laRegione
dopo-due-anni-riecco-l-axion-open-con-tanto-di-upgrade
Marta Magni
Lucia Bronzetti
16.04.22 - 20:30
Aggiornamento: 17.04.22 - 10:54

Dopo due anni riecco l’Axion Open, con tanto di ‘upgrade’

Sulla terra battuta di Chiasso si gioca da lunedì. Le teste di serie sono le italiane Martina Trevisan e Lucia Bronzetti

Dopo due anni di stop, il Tc Chiasso si prepara a ospitare la 10ª edizione dell’Axion Open. Dal 18 al 24 aprile la terra rossa del club ticinese sarà teatro del torneo valido per il circuito Itf Women’s World Tennis Tour. Un torneo che per l’occasione compie un importante salto di qualità: il montepremi complessivo sarà di 60’000 dollari, cosa che contribuisce ad alzare vertiginosamente il livello della manifestazione, come testimonia il parterre che l’animerà.

Prima della pandemia, la rassegna chiassese si era svolta ininterrottamente dal 2011 al 2019 con un montepremi di 25’000 dollari, diventando la più longeva di Svizzera.

Nell’albo d’oro compaiono nomi importanti come Monica Puig (oro olimpico a Rio 2016), Alison Van Uytvanck e Jil Teichmann. L’ultima giocatrice ad aver messo le mani sul trofeo di Chiasso è stata Varvara Gracheva, al tempo 18enne e oggi consolidata top 100.

Le partite si giocheranno su quattro campi e saranno tutte trasmesse in streaming sul sito dell’Axion Open. L’ingresso sugli spalti sarà gratuito per tutta la settimana, un’occasione unica per vedere da vicino giocatrici affermate e potenziali astri nascenti.

Il tabellone dell’Axion Open è guidato dalle italiane Martina Trevisan e Lucia Bronzetti, reduci dalla convocazione nella sfida di Billie Jean King Cup tra Italia e Francia. Trevisan, prima testa di serie e attuale numero 84 del mondo, vanta come risultato di maggior prestigio il quarto di finale ottenuto al Roland Garros 2020. Recente l’ingresso in top 100 di Bronzetti, giocatrice classe 1998, che in questa stagione si è messa in risalto con il 2° turno agli Australian Open - raggiunto partendo dalle qualificazioni – e con gli ottavi di finale al Wta 1000 di Miami.

Non manca una ricca truppa svizzera che ai nastri di partenza del tabellone principale vanta Ylenia In-Albon, Susan Bandecchi e Simona Waltert, oltre alle wild card Joanne Zuger, Conny Perrin, Leonie Kung e Celine Naef.

Il livello del torneo sarà alto già dalle qualificazioni, dove farà la sua apparizione la francese Elsa Jacquemot, vincitrice del Roland Garros Junior 2020 ed attuale numero uno della classifica mondiale under 18. A competere nel tabellone cadetto anche la rientrante Elisabetta Cocciaretto e la 17enne Erika Andreeva, interessante promessa del tennis russo. Al via ci sarà anche la riminese Rubina De Ponti, che si è aggiudicata la wild card vincendo il torneo Road to Axion Open andato in scena al Circolo Tennis Chiasso.

«Potevamo fare di più e ci siamo messi alla prova», sottolinea Matteo Mangiacavalli, organizzatore e direttore della manifestazione –. Per colpa della pandemia siamo stati fermi per due edizioni. Nel 2020 eravamo impossibilitati mentre nel 2021, quando ci è stata offerta una data diversa, abbiamo scelto di rifiutare per concentrarci nell’organizzazione di un evento di rango maggiore che quest’anno ha preso forma con l’aumento del montepremi a 60’000 dollari».

L’’upgrade’ ha creato ulteriore interesse nei confronti del ritorno della rassegna, che quest’anno ha impiegato un numero record di addetti ai lavori. «La struttura ci consente di fare qualcosa in più e ci siamo messi alla prova. Abbiamo creato un team di lavoro di circa cinquanta persone e abbiamo portato a termine una raccolta sponsor impegnativa. Il nostro lavoro è stato ripagato dall’ottima entry list e qui al circolo c’è grande voglia di vedere partite e vivere l’atmosfera del torneo. Spero di poter accogliere tanti spettatori dalla Svizzera e dalla vicina Italia».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
axion open chiasso tennis
Potrebbe interessarti anche
TENNIS
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
mountain bike
5 ore
Filippo Colombo splendido secondo a Mont Ste. Anne
Il ticinese si arrende soltanto al francese Titouan Carod. Nino Schurter è sesto. Tra le donne successo di Jolanda Neff.
gallery
la ricorrenza
6 ore
Con il parkour ‘da diciotto a ottantacinque sport’
Gioventù e Sport celebra il cinquantesimo anniversario organizzando a Tenero un campo per settecento giovani e inaugurando una nuova disciplina
CALCIO
9 ore
Europa o Super League, la musica non cambia
A quattro giorni dalla sconfitta contro il Beer Sheva, il Lugano cede a Cornaredo anche contro il Lucerna
calcio
10 ore
Il Bellinzona espugna il Principato
A Vaduz Pollero regala i tre punti ai granata, che riscattano così la sconfitta casalinga contro lo Stade Losanna
MOTOMONDIALE
12 ore
Bagnaia trionfa in Inghilterra
A Silverstone, Pecco ha preceduto Viñales e Miller. Ottavo Quartararo, fuori Zarco
calcio
1 gior
‘Un piacere affrontare ricordi e amici’
Il Vaduz di Alessandro Mangiarratti accoglie il Bellinzona. ‘Diversi tifosi mi hanno scritto che verranno a vedere la partita’
BASEBALL
2 gior
Consigli per gli acquisti? Una figurina da sette milioni
Una foto del 1909 di Honus Wagner, l’Olandese volante, stella del baseball d’inizio Novecento, venduta a 7,5 milioni di dollari. ‘È arte, è storia!’
CICLISMO
2 gior
Dylan Teuns fa le valigie: subito alla Israel-Premier Tech
Vincitore della Freccia vallone ad aprile, il trentenne belga cambia squadra a stagione in corso, in partenza dalla Bahrain-Victorius
KARATE
2 gior
Il Ticino fa la sua parte agli Europei in Olanda
A Hertogenbosch i karateka rossocrociati si mettono in luce: ben quindici le medaglie conquistate, sinonimo di sesto posto nel medagliere
Calcio
2 gior
‘Così tante partite? Per me è bello’
Un carico Jonathan Sabbatini, lancia la sfida al Lucerna. Con un paio di correzioni da applicare rispetto alla partita di Conference League
© Regiopress, All rights reserved