma’
A colloquio con Jerôme Cosandey di Avenir Suisse sulle prospettive future del primo pilastro dopo il risicato sì popolare ad Avs 21
Svizzera
22 ore
Domenica di bocciature a livello cantonale
La bocciatura più sonora, col 71,5% dei no, va al credito che il Canton Lucerna voleva dare alla Guardia Pontificia in Vaticano
Svizzera
1 gior
Allevamento intensivo: il no è netto
La bocciatura dell’iniziativa va oltre le previsioni: il 62,86% dei votanti ha infatti detto no
Svizzera
1 gior
Imposta preventiva: respinta dal 52% dei voti
Malgrado il testa a testa, alla fine prevale il no
Svizzera
1 gior
Riforma AVS: le donne andranno in pensione a 65 anni
La modifica della legge federale sull’assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti approvata per un soffio: sì al 50,6%
© Regiopress, All rights reserved