laRegione
13.09.21 - 07:21

US Open, Novak Djokovic manca il Grande Slam

Il serbo è stato sconfitto dal russo Daniil Medvedev in tre set 6-4 6-4 6-4 nella finale a New York

Ats, a cura de laRegione
us-open-novak-djokovic-manca-il-grande-slam
(Keystone)

S'infrange all'ultimo match il sogno di Novak Djokovic di completare il Grande Slam 52 anni dopo Rod Laver: la finale degli Us Open la vince il russo Daniil Medvedev, numero due del mondo che supera il serbo in tre set 6-4 6-4 6-4, e si aggiudica il primo Slam della sua carriera. Le lacrime di Nole, acclamato dal pubblico dell'Arthur Ashe, al cambio campo sul 4-5 del terzo set, sono l'immagine simbolo di questo match, come la racchetta distrutta dopo l'ennesimo errore. Da un lato c'è un Djokovic nervosissimo, imbrigliato dall'emozione di quel traguardo storico, dall'altro c'è un Medvedev che non sbaglia praticamente nulla. Il russo non concede nulla al serbo, demolendogli il sogno a colpi di racchetta vincendo il primo Slam della sua carriera in un Arthur Ashe completamente schierato per Djokovic.

Un Djokovic a tratti irriconoscibile scarsissima sensibilità nei colpi che generalmente gli escono facilmente e grande nervosismo fin dalle prime battute. Medvedev ha messo in campo il 62% delle risposte, ha chiuso la finale con 31 vincenti a 38. Ha giocato una partita a scacchi perfetta, con i suoi colpi sempre molto personali ma tremendamente efficaci. Ha assorbito il gioco dell'avversario, come è solito fare Djokovic, e cambiato il piano di gioco per togliere punti di riferimenti. Ha giocato soprattutto benissimo di rovescio e così ha scritto l'inizio di una nuova era.

È la prima volta che uno dei migliori esponenti della nuova generazione vince uno Slam contro un Fab Four. "Per me sei il migliore di sempre", ha commentato il russo a fine gara rivolgendosi a Djokovic che a sua volta si è congratulato con il vincitore: "Splendida partita e splendido torneo, se c'era qualcuno che meritava un titolo Slam sei tu - le parole del serbo - Prima della partita pensavo a cosa avrei detto sia se avessi vinto sia se avessi perso: anche se non ho vinto il mio cuore è pieno di gioia, mi avete fatto sentire speciale. Avete toccato il mio animo, a New York non mi ero mai sentito così mi avete incoraggiato. Ci rivediamo presto". In tribuna c'era Rod Laver, l'ultimo a completare il Grande Slam nel 1969, un record, che rimane all'australiano.

Potrebbe interessarti anche
TENNIS
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
BASKET
11 ore
LeBron James e Kareem Abdul-Jabbar, così simili e così diversi
Martedì contro Oklahoma o giovedì contro Milwaukee, ‘Lbj’ strapperà a ‘Kaj’ il record di punti segnati nella Nba
Angolo Bocce
12 ore
Riccio e Cadei firmano la prima gara di categoria B
A Lugano i due locarnesi della Stella si aggiudicano con un sofferto (ma meritato) 12-10 la finale che li opponeva a Silvia Lanz e Rocco Caggiano
SCI ALPINO
12 ore
I Mondiali si aprono con l’argento di Wendy Holdener
La svittese ha chiuso al secondo posto la combinata, alle spalle dell’italiana Brignone. Fuori alla terz’ultima porta Shiffrin, male Michelle Gisin
Hockey
15 ore
Heim salta la Nazionale, Rüfenacht torna sul ghiaccio
Ad Ambrì si attende di conoscere l’entità del problema del bernese e di quello di Kneubuehler. Forze nuove in arrivo per Luca Cereda
Volley
16 ore
Le ragazze del Bellinzona guadagnano due punti
Dopo un buon avvio, le ticinesi subiscono la reazione dell’Aarau, ma alla fine riescono comunque a imporsi al tiebreak
Tennis
22 ore
L’esempio di Ashe, trent’anni dopo
Il 6 febbraio del 1993, non ancora cinquantenne, il grande tennista si arrendeva all’Aids, contratto in ospedale dopo un’operazione al cuore
IL DOPOPARTITA
1 gior
L’Ambrì doma i Leoni. ‘Volevamo pulizia, ci siamo riusciti’
Spacek e Chlapik regalano due punti preziosi ai biancoblù, in una sfida che si anima nel terzo tempo. Negli spogliatoi anzitempo Heim e Kneubuehler
Volley
1 gior
Il Lugano risorge dalle proprie ceneri, Sciaffusa al tappeto
Dopo un avvio a dir poco difficile, le ragazze di Apostolos Oikonomou cambiano volto alla partita vincendo tutti e tre gli ultimi set
IL DOPOPARTITA
1 gior
A Lugano era pazienza, adesso è competizione
I bianconeri si godono il successo sul Kloten e i 61 punti in classifica prima della pausa. ‘Pian pianino stiamo andiamo nella direzione in cui volevamo’
Basket
1 gior
Sam, domenica di festa condita da un successo
Anche se la sfida con il Monthey è davvero brutta. Gubitosa: ‘Viste le premesse contava solo vincere’. Un Lugano incerottato, invece, s’arrende al Nyon
© Regiopress, All rights reserved