laRegione
19.10.18 - 14:13

Helvetas, no all'iniziativa sull'autodeterminazione

Una sua accettazione a detta dell'organizzazione di cooperazione e sviluppo metterebbe a serio rischio i diritti umani garantiti dalle convenzioni internazionali

a cura de laRegione
helvetas-no-all-iniziativa-sull-autodeterminazione
(Ti-Press)

 Helvetas dice no alla “iniziativa sull’autodeterminazione“. Lo rende noto la stessa organizzazione in una nota stampa. “Il 25 novembre 2018 si svolgerà la votazione relativa alla «Iniziativa sull’autodeterminazione». Un sì al progetto metterebbe a repentaglio lo standard svizzero dei diritti umani e lo Stato di diritto. Il segnale a livello internazionale sarebbe fatale, soprattutto per i molti paesi in sviluppo in cui opera Helvetas. L’organizzazione svizzera di cooperazione allo sviluppo apartitica e aconfessionale raccomanda pertanto di respingerla”.  Il progetto dell'UDC prevede che la Costituzione federale svizzera abbia sempre la precedenza, tranne che per poche eccezioni, sul diritto internazionale. “Con l’approvazione di quest’iniziativa la Svizzera sarebbe costretta a porre fine a tutta una serie di accordi rilevanti, compresa la Convenzione europea per i diritti dell’uomo (CEDU), la quale garantisce la protezione dei diritti dell'uomo in molti paesi, tra cui la Svizzera. Ciò avrebbe delle conseguenze intollerabili, anche dal punto di vista della politica di sviluppo”.

In gioco la credibilità della Svizzera

“Helvetas è impegnata in favore dei diritti dell’uomo e dello Stato di diritto in tutto il mondo – valori svizzeri che dobbiamo difendere a tutti i costi anche in patria», afferma Therese Frösch, Presidentessa dell’organizzazione indipendente svizzera di sviluppo Helvetas, che si occupa dei diritti umani e si adopera affinché essi siano rispettati in circa 30 paesi. Helvetas è convinta che il consenso attorno a tale iniziativa potrebbe rappresentare un segnale fatale – soprattutto in quei paesi in cui le persone non hanno accesso a una giurisdizione indipendente basata sul diritto internazionale vincolante. In molti luoghi del mondo, la croce svizzera è ancora oggi sinonimo di affidabilità, impegno e lealtà nei confronti di persone svantaggiate e oppresse. Con l’adozione dell’ingannevole «Iniziativa per l’autodeterminazione» la Svizzera metterebbe a repentaglio proprio questi valori e non sarebbe più in grado di promuoverli e rappresentarli in modo credibile all'estero. Per questo Helvetas si esprime chiaramente contro questo disegno di legge”.

Un “no” protegge i diritti fondamentali delle minoranze

“I diritti umani garantiti dal diritto internazionale sono un fondamento centrale della comunità svizzera. Ci garantiscono libertà d’opinione e d’associazione e molto altro ancora, tutti elementi che costituiscono le basi della nostra società liberale, come la negoziazione pacifica degli affari politici da parte di vari gruppi di interesse sociale. Un sì alla «Iniziativa sull’autodeterminazione» metterebbe soprattutto in pericolo le diverse minoranze in Svizzera. Questo perché la Svizzera non dispone di un tribunale che possa tutelare i diritti fondamentali in caso di conflitto con una legge federale”.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
21 ore
Sergio Mattarella in visita di Stato nella Confederazione
All’ordine del giorno le relazioni bilaterali, la situazione della guerra in Ucraina, la politica europea e il Consiglio di sicurezza dell’Onu
Svizzera
1 gior
Dopo Sommaruga: Baume-Schneider e Herzog su ticket femminile
Lo ha deciso il gruppo parlamentare del Partito socialista. La consigliera agli Stati e la senatrice basilese in corsa per il Consiglio federale.
Svizzera
1 gior
Dai frontalieri alla black list: faccia a faccia a Varese
Colloquio per i dossier aperti fra il consigliere federale Ueli Maurer e il ministro italiano dell’economia e delle finanze Giancarlo Giorgetti
Svizzera
1 gior
La mafia nella Confederazione ha cellule in ‘luoghi noti’
La riflessione del procuratore generale della Confederazione Stefan Blättler che lancia un monito: ‘Bisogna fare un passo avanti’
Svizzera
1 gior
Aviazione: crescono i passeggeri, ma non a livelli pre-Covid
L’evoluzione mensile dei viaggiatori ha mostrato ritmi di recupero superiori in luglio, rispetto ad agosto e settembre
Svizzera
1 gior
Il ‘giallo’ di Zermatt: non si trova più il segretario comunale
Nessun avviso formale di scomparsa, ma l’uomo, già comandante delle Guardie Svizzere in Vaticano, sembra sparito senza lasciare traccia
Svizzera
2 gior
Troppo poche le vaccinazioni anti-Covid fra le persone a rischio
È l’allarme lanciato dai direttori cantonali della sanità: ad oggi solo poco più del 20% degli over 65 ha ricevuto il richiamo
Svizzera
2 gior
Metà delle adolescenti in Svizzera è vittima di molestie sul web
Nel 2014 la percentuale era ancora del 19%. Ancora bassa la consapevolezza sulla sicurezza dei dati su internet e l’uso delle impostazioni sulla privacy
Svizzera
2 gior
Droni, così cambia la normativa (e si adatta all’Ue)
Le nuove norme saranno valide dal primo gennaio prossimo e comprendono standard di sicurezza per la produzione, la certificazione e l’esercizio
Svizzera
2 gior
Il boss di Chanel nuovo numero uno dei più ricchi in Svizzera
Gérard Wertheimer, 71enne imprenditore francese, ha un patrimonio familiare stimato di 38-39 miliardi di franchi
© Regiopress, All rights reserved