laRegione
Carlo Reguzzi
Svizzera
22.08.17 - 11:190
Aggiornamento : 11.12.17 - 18:20

L'export svizzero è aumentato del 4,5% in luglio

Le esportazioni svizzere, corrette in base ai giorni lavorativi, sono aumentate in luglio del 4,5% in termini nominali rispetto allo stesso mese del 2016, mostrando tuttavia un rallentamento rispetto al dato di giugno (+6,5%). Per quanto riguarda le importazioni il saldo è risultato leggermente negativo (-0,5 %).

In termini reali, si legge in un comunicato dell’Amministrazione federale delle dogane, le esportazioni sono cresciute dello 0,6% a 19,1 miliardi di franchi, mentre l’import è calato dello 0,9% a 15,5 miliardi. La bilancia commerciale mensile ha così chiuso con un saldo ampiamente positivo di 3,6 miliardi di franchi (+0,9 miliardi).

Le esportazioni del settore tessile, abbigliamento e calzature sono state le più dinamiche (+26,9%), ma positivi sono risultati anche i dati relativi ai veicoli ferroviari e all’aeronautica (+15,7%), ai prodotti chimici e farmaceutici (+10,3%) e ai metalli (+8,8%). Il comparto dei gioielli ha invece registrato una contrazione delle vendite del 19,9%. Il settore orologiero ha proseguito la sua convalescenza, con esportazioni pari a 1,7 miliardi. La crescita su base annua del settore è stata del 3,6%.

Gli scambi con l’Ue, primo partner commerciale della Svizzera, hanno subito una battuta d’arresto (-4,4% nominale), con una flessione particolarmente accentuata in direzione della Francia (-23,4%) e in misura minore della Germania (-3,6%). L’Italia segna invece un +9%.

Verso l’Asia l’accelerazione è stata del 9,2%, ma i dati sono differenziati a seconda dei paesi: +0,9% per la Cina, +76,5% per Singapore, +26,5% per Hong Kong, mentre le vendite in Giappone sono scese del 5%.

L’America del nord ha messo a segno un balzo dell’export del 29,1%. Verso l’America del sud la progressione è stata dell’1,2% soltanto, con tuttavia una forte dinamica verso il Brasile (+19,5%). Da notare che verso gli USA l’export è stato pari a 3,4 miliardi di franchi, un livello superiore a quello registrato con la Germania.

Sul fronte delle importazioni le contrazioni più marcate hanno riguardato i veicoli (-18,1%), l’orologeria (-7,9%), la gioielleria (-17,1%) e i prodotti energetici (-4%). In progressione invece i metalli (+10%), i tessili, l’abbigliamento e la calzature (+9%), i prodotti chimici e farmaceutici (+7,6%), il settore delle macchine e dell’elettronica (+6%) nonché delle materie plastiche (pure +6%).

TOP NEWS Svizzera
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile