laRegione
11.01.22 - 08:44
Aggiornamento: 18:10

Djokovic, altre ombre: dichiarazioni false sul modulo d’entrata?

Secondo i media australiani il tennista avrebbe dichiarato di non aver viaggiato nei 14 precedenti l’arrivo in Australia. Ma il 2 gennaio era a Marbella

djokovic-altre-ombre-dichiarazioni-false-sul-modulo-d-entrata
Keystone

Nuove ombre gettate sulla procedura di ingresso di Novak Djokovic in Australia per difendere il titolo agli Australian Open di Melbourne: dopo l’accoglimento del ricorso del tennista contro il diniego del visto di ingresso e la temporanea collocazione in un centro di detenzione per migranti, il ministro dell’Immigrazione Alex Hawke si è riservato un altro giorno per decidere se esercitare i propri poteri e revocare l’autorizzazione all’ingresso del n.1 al mondo.

Come rivelano i media australiani, fornendo la prova documentale, Djokovic avrebbe dichiarato di non aver viaggiato in altri Paesi nei 14 giorni precedenti l’ingresso in Australia: ma ciò non corrisponderebbe al vero, in quanto il 2 gennaio è apparso a Marbella, quattro giorni prima dell’arrivo in Australia, come provato da numerosi video sui social.

Peraltro sul modulo in cui è formulata la domanda: “Avete viaggiato o viaggerete nei 14 giorni precedenti il vostro volo per l’Australia?” è chiaramente specificato che “dare informazioni false o ingannevoli è un reato grave. Si può anche essere soggetti a una sanzione civile per aver dato informazioni false o fuorvianti”. Djokovic si è giustificato davanti ai funzionari di frontiera sostenendo che la dichiarazione di viaggio australiana era stata compilata da Tennis Australia suo nome.


La dichiarazione di ingresso di Djokovic in Australia

Il ministro dell’immigrazione, dunque, potrebbe decidere domani se annullare la concessione del visto al tennista serbo, ciò che dovrebbe essere motivato con ragioni di “ordine pubblico” o di “salute pubblica”.

Potrebbe interessarti anche
TENNIS
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Calcio
8 ore
‘Tifosi granata, stateci sempre vicini’
A due giorni dalla ripresa del campionato cadetto, il nuovo coach dell’Acb Stefano Maccoppi fa il punto della situazione e presenta tre nuovi arrivi
MOUNTAIN BIKE
22 ore
Nel 2023 per Filippo Colombo soffia un vento di novità
Il biker ticinese ha cambiato squadra (è passato alla Scott) e con la Q36.5 vuole intensificare l’attività su strada. ‘Ma punto a Cdm e Mondiali di mtb’
hockey
1 gior
Anche un po’ di Ticino alla finale di Champions League
Il linesman Eric Cattaneo selezionato per arbitrare Luleå-Tappara Tampere il prossimo 18 febbraio. Con lui Stolc e due tedeschi
Basket
1 gior
Ufficiale, Sefolosha a Vevey
Il primo svizzero ad aver giocato nella Nba torna a 38 anni nel club con cui aveva esordito
tennis
1 gior
Australian Open, continua la marcia di Aryna Sabalenka
La bielorussa accede alla finale di Melbourne dopo aver eliminato in due set 7-6 6-2 la polacca Magda Linette. Ora affronterà la kazaka Rybakina
Tennis
1 gior
Elena Rybakina prima finalista degli Australian Open
La kazaka ha eliminato in due set (7-6, 6-3) la bielorussa Viktoria Azarenka
Calcio
1 gior
Abramovich, Todd Boehly e il calciomercato del Chelsea
Il nuovo padrone dei Blues, dopo aver fatto piazza pulita dello staff, ha adottato un’innovativa e azzardata politica di ingaggio dei giocatori
COSE DELL'ALTRO MONDO
1 gior
Il sogno prosegue, Mr. Irrelevant non si vuole più svegliare
Brock Purdy ha vinto l’undicesima partita consecutiva, portando San Francisco alla finale della Nfc. A Kansas City brividi per l’infortunio a Pat Mahomes
Sci
1 gior
A Schladming arriva il gran giorno di Loïc Meillard
Il 26enne di Hérémence conquista infine il primo trionfo in gigante, lasciandosi alle spalle il grigionese Gino Caviezel in un mercoledì da incorniciare
SPORT
1 gior
Discriminazione nello sport, Berna scende in campo
Etica e competizione, il Consiglio federale vara un pacchetto di misure volte a rafforzare, in particolare, la protezione dei giovani atleti
© Regiopress, All rights reserved