laRegione
29.08.22 - 21:52
Aggiornamento: 23:42

Incubo, rinascita e ritiro: Wawrinka saluta l’Us Open

Il vodese getta la spugna dopo due set (persi) contro il francese Moutet, in un match che non lasciava presagire un simile finale. ‘Ho avvertito crampi’

incubo-rinascita-e-ritiro-wawrinka-saluta-l-us-open
Keystone
Avventura (già) al capolinea

Un inizio da incubo, per uno Stan Wawrinka a cui non riesce davvero nulla, se non le grida di frustrazione per un debutto agli Us Open da cui il vodese manca dal 2019, quando agli ottavi riuscì a buttar fuori nientemeno che Novak Djokovic, sotto il sole cocente di Flushing Meadows che illumina soprattutto i colpi del francese Corentin Moutet, numero 113 dell’Atp, che in campo praticamente fa ciò che vuole. Fino a portarsi addirittura sul 5-2 dopo mezz’ora di gioco, di fronte a un Wawrinka che continua a sommare errori diretti su errori diretti. Poi, improvvisamente, il vodese si sveglia: dapprima cancella il primo set point del rivale, poi gli ruba il servizio. Due break di margine però sono tanti, e alla fine il parigino vince la prima frazione sul 6-4 in quarantadue minuti.

Poi, però, sul 2-2 nella seconda frazione i dubbi tornano a fare capolino: prima un doppio fallo (il secondo), poi un loob millimetrico dell’avversario e infine un erroraccio di diritto portano Wawrinka a dover cancellare ben tre palle break. Ma l’impresa gli riesce brillantemente, con il vodese che rifà superficie con gli spettatori del campo numero 5 in visibilio dopo il più bel scambio del confronto. Il game più lungo, invece, arriva nel corso dell’undicesimo gioco, quando dopo oltre dieci minuti di scambi Wawrinka riesce a conquistare il sesto punto, ma Moutet riesce a rispondere portando tutti al tie break intenso e combattuto, che va agli archivi sul 9-7 in favore del francese, al termine di un set durato quasi un’ora e venti. Con l’elvetico che a quel punto, tra la sorpresa generale, decide di getta la spugna e si presenta a rete per la stretta di mano, prima di guadagnare la strada che porta agli spogliatoi, a causa di un problema alla coscia sinistra. «Ho avvertito un fastidio, una specie di crampo alla coscia e per precauzione ho deciso di smettere» spiega Wawrinka in conferenza stampa. Prima di aggiungere, a precisa domanda: «Avessi vinto il secondo set, avrei continuato».

Potrebbe interessarti anche
TENNIS
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
CROSS
1 ora
Roberto Delorenzi vince a Moghegno
La prova generale dei Campionati svizzeri di cross 2024 nobilitata dalla presenza di alcuni talenti confederati protagonisti delle prove di Cross Cup
BASKET
3 ore
Juwann James, quando il senso del dovere è più forte del dolore
Asterischi a margine della finale di Sbl Cup vinta dalla Spinelli Massagno. Lo statunitense avrebbe meritato il riconoscimento di Mvp
COSE DELL’ALTRO MONDO
3 ore
Eagles e Chiefs staccano il biglietto per il Super Bowl
Philadelphia supera San Francisco colpito dalla sfortuna, Kansas City si prende la rivincita su Cincinnati grazie a uno stupido fallo
Hockey
5 ore
Il Davos rinforza la difesa con Aaron Irving
Il ventiseienne canadese arriva dal SaiPa in Finlandia e si è accordato con i gialloblù fino al termine della stagione
Calcio
8 ore
Un mese di stop per Allan Arigoni
Il terzino del Lugano ha subito una lussazione acromion-clavicolare di secondo grado della spalla sinistra
IL DOPOPARTITA
19 ore
Sono le situazioni a rendere speciale il ‘Rappi’
Un ottimo Lugano costretto alla resa dal powerplay sangallese. Gianinazzi: ‘Dobbiamo crescere in boxplay e stare alla larga dalla panchina’
HOCKEY
20 ore
Il powerplay del Rapperswil è micidiale, Lugano battuto
La trasferta sangallese ha interrotto la striscia positiva dei bianconeri, sconfitti per 5-2 dagli uomini allenati da Stefan Hedlund
VOLLEY
21 ore
Sconfitto in campionato, il Lugano si rifà in Coppa
Le bianconere cedono strada all’Aesch Pfeffingen, prima di conquistare il biglietto per le semifinali nell’inedito derby con le ragazze di Bellinzona
BASKET
1 gior
La Coppa della Lega è della Spinelli Massagno
A Montreux si è imposta 73-69 contro il Vevey, grazie a una grande prova di Marko Mladjan, Williams e Galloway. Infortunio per Sefolosha
IL DOPOPARTITA
1 gior
L’Ambrì oltre i tre punti. ‘Abbiamo ritrovato la costanza’
I biancoblù rientrano da Langnau con tre punti d’oro sulla strada verso i preplayoff. ‘Ma restano altre 11 battaglie. Rüfenacht? Fisicamente è messo bene’
© Regiopress, All rights reserved