laRegione
12.01.22 - 07:53
Aggiornamento: 10:12

Djokovic ammette: ‘Sul modulo errore umano dello staff’

Il tennista su Instagram attribuisce al suo team l’errata dichiarazione sul modulo d’entrata in Australia. La decisione sul visto potrebbe slittare ancora

Ats, a cura de laRegione
djokovic-ammette-sul-modulo-errore-umano-dello-staff
Keystone

Il tennista numero uno al mondo Novak Djokovic ha ammesso in un post su Instagram che la dichiarazione di viaggio rilasciata alle autorità di frontiera al suo arrivo in Australia conteneva informazioni non corrette, avendo affermato nel questionario sul Covid-19 che non aveva viaggiato nei quattordici giorni precedenti, mentre in realtà si era recato in Spagna dalla Serbia.

Il serbo, che dopo una prima vittoria in tribunale attende ancora la decisione definitiva del governo di Canberra sul visto per restare nel paese e partecipare agli Australian Open, ha parlato di un “errore umano e certamente non volontario" di un membro del suo staff, precisando che “nuove informazioni” sono state fornite alle autorità australiane per "chiarire questa questione”.

Informazioni che, stando a quanto riportano i media australiani, riguardano anche la richiesta di esenzione medica a causa di una precedente infezione da coronavirus del tennista serbo e che sono attualmente al vaglio del ministro dell’immigrazione Hawke, che sarebbe intenzionato a seguire tutto il processo anche se questo, nonostante le pressioni di alcuni deputati, potrebbe far ulteriormente slittare di alcuni giorni la decisione sulla cancellazione o meno del visto di Djokovic.

"Errore di giudizio”

«Voglio sottolineare che mi sono attenuto alle regole per il tracciamento e che ho provato a mettere tutti in sicurezza» ha dichiarato il serbo. «Ho assistito a una partita di basket a Belgrado il 14 dicembre, dove c’è stato un focolaio Covid. Nonostante non avessi i sintomi, il 16 ho fatto un test rapido che è risultato negativo. Per sicurezza lo stesso giorno ho eseguito anche un test molecolare. Il giorno seguente ho partecipato a un evento di tennis a Belgrado e ho fatto un test rapido (ancora negativo) prima di andare all’evento. Ero asintomatico e mi sentivo bene, in quel momento non avevo ricevuto la notifica di un risultato positivo del test molecolare. Il 18 dicembre ero a Belgrado per un’intervista e un servizio fotografico con L’Equipe fissati da tempo. Mi sono sentito obbligato ad andare avanti perché non volevo deludere il giornalista, ma mi sono assicurato di restare a distanza di sicurezza e di indossare la mascherina, tranne quando mi è stata scattata una foto. Quando stavo rientrando a casa per isolarmi, dopo il colloquio, ho capito che il mio è stato un errore di giudizio e ammetto che avrei dovuto rimandare l’appuntamento».

Potrebbe interessarti anche
TENNIS
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Tennis
6 ore
Djokovic più forte di tutti e di tutto
Il serbo ha conquistato l’Open australiano mostrando, oltre a una netta superiorità tecnica, pure una forza mentale impressionante
Calcio
13 ore
Gattuso lascia il Valencia
Il campione del mondo 2006, 14° in classifica nel campionato spagnolo, se ne va in accordo col club
Hockey
13 ore
Addio a Bobby Hull
Una delle leggende della Nhl - e dei Chicago Blackhawks - si è spenta lunedì a 84 anni
Calcio
15 ore
‘Situazione difficile, aiuteremo i giocatori’
Dopo il fallimento del Fc Chiasso, i sindacati hanno incontrato i calciatori e hanno spiegato loro come muoversi per far valere i propri diritti
CROSS
17 ore
Roberto Delorenzi vince a Moghegno
La prova generale dei Campionati svizzeri di cross 2024 nobilitata dalla presenza di alcuni talenti confederati protagonisti delle prove di Cross Cup
BASKET
19 ore
Juwann James, quando il senso del dovere è più forte del dolore
Asterischi a margine della finale di Sbl Cup vinta dalla Spinelli Massagno. Lo statunitense avrebbe meritato il riconoscimento di Mvp
COSE DELL’ALTRO MONDO
20 ore
Eagles e Chiefs staccano il biglietto per il Super Bowl
Philadelphia supera San Francisco colpito dalla sfortuna, Kansas City si prende la rivincita su Cincinnati grazie a uno stupido fallo
Hockey
21 ore
Il Davos rinforza la difesa con Aaron Irving
Il ventiseienne canadese arriva dal SaiPa in Finlandia e si è accordato con i gialloblù fino al termine della stagione
Calcio
1 gior
Un mese di stop per Allan Arigoni
Il terzino del Lugano ha subito una lussazione acromion-clavicolare di secondo grado della spalla sinistra
IL DOPOPARTITA
1 gior
Sono le situazioni a rendere speciale il ‘Rappi’
Un ottimo Lugano costretto alla resa dal powerplay sangallese. Gianinazzi: ‘Dobbiamo crescere in boxplay e stare alla larga dalla panchina’
© Regiopress, All rights reserved