laRegione
Keystone
Svizzera
14.03.18 - 09:060

L'Unione sindacale svizzera cerca un nuovo presidente

Dopo 20 anni Paul Rechsteiner lascia la carica. Il suo successore verrà deciso il prossimo novembre

Paul Rechsteiner lascerà a fine novembre – dopo vent’anni – la presidenza dell’Unione sindacale svizzera (Uss). I delegati decideranno la sua successione in occasione del congresso in agenda alla fine di novembre, ha comunicato oggi l’organizzazione. "È un buon momento per procedere a un cambio generazionale. L’Uss va bene: la cooperazione tra federazioni funziona e il segretariato, sotto la direzione di Daniel Lampart, fa un eccellente lavoro", indica Paul Rechsteiner, in un comunicato per motivare la sua decisione. In occasione della sua elezione alla presidenza nel 1998, e quando le preoccupazioni sociali erano sottoposte a un pressione considerevole, Rechsteiner ha difeso una politica sindacale offensiva, ricorda l’USS. Uno dei grandi successi della sua presidenza è la protezione dei salari attraverso le misure di accompagnamento alla libera circolazione delle persone. Erano le condizioni affinché i sindacati sostenessero gli accordi bilaterali con l’Unione europea (UE), puntualizza l’USS.

TOP NEWS Svizzera
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile