laRegione
Svizzera
14.08.17 - 14:170
Aggiornamento : 11.12.17 - 18:20

Utenti internet, anche gli editori svizzeri raccolgono dati

I giganti internazionali come Facebook e Google non sono gli unici a raccogliere i dati dei loro utilizzatori a fini pubblicitari. Anche imprese svizzere, come Tamedia o Swisscom, hanno cambiato le loro regole sulla confidenzialità e si lanciano in questo settore. Qualche settimana fa gli utenti del sito di vendite online Ricardo sono stati avvisati per e-mail del cambiamento delle regole. Le informazioni potranno essere trasmesse a Tamedia, proprietaria della piattaforma internet, per "permettere lo scambio di dati". In un documento di dieci pagine il sito spiega che Tamedia può raccogliere le informazioni da tutte le sue pagine internet e utilizzarle per marketing o analisi di mercato. Il gruppo editoriale zurighese ha iniziato a unificare la politica sulla confidenzialità un anno e mezzo fa, spiega all’Ats il portavoce Christoph Zimmer.

I cambiamenti riguardano il giornale gratuito "20 Minutes", i quotidiani a pagamento, i domenicali, tutte le riviste e i siti Homegate, Olmero, Ricardo, Starticket e Tutti. Tamedia registra nome, indirizzo, sesso e indirizzo e-mail dell’utente, ma anche il suo comportamento online. Il gruppo sa quali rubriche dei giornali l’utente consulta più spesso ed esaminando i 29 siti riesce a capire quale musica o quale sport preferisce, se ha figli o è alla ricerca di un appartamento. Si tratta di dati interessanti per i pubblicitari perché chi cerca un appartamento, ad esempio, probabilmente avrà bisogno di nuovi mobili, oppure chi ha figli vorrà prenotare vacanze in famiglia.

Google e Facebook utilizzano già da anni i dati per pubblicità mirata. Secondo uno studio della Fondazione statistica svizzera in pubblicità, con questo sistema Google ha realizzato 450 milioni di entrate pubblicitarie in Svizzera, pari al 41% del totale dei ricavi pubblicitari online. I rapporti di forza in questo settore dovrebbero cambiare, spiega Manuel Puppis, specialista dei media all’università di Friburgo. "I media classici, ma anche le imprese di telecomunicazione come Swisscom, cercano di accaparrarsi una fetta di torta". E la condivisione dei dati è un buon metodo per arrivare ai loro fini.

I gruppi mediatici devono trovare nuovi mezzi per generare entrate visto che quelle degli annunci pubblicitari sono calate di quasi la metà in dieci anni. Tamedia e Ringier hanno iniziato a diversificare i loro affari anni fa acquisendo siti internet che sperano di rendere redditizi grazie alla raccolta di informazioni. L’anno scorso Ringier, assieme a SSR e Swisscom, ha lanciato la società Admeira, destinata a fare concorrenza alle finestre pubblicitarie estere. Admeira ottiene dati sulle dimensioni dell’economia domestica, la classe di reddito, il potere di acquisto e le abitudini degli abbonati principalmente da Swisscom e Swisscom TV.

Ringier per il momento non ha ancora condiviso le informazioni provenienti dai suoi siti. L’incaricato federale per la protezione dei dati, Adrian Lobsiger, ritiene problematica la raccolta di dati degli utenti internet (webtracking) a fini pubblicitari. L’utente deve espressamente confermare di essere stato informato della raccolta e approvare il webtracking. Per evitarlo, Mister Dati consiglia di cancellare la cronologia dopo ogni sessione o di utilizzare la funzione "do not track" presente su alcuni browser. L’utente però non ha nessun mezzo per verificare se la sua volontà è rispettata. Manuel Puppis consiglia di informarsi sulle disposizioni di confidenzialità, ma ammette che per chi non è giurista le spiegazioni sono difficilmente comprensibili.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Svizzera
1 ora
Blocher reclama 2,7 milioni di pensione da Ministro
L'ex consigliere federale (in carica tra il 2003 e il 2007) chiede che gli vengano versati gli arretrati del suo vitalizio
Svizzera
4 ore
Ueli Maurer: sì all'aumento della deduzione generale per figli
Per le spese della custodia dei figli da parte di terzi, i genitori dovranno poter dedurre fino a 25'000 franchi per figlio anziché gli attuali 10'100
Svizzera
5 ore
Giura e Vaud rendono obbligatorie le mascherine nei commerci
Si allarga la lista dei cantoni che hanno deciso di fare un passo in più per cercare di contenere il numero di contagi di coronavirus
Svizzera
9 ore
Coronavirus, in Svizzera 134 nuovi casi nelle ultime 24 ore
Fortunatamente non si sono verificati altri decessi a causa del virus. Secondo l'Ufsp i casi complessivi di Covid-19 sono ora 32'101
Svizzera
9 ore
Alle federali 2019 l'avanzata dei Verdi tutta grazie al Ps
Nell'autunno dell'anno scorso un quarto degli elettori socialisti è 'drenato' verso il partito ecologista, secondo uno studio di Selcts
Gallery
Svizzera
13 ore
Il maltempo causa parecchi disagi a Lucerna
Al lavoro oltre 800 vigili del fuoco: segnalati diversi allagamenti. Nell'Entlebuch registrati fino a 80 litri di pioggia per metro quadrato
Svizzera
13 ore
Sui binari si potrà... navigare in tutta libertà
A dicembre, con l'entrata in vigore del nuovo orario, FreeSurf Ffs sarà esteso al traffico di lunga percorrenza
Svizzera
1 gior
Zurigo, detenuto pericoloso evade da una clinica psichiatrica
La fuga è avvenuta oggi dal Centro di Rheinau. Condannato per reati sessuali, il 33enne è ancora a piede libero
Svizzera
1 gior
Ecco l'elenco dei 29 Paesi con l'obbligo di quarantena
Pubblicata poco fa dalla Confederazione la lista dei Paesi considerati a rischio. Inclusi Svezia, Brasile, Serbia, Russia e Stati Uniti
Svizzera
1 gior
Remdesivir autorizzato in Svizzera per pazienti Covid-19
Il 29 giugno Swissmedic ha ricevuto una domanda di autorizzazione temporanea e ha avviato una procedura accelerata
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile