laRegione
Juventus
2
Lazio
2
fine
(2-0)
djokovic-espulsione-legittima-rischio-emulazione-per-i-no-vax
Keystone
20.01.22 - 12:19
Aggiornamento : 14:13

Djokovic, espulsione legittima: rischio emulazione per i no-vax

La Corte federale australiana ha pubblicato le motivazioni della decisione. Per i giudici, con la sua notorietà poteva indurre i fan a non vaccinarsi

Novak Djokovic è stato espulso dall’Australia legittimamente, in quanto con la sua presenza, vista la sua notorietà e le sue posizioni notoriamente contro i vaccini, poteva effettivamente favorire il sentimento no-vax del Paese. Queste, in sintesi, le motivazioni, pubblicate oggi dai media australiani, della decisione della Corte federale australiana che ha dato ragione al ministro dell’Immigrazione Alex Hawke che aveva fatto ricorso ai suoi poteri personali per cancellare il visto del tennista dopo che un giudice aveva annullato una precedente decisione negativa a riguardo.

“Una stella iconica del tennis mondiale può influenzare persone di tutte le età, giovani o vecchie, ma forse soprattutto i giovani e gli impressionabili, cosicché lo emulino. Non sono fantasie, e non servono prove. È la constatazione del comportamento umano sulla base di una modesta familiarità con l’esperienza umana” scrivono i tre giudici della Corte, la cui decisione è stata unanime. “Anche se Djokovic non ha vinto l’Australian Open, la capacità della sua presenza in Australia, per giocare a tennis, di incoraggiare coloro che vorrebbero emularlo o desiderano essere come lui è una base razionale per l’opinione che potrebbe favorire il sentimento anti-vaccinazione”.

Ciò che, in sostanza, è stato il ragionamento del ministro Hawke nel considerare la presenza di Djokovic in Australia un rischio per la salute pubblica e per l’ordine pubblico e che la decisione di espellerlo era motivata dall’interesse pubblico. Secondo la legge australiana, precisano i giudici, al ministro era sufficiente essere in buona fede nel ritenere che Djokovic potesse alimentare i sentimenti no-vax nel Paese, senza dover necessariamente esserne sicuro. Né egli, contrariamente a quanto sostenuto dai legali di Djokovic, era tenuto a considerare le conseguenze dell’espulsione di Djokovic su tali sentimenti contrari ai vaccini, ma solo la sua presenza, come scrive The Age. Né, infine, servivano prove al ministro delle opinioni no-vax di Djokovic più volte espresse pubblicamente.

L’esenzione medica presentata dal tennista per aver contratto il Covid, in base a questi argomenti, non era considerabile come causa della mancata vaccinazione: Novak Djokovic non si è vaccinato perché contrario al vaccino e questo è il motivo per cui, infine, gli è stato rifiutato l’ingresso in Australia.

Leggi anche:

Game, set, match: Djokovic sarà espulso dall’Australia

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
australia corte federale australiana novak djokovic

TENNIS: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
TENNIS
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
HOCKEY
2 ore
Dario Simion e il formato Nhl. ‘Ma adesso la mia testa è qui’
Il ticinese si gode il momento in un finale di stagione travolgente, oltre alla stima di Patrick Fischer. ‘A Zugo Dan Tangnes non mi dava pace’.
Tennis
2 ore
La maledizione di Thiem: ancora fuori al primo turno
Di ritorno dopo 9 mesi di stop, l’austriaco ex numero 3 al mondo non riesce più a vincere: a Ginevra è stato battuto in due set dall’italiano Cecchinato
Calcio
3 ore
Fc Lugano, ora spetta al club la giocata vincente
Dopo il capolavoro di staff e giocatori capaci di conquistare la Coppa, tocca ai nuovi dirigenti trovare il mondo giusto per cavalcare l’entusiasmo.
Hockey
5 ore
L’ultima volta di René Matte. ‘Dopo questa lascio’
Vice di Bozon sulla panchina della Francia ai Mondiali e assistente di Cereda in campionato su quella dell‘Ambrì. ‘Luca è il mio capo, ma anche un amico’
Hockey
6 ore
La spedita marcia canadese: ai Mondiali è tre su tre
Dopo tedeschi e italiani la selezione di Julien sconfigge anche la Slovacchia, mentre la Germania conquista tre punti pesanti contro una buona Francia
Hockey
7 ore
Nazionale, Fischer conta anche su Miranda e Riat
Dopo i forfait (obbligati) di Fiala e Niederreiter, il selezionatore completa il contingente rossocrociato al Mondiale alla vigilia della terza uscita
HOCKEY
7 ore
Conferenza di Cereda prima, partita sullo schermo gigante poi
Martedì alle 18.15 l’allenatore dell’Ambrì parlerà sul tema ‘La creazione di uno spirito vincente. Dove va l’hockey moderno?’. Poi Svizzera-Kazakistan
Hockey
7 ore
Il Mondiale di Davide Fadani: ‘La salvezza a ogni costo’
Il 21enne portiere del Lugano morde il freno alla vigilia della sfida con i danesi. ‘Ora mi sento bene e voglio giocare. Ma già essere qui è incredibile’
BASKET
9 ore
Il muro è vicino, o si vince o ci si schianta
La Spinelli Massagno (sotto 2-1) impegnata a Neuchâtel in gara 4 delle semifinali. Coach Gubitosa: ‘Assieme è più facile imporsi’
hockey
1 gior
La Svizzera s’impone in scioltezza
Anche la seconda uscita mondiale sorride a Thürkauf e soci. Danimarca sconfitta 6 a 0. Un gol e tre assist di Malgin
© Regiopress, All rights reserved