laRegione
archivio Ti-Press
Svizzera
19.09.18 - 15:450

Tabacco, nessun divieto di pubblicità sui media

Il Consiglio nazionale ha respinto la mozione che chiedeva il divieto sui media facilmente accessibili

I bambini non saranno meglio protetti di fronte alla pubblicità sui prodotti del tabacco. Il Consiglio nazionale ha respinto, con 94 voti contro 89 e 7 astenuti, una mozione di Niklaus-Samuel Gugger (PEV/ZH) che chiedeva un divieto sui media "facilmente accessibili".

I giornali gratuiti o i media digitali che non chiedono un'identificazione svolgono un ruolo maggiore nella pubblicità del tabacco. Un accordo tra l'industria delle sigarette e la Commissione svizzera per la lealtà prevede che soltanto le riviste con almeno l'80% di lettori adulti possono pubblicizzare prodotti del tabacco, ha spiegato l'autore della mozione.

Secondo tale convenzione, la pubblicità non deve essere accessibile ai minorenni nemmeno su Internet. Nella prassi tuttavia lo spirito dell'accordo viene eluso. I media gratuiti sono particolarmente popolari tra i giovani. Nella Svizzera romanda il 41% dei 14-17enni legge l'edizione in francese di 20 Minutes. A quanto si è potuto constatare, la metà dei siti delle marche non solo è accessibile ai minorenni, ma è chiaramente rivolta ai giovani sia nei contenuti che nella veste grafica, ha sottolineato Gugger.

Thomas de Courten (UDC/BL) gli ha replicato che milioni di franchi sono spesi per la prevenzione contro il tabacco ed esiste un divieto di fumare nei ristoranti. Nonostante tutte queste misure, i giovani fumatori non diminuiscono, al contrario. Tuttavia, "ciò non ha a che fare con la pubblicità". È piuttosto un fenomeno di moda tra i giovani.

Giovani nel mirino

Oggi c'è chiaramente una pubblicità per il tabacco che si rivolge ai giovani. "Basti vedere le inserzioni per le sigarette nelle pagine people di un giornale gratuito in cui si utilizza il 'tu' per far breccia tra i giovani", ha sottolineato invano il ministro della sanità Alain Berset, che proponeva di accogliere la mozione.

Berset ha ricordato che un secondo progetto preliminare relativo alla legge sui prodotti del tabacco è attualmente in consultazione. Un disegno di legge dovrebbe essere inviato prossimamente al Parlamento. È previsto di vietare la pubblicità per i prodotti del tabacco e sigarette elettroniche sui giornali gratuiti e su Internet.

TOP NEWS Svizzera
Svizzera
16 ore
Coronavirus, 108 contagi in Svizzera nelle ultime 24 ore
Stabile il numero di nuovi casi nell'ultima settimana. Per tre volte superata la soglia psicologica dei 100
Svizzera
1 gior
Bimbo investito sulle strisce a Berna, è grave
Stava attraversando la strada a bordo del suo monopattino. I passanti hanno dovuto sollevare l'auto per liberarlo
Svizzera
1 gior
Annullate le tre note ‘désalpes’ del canton Friburgo
A causa del coronavirus quest'anno non si terranno a fine settembre le famose discese dagli alpeggi
Svizzera
1 gior
Coronavirus, in Svizzera nuovi contagi stabili: 104 ieri
Sono 104 le persone che nelle ultime 24 ore sono risultate positive al test. Sei le persone ricoverate
Svizzera
1 gior
I fautori del 5G cercano il dialogo con la popolazione
Nasce la piattaforma 'Change5G' per rispondere con 'fatti concreti e scientifici' alle preoccupazioni sulla nuova tencologia
Svizzera
1 gior
Vasto incendio nella zona industriale di Laufen
Diversi edifici in fiamme nel canton Basilea Campoagna, le fiamme sono scoppiate dopo le 3 di stanotte
Svizzera
2 gior
Meteo, temperature oltre i 30 gradi un po' in tutta la Svizzera
Record odierno, a Visp, con 32,5 gradi. In Ticino la colonnina di mercurio è salita a 31,2 gradi a Biasca
Svizzera
2 gior
La Confederazione richiama milioni di vecchie mascherine
Rinvenute tracce di funghi su uno stock acquistato nel 2007 e distribuito a istituzioni e cantoni. Una parte del lotto è già stato utilizzato.
Svizzera
2 gior
Politici Udc lanciano un referendum contro la rendita ponte
La prestazione è un invito a licenziare i lavoratori anziani, sostiene il comitato. Il partito nazionale si concentrerà sull'iniziativa anti-libera circolazione.
Svizzera
2 gior
Falsi sordi chiedono soldi, la Federazione mette in guardia
I truffatori fanno firmare una petizione facendo credere che il denaro verrà dato in beneficenza. La Fss: chiamate subito la polizia.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile