laRegione
TENNIS
05.12.22 - 14:04
Aggiornamento: 14:25

È morto Nick Bollettieri, l’allenatore dei campioni

Il 91enne tecnico statunitense è deceduto in Florida, dove aveva la sua Accademy dalla quale sono usciti 12 numeri uno delle classifiche Atp

e-morto-nick-bollettieri-l-allenatore-dei-campioni

È stato l’allenatore per antonomasia, le sue mani hanno forgiato fior di campioni, dai quali non sempre è stato amato per quei suoi metodi duri fino all’eccesso, mutuati probabilmente dai suoi trascorsi nel corpo dei Marines. Nick Bollettieri, 91 anni, è morto in Florida, a Beradenton, dove nel 1987 aveva aperto la sua accademia, acquistata nove anni dopo dalla Img, la quale gli lascerà mano completamente libera per quanto attiene la direzione di una struttura che oggi si estende su 450 acri e conta 650 dipendenti. Il suo è stato un concetto innovativo del tennis, basato non soltanto sul talento, ma anche e soprattutto sulla preparazione fisica e mentale. Concetti che, a tanti anni di distanza, rimangono la base per il successo. Ha avuto la capacità di pescare numerosi ragazzi e ragazze pronti a soffrire e a investire molto della loro infanzia per raggiungere la gloria su un campo da tennis. E tanti ce l’hanno fanno. Sotto la sua ala protettrice sono passati 12 numeri uno delle classifiche Atp. Il primo a raggiungere la vetta è stato lo statunitense Jim Courier nel 1993, preceduto di due anni, ma in campo femminile, da Monica Seles. Tra i campioni passati dall’accademia di Bollettieri vi sono pure André Agassi, Marcelo Rios, Pete Sampras, Jennifer Capriati, Jelena Jankovic, Martina Hingis, Maria Sharapova, Venus e Serena Williams...

Il legame più forte, è stato quello con Agassi, come lo stesso "Kid" ricorda nella sua famosa autobiografia, nelle cui pagine non mancano gli accenni a quei nove anni trascorsi all’accademia, sempre in bilico tra la sua voglia di ribellione e le regole ferree e intransigenti del suo allenatore.

Potrebbe interessarti anche
TENNIS
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
IL DOPOPARTITA
4 ore
‘Volevamo questa reazione’. E il Lugano torna decimo
I bianconeri battono lo Zugo per la quarta volta (su quattro) e si riscattano dopo la partitaccia con il Friborgo. Guerra: ‘Ma non è ancora finita’
IL DOPOPARTITA
4 ore
Ambrì ancora beffato. ‘Sono tre punti buttati’
I biancoblù pagano il 2-0 e vengono sconfitti dall’Ajoie nonostante un largo dominio. Chlapik: ‘Usiamo la rabbia per reagire a Zurigo’.
Tennis
5 ore
Davis, dopo il venerdì Svizzera e Germania sull’1-1
Il successo di Hüsler non basta: nulla da fare per Stan Wawrinka nel duello con il numero uno tedesco Alexander Zverev
Hockey
6 ore
Ambrì, una sconfitta che non ci voleva
La compagine biancoblù si è inchinata all’Ajoie davanti ai propri tifosi: all’overtime decide tutto un gol di Frossard.
Hockey
6 ore
Il Lugano rialza la testa a Zugo e torna a casa con tre punti
Gli uomini di Luca Gianinazzi riescono nuovamente a prevalere sui campioni svizzeri: 4-1 il risultato finale alla BossardArena
CALCIO
10 ore
Il nuovo ‘Nacho’ ha sete di riscatto
Dopo un anno difficile sul piano personale e deludente in campo, Ignacio Aliseda è tornato sereno: ‘Voglio mostrare al Lugano tutte le mie qualità’
Formula 1
10 ore
La Ford torna in Formula 1 con la Red Bull
Il costruttore automobilistico statunitense fra tre anni farà ritorno nel Circus che aveva abbandonato nel 2004
sci nordico
11 ore
A Dobbiaco cade Nadine Fähndrich
La lucernese fuori in semifinale (come Valerio Grond tra gli uomini) e perde la testa della Coppa del mondo di sprint
ATLETICA
11 ore
Sepulveda Moreira e Tahou brillano nei 60 metri
Ai campionati ticinesi di sprint e ostacoli che a Locarno hanno chiuso la stagione indoor
Basket
12 ore
Domenica di festa per la Sam, per il Lugano invece cerotti
A Nosedo arriva il Monthey, nel pomeriggio in cui verrà celebrato il trionfo in Coppa. I Tigers, invece, vanno a Nyon. ‘Siamo in emergenza’
© Regiopress, All rights reserved