laRegione
18.10.21 - 20:39

Di male in meglio: la stagione ‘folle’ di Rémy Bertola

Il ticinese di 23 anni racconta il suo anno a più facce: una prima parte ‘tutta storta’, la ripresa, la classifica più alta mai raggiunta, l’infortunio

di-male-in-meglio-la-stagione-folle-di-remy-bertola
Rémy Bertola

Eravamo rimasti a Tommy Robredo. Il Tommy Robredo, lo spagnolo già numero 5 al mondo. Rémy Bertola lo aveva battuto il 28 settembre dell’anno scorso al Challenger di Biella (categoria 80’000 dollari).

E poi?

E poi è andato tutto storto – risponde il ticinese (N1/10 dell’aggiornata classifica svizzera) con la consueta franchezza e una risata –. I mesi successivi sono stati di crisi totale. La prima parte dell’anno è andata molto, molto male. Non arrivavano risultati, non ho incamerato nemmeno un punto Atp e fino ad aprile non ho vinto una sola partita in un tabellone principale dei tornei di categoria Future. Non dico che fossi demotivato; ma mi chiedevo che cosa stessi facendo di sbagliato. Perché giocavo bene, però non vincevo e a livello mentale non era facile tener duro. Con il mio team abbiamo comunque continuato a lavorare sul mio gioco, sapevamo che era la strada giusta e non abbiamo mai smesso di crederci.

In momenti come quelli, in cui i risultati non arrivano, a cosa ci si attacca per non mollare?

La voglia di vincere. Io sono un animale da vittoria. Certo, anzitutto dev’esserci la passione del gioco, altrimenti chi ce lo fa fare? Ma ciò che mi spinge è la voglia di fare di tutto per vincere. Il fatto che in quei mesi non arrivasse il successo, è stata la cosa più frustrante.

Un giocatore di alta classifica può permettersi, finanziariamente parlando, di sopportare un periodo senza successi; ma un giovane come te, professionista senza però grossi guadagni, come fa?

Questo aspetto, crea una pressione in più...

Una pressione che viene dall’esterno?

Più da sé stessi. Siccome avevo fatto bene nel 2020, io avevo delle aspettative. Inoltre a inizio anno avevo firmato un nuovo contratto con Head e BancaStato è diventata il mio sponsor principale; quindi un po’ di tensione la si sente, nei confronti di chi crede e investe in te. Ma questo fa parte del mestiere e se non lo avverti, è una mancanza di rispetto verso se stesso perché significa che non stai dando il massimo. Dal punto di vista della famiglia, per contro, la mia più grande fortuna è avere due genitori fantastici. Penso che sia fondamentale per ogni sportivo ad alto livello, avere genitori che ti supportano: che non ti vizino troppo, ma che nemmeno ti lascino totalmente “solo”, altrimenti si corre il rischio di perdersi. La pressione del genitore, se vogliamo chiamarla così, dev’essere motivante.

Ti sei sentito in dovere di vincere?

No, la pressione viene da sé; c’è in tutti. La differenza la fa, come la si gestisce. C’è chi ci riesce meglio e chi meno. Io sono sempre stato uno che riusciva a reggerla bene, che entravo in campo cercando di giocare sempre al massimo. Sono situazioni che mi serviranno in futuro, anche in altri ambiti: è la classica palestra per la vita.

Il 13 settembre hai raggiunto il tuo best ranking (581 Atp). Cosa ti ha permesso di interrompere la spirale negativa?

Ad aprile, finalmente, sono arrivato ai quarti in un Future. Più che gioia per i punti Atp, ho assaporato la felicità personale di vincere. Il ritorno al successo è stato bellissimo e ha funto da clic. A livello di motivazione mi sono sentito meglio in campo, ciò che mi ha permesso di giocare davvero bene la seconda parte dell’anno.

Sempre a settembre ti sei infortunato. Cosa è successo?

Le analisi hanno evidenziato lo stiramento di due muscoli intercostali. A parte il fortissimo dolore, per fortuna non ho rotto né strappato nulla. Ho subito deciso di fermarmi, per curarmi al meglio. Dopo uno stop totale tre settimane, l’obiettivo è di tornare a giocare dal 25 ottobre.

Sui social hai postato richieste di suggerimenti su cosa fare durante la giornata. È complicato fermarsi?

Sì perché non sono abituato. L’infortunio non è però stato inaspettato. Ad agosto ho giocato sedici partite di Interclub in Lna; dopo di che ho partecipato ai tre tornei categoria 25.000 organizzati in Svizzera, sia perché in casa, sia perché importanti. Avrei potuto uscire tre volte al primo turno; invece ho raggiunto una finale e due semifinali in singolare, idem in doppio. In totale ho così disputato 36 match in un mese. L’intenzione era di riposare un po’; ma Swiss Tennis mi ha concesso wild card per il Challenger a Bienne. Sapevamo, il mio team e io, che il tempo di recupero era poco, per preparare un torneo di questo livello. Abbiamo rischiato e purtroppo è andata così. Però sono più motivato ora a rientrare e far bene, che durante il lockdown.

Senti di avere ancora margini di progressione?

Sì. Ho fatto qualche esperienza nei Challenger, che sono un gradino più su dei Future, e ho capito che ci posso stare. A livello tecnico come di gioco, sento che posso dare ancora tanto. Magari non ci riuscirò eh, però ci voglio provare.

Hai 23 anni: ti dai un termine entro il quale o raggiungi una certa classifica o lasci perdere?

Molto sinceramente, ti dico che finché riesco a mantenermi con i campionati a squadre (Lna e Lnb in Svizzera, serie A in Italia) e gli sponsor, io continuo. Possono essere due anni come dieci. Non voglio darmi limiti.

Potrebbe interessarti anche
TENNIS
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Calcio
1 ora
Il sogno di Zeman, da Praga a Foggia via Cornaredo
Uscita da poco ‘La bellezza non ha prezzo’, autobiografia dell’allenatore ceco con capitoli dedicati pure all’Fc Lugano e al calcio di casa nostra
il dopopartita
7 ore
Ambrì punito ‘oltre misura’ dal Ginevra
I Leventinesi tengono testa alle Aquile con una prova generosa e un po’ sfortunata, ma pagano la tripletta di Teemu Hartikainen nel periodo centrale
IL DOPOPARTITA
7 ore
Riecco i tre punti, nonostante Asselin. ‘Prova di carattere’
I bianconeri chiudono le quattro trasferte di fila espugnando la Raiffeisen Arena di Porrentruy. Samuel Guerra: ‘In queste settimane abbiamo imparato’
hockey
8 ore
Ambrì generoso ma sconfitto dal Ginevra
In casa della capolista i biancoblù sono stati sconfitti 5-2.
Hockey
8 ore
Il Lugano espugna Porrentruy e torna a sorridere
I ragazzi di Luca Gianinazzi tornano al successo nell’ultima traferta della serie, piegando i giurassiani con il punteggio di 5-2
QATAR 2022
12 ore
I rigori premiano la Croazia, il Brasile fa le valigie
In vantaggio al 105’ con Neymar, i sudamericani si fanno rimontare a pochi minuti dal traguardo e dal dischetto pagano gli errori di Rodrygo e Marquinhos
Tennis
12 ore
Wawrinka sconfitto da Medvedev
L’avventura dello svizzero nel torneo d’esibizione in Arabia Saudita si conclude in semifinale, con il doppio 6-4 in favore del russo
Basket
15 ore
Lugano-Olympic, all’Elvetico arriva un po’ d’Europa
Mentre la Sam stasera va in campo per ricevere lo Swiss Central, i Tigers si preparano a sfidare l’eterno nemico, il club meglio gestito di tutto il Paese
QATAR 2022
15 ore
L’Africa chiede al Marocco di scrivere la storia
La selezione magrebina potrebbe essere la prima del Continente nero a raggiungere le semifinali di un Mondiale
SCI NORDICO
17 ore
Nadine Fähndrich trionfa nello sprint classico a Beitostölen
In Norvegia la 27enne lucernese ha colto il terzo successo in Coppa del mondo, precedendo la norvegese Weng e la finlandese Matintalo
© Regiopress, All rights reserved