laRegione
27.01.22 - 12:05
Aggiornamento: 17:32

La finale dell’Australian Open sarà Barty contro Collins

La beniamina di casa numero uno al mondo e la statunitense in semifinale hanno superato in due set rispettivamente l’americana Keys e la polacca Swiatek.

la-finale-dell-australian-open-sara-barty-contro-collins

La finale dell’Australian Open femminile metterà di fronte l’australiana Ashleigh Barty (Wta 1) e la statunitense Danielle Collins (30).

Barty giocherà per la prima volta la finale del torneo di casa dopo aver superato in semifinale la statunitense Madison Keys, arresasi senza opporre particolare resistenza con il risultato di 6-1 6-3 in poco più di un’ora di gioco (62’), nella quale non è mai riuscita a rubare il servizio all’avversaria. La 25enne del Queensland sabato a Melbourne andrà dunque a caccia del suo terzo titolo dello Slam dopo i trionfi al Roland Garros nel 2019 e all’ultimo Wimbledon, le uniche due finali di un Major che ha fin qui disputato.

Ma la pressione di proseguire nel suo cammino senza macchie sarà poca roba rispetto a quella generata dalle attese di un popolo intero, quello australiano, che aspetta un vincitore di casa ormai dal successo di Chris O’Neil nel torneo femminile del 1978, mentre tra gli uomini bisogna addirittura tornare al 1976 e al trionfo di Mark Edmonson. Barty è tra l’altro la prima australiana a raggiungere l’ultimo atto a Melbourne dal 1980 (allora ci era riuscita Wendy Turnbull).

La numero uno al mondo sembrerebbe comunque avere le spalle abbastanza larghe e sufficiente solidità nel gioco da resistere al peso delle aspettative. Basti pensare che dall’inizio del torneo ha perso la miseria di 21 giochi nelle sei partite disputate, rimanendo in campo poco più di sei ore totali.

Prima finale di un torneo dello Slam per Danielle Collins

In finale Barty si ritroverà però l’ostacolo sulla carta più ostico, una Danielle Collins in grande forma e che al penultimo atto non ha avuto problemi a sbarazzarsi pure lei in due set e senza particolari problemi della sua avversaria, la polacca Iga Swiatek (9), superata 6-4 6-1 in 1 ore e 18 minuti di gioco.

Operata lo scorso aprile a causa dell’endometriosi (le è stata asportata una ciste grande quanto una pallina da tennis), la 28enne a stelle e strisce disputerà sabato la sua prima finale di un appuntamento dello Slam, lei che finora non era andata oltre ai quarti raggiunti nel 2020 al Roland Garros dopo essere approdata tardi sul circuito, avendo dato la precedenza agli studi universitari (è laureata in “media studies and business”). A prescindere da come andrà la finale con Barty (quest’ultima è in vantaggio 3-1 negli scontri diretti), da lunedì Collins entrerà per la prima volta in carriera nella top-10 mondiale.

Potrebbe interessarti anche
TENNIS
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Qatar 2022
4 ore
L’arte del pallone: il Brasile non dà scampo alla Corea
Primo tempo a passo di danza in un lunedì senza storia, con la selezione di Tite che liquida la pratica degli ottavi segnando quattro gol
HOCKEY
4 ore
L’ipocrisia dell’ibrido. Mottis: ‘Che formazione sia’
L’inverno rigido di una Swiss League che attende di conoscere il proprio destino dopo aver sopravvalutato se stessa. ‘Quei 400 mila franchi ora mancano’
Altri sport
5 ore
Riesaminate le provette dei Giochi 2012: 73 casi di doping
Immane lavoro dell’Ita su richiesta del Comitato olimpico internazionale: oltre 2700 campioni analizzati, trentun medaglie ritirate e 46 riassegnate
Qatar 2022
7 ore
Ai rigori vince la Croazia
I giapponesi non reggono la pressione e dal dischetto sbagliano 3 volte su 4
QATAR 2022
7 ore
Tutti i numeri di Kylian Mbappé
Il 24enne francese sta riscrivendo una parte dei libri di storia del calcio. È il primo giocatore ad aver totalizzato 9 reti mondiali ad appena 23 anni
QATAR 2022
8 ore
Santos non si sbilancia, mezz’ora di parole senza concetti
Il tecnico del Portogallo non fornisce indicazioni sullo status di Cristiano Ronaldo, che molti lusitani vorrebbero vedere in panchina
QATAR 2022
10 ore
Achraf Hakimi e un derby tra calcio e politica
Il laterale del Psg e del Marocco è nato a Getafe ed è cresciuto al Real Madrid: ‘Ma giocare per il Marocco non ha prezzo’
Nuoto
10 ore
Anche a Coira il Ticino c’è, e non teme confronti
Ai Campionati giovanili nazionali a squadre le formazioni della Svizzera italiana fanno incetta di podi, facendo addirittura ‘en-plein’ al maschile
Qatar 2022
10 ore
La Spagna non deve sottovalutare il Marocco
Fra le favorite per il successo finale, le Furie rosse agli ottavi trovano un avversario fastidioso
Qatar 2022
12 ore
Col Portogallo quinto assalto ai quarti di finale
Rossocrociati sempre sconfitti agli ottavi contro Spagna (1994), Ucraina (2006), Argentina (2014) e Svezia (2018): che questa sia la volta buona?
© Regiopress, All rights reserved