laRegione
09.06.22 - 16:50
Aggiornamento: 17:26

L’inflazione di Wimbledon: quasi sei milioni a chi vince

Mai così ricco il montepremi degli Internazionali d’Inghilterra, in un’edizione che scatta il 27 giugno e in cui, per la prima volta, si gioca di domenica

l-inflazione-di-wimbledon-quasi-sei-milioni-a-chi-vince
Keystone
Alla faccia!

Vincere a Wimbledon è senz’altro un bell’affare. Mai come quest’anno: infatti, grazie al considerevole aumento della dotazione destinata ai due vincitori, coloro che si aggiudicheranno tutte le sfide del tabellone maschile e femminile intascheranno la bellezza di 2 milioni di sterline (l’equivalente di 2,44 milioni di franchi) ciascuno. Si tratta di una somma record, con un aumento dell’11 per cento rispetto alla passata edizione. Quando, ricordiamolo, gli Internazionali d’Inghilterra erano andati in scena davanti a un pubblico ristretto, in ragione delle misure messe in campo dal Governo britannico per contrastare la pandemia. Se, invece, si prende in considerazione l’ultima edizione ‘normale’ di Wimbledon, ovvero quella del 2019 pre-pandemia, l’aumento della dotazione di premi è del 5,4 per cento.

E dire che fino a qualche settimana fa le prospettive non sembravano per niente rosee, specialmente dopo che – a causa dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia – gli organizzatori avevano deciso di escludere dal torneo i tennisti russi e bielorussi, cosa che poteva far temere una riduzione del montepremi. Invece, una prevendita andata a gonfie vele e il fatto che quest’anno, per la prima volta, a Londra si giocherà anche nella seconda domenica di un torneo che quest’anno scatterà lunedì 27 giugno, hanno permesso agli organizzatori di aumentare le entrate.

Potrebbe interessarti anche
TENNIS
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
CROSS
19 min
Roberto Delorenzi vince a Moghegno
La prova generale dei Campionati svizzeri di cross 2024 nobilitata dalla presenza di alcuni talenti confederati protagonisti delle prove di Cross Cup
BASKET
2 ore
Juwann James, quando il senso del dovere è più forte del dolore
Asterischi a margine della finale di Sbl Cup vinta dalla Spinelli Massagno. Lo statunitense avrebbe meritato il riconoscimento di Mvp
COSE DELL’ALTRO MONDO
3 ore
Eagles e Chiefs staccano il biglietto per il Super Bowl
Philadelphia supera San Francisco colpito dalla sfortuna, Kansas City si prende la rivincita su Cincinnati grazie a uno stupido fallo
Hockey
4 ore
Il Davos rinforza la difesa con Aaron Irving
Il ventiseienne canadese arriva dal SaiPa in Finlandia e si è accordato con i gialloblù fino al termine della stagione
Calcio
7 ore
Un mese di stop per Allan Arigoni
Il terzino del Lugano ha subito una lussazione acromion-clavicolare di secondo grado della spalla sinistra
IL DOPOPARTITA
18 ore
Sono le situazioni a rendere speciale il ‘Rappi’
Un ottimo Lugano costretto alla resa dal powerplay sangallese. Gianinazzi: ‘Dobbiamo crescere in boxplay e stare alla larga dalla panchina’
HOCKEY
19 ore
Il powerplay del Rapperswil è micidiale, Lugano battuto
La trasferta sangallese ha interrotto la striscia positiva dei bianconeri, sconfitti per 5-2 dagli uomini allenati da Stefan Hedlund
VOLLEY
20 ore
Sconfitto in campionato, il Lugano si rifà in Coppa
Le bianconere cedono strada all’Aesch Pfeffingen, prima di conquistare il biglietto per le semifinali nell’inedito derby con le ragazze di Bellinzona
BASKET
23 ore
La Coppa della Lega è della Spinelli Massagno
A Montreux si è imposta 73-69 contro il Vevey, grazie a una grande prova di Marko Mladjan, Williams e Galloway. Infortunio per Sefolosha
IL DOPOPARTITA
1 gior
L’Ambrì oltre i tre punti. ‘Abbiamo ritrovato la costanza’
I biancoblù rientrano da Langnau con tre punti d’oro sulla strada verso i preplayoff. ‘Ma restano altre 11 battaglie. Rüfenacht? Fisicamente è messo bene’
© Regiopress, All rights reserved