laRegione
belinda-bencic-l-oro-olimpico-vale-uno-slam
Tennis
16.08.21 - 16:44
Aggiornamento : 18:46

Belinda Bencic: ‘L’oro olimpico vale uno Slam’

La sangallese, a Cincinnati per preparare gli Us Open, torna sull'impresa di Tokyo

di Marcel Hauck (ats)

La sua pianificazione è stata scombussolata: nell’agenda di Belinda Bencic, dopo Tokyo c’era il Masters 1000 di Montréal. Tuttavia un imprevisto le ha impedito di tenere fede ai suoi programmi originali: la medaglia d’oro vinta alle Olimpiadi (oltre all’argento conquistato in doppio con Viktorija Golubic, naturalmente). L’ebbrezza da Olimpiade andava smaltita. Troppo grande, inoltre, la voglia di festeggiare con amici e familiari, a casa. «Sono stati giorno un po’ caotici - svela la sangallese - perché ero molto sollecitata: le richieste dei media, gli appuntamenti, l’incontro con gli sponsor, ma anche molte ore con la famiglia e gli amici. Naturalmente, ho anche dovuto riprendere gli allenamenti». Del resto, benché il ricordo resti vivo, la carriera prosegue. Rilanciata da un’impresa sportiva non pianificata, ma neppure improvvisata.

Belinda alle Olimpiadi è andata senza attese esagerate, ma pur sempre con grande gioia, anche perché cinque anni fa aveva dovuto rinunciare per un infortunio al polso. «Molti colleghi mi hanno spiegato che atmosfera avrei trovato, ai Giochi».- Nonostante le condizioni del tutto particolari dovute alla emergenza sanitaria, la sangallese è rimasta affascinata. «È quasi impossibile da descrivere. È stata tutta un’esperienza, nel verso senso della parola. Era fantastico anche solo andare a fare colazione. In palestra mi allenavo con atleti di altre discipline di altissimo livello. In quel contesto, con tutte quelle emozioni e quella gioia, manco ci pensavo, al tennis. Sul piano morale ed emotivo ho vissuto sempre momenti altissimi».

Emozioni positive

A Tokyo Belinda ha potuto constatare che «in quanto tennista, non conti poi granché. Tutti gli atleti sono inseriti nel medesimo contesto e vivono le stesse esperienze, beneficiano delle emozioni positive a cinque cerchi» che in lei hanno moltiplicato le energie grazie alle quali sorbirsi un programma fitto fitto, con un doppio impegno quotidiano, con singolare e doppio. «La fatica non la sentivo, il doppio con Vicky è stata la ciliegina sulla torta». La stanchezza fisica, a un certo punto è emersa. «Mentalmente, però, sono rimasta al top per molti giorni».

Nell’ambito del tennis, un titolo del Grande Slam vale più di un oro olimpico. Belinda, però, è convinta che i due risultati possano essere messi sullo stesso piano. «È divertente: il mio allenatore Sebastian Sachs prima di andare a Tokyo mi chiese quale titolo avrei preferito, se avessi potuto scegliere: gli risposi spontaneamente “le Olimpiadi”. Naturalmente non potevo sapere che avrei vinto. Sarebbe il massimo anche vincere uno Slam, per ora rimane un sogno. Va però detto che i Giochi olimpici vanno oltre la singola disciplina: le Olimpiadi sono per tutti, anche per coloro i quali non seguono il tennis».

Riecco Vondrousova, come a Tokyo

Avrebbero potuto fungere da portafortuna, o da motivazione supplementare, ma Belinda non ha portato con sé le medaglie a Cincinnati. «Devo fare attenzione - dice divertita -, si graffiano, non si devono toccare». Uno strano scherzo del destino, al primo turno la pone di fronte alla ceca Marketa Vondrousova, la sua avversaria nella finale di  Tokyo.«Abbiamo entrambe scosso la testa, quando abbiamo visto il sorteggio. Ma come è possibile? Proprio adesso che sono riuscita a staccare e a togliermi quel match dalla testa. Tant’è, con lei mi trovo bene e posso scambiare qualche parola in slovacco. Sarà una partita molto intensa ma saremo entrambe un po’ più rilassate».

Cincinnati è una tappa verso gli Us Open utile per ritrovare la migliore condizione. Il viaggio dalla Svizzera, inoltre, non è stato dei più sereni. Due coincidenze cancellate a Chicago, una notte e molte ore da fare trascorrere prima che lei, il suo preparatore atletico nonché compagno Martin Hromkovic e il coach Sebastian Sachs giungessero a destinazione. La sangallese, però, la prende con filosofia. «Il mio fisico aveva bisogno di un po’ di riposo, per la rigenerazione. Dal punto di vista tecnico mi sento bene 

Nell’Ohio, come detto, si tratta principalmente di ritrovare ritmo di gioco e brillantezza. Il vero obiettivo sono gli Us Open. Nell'edizione di due anni fa Belinda Bencic andò vicina come non mai al suo secondo sogno, il titolo Slam al quale fu costretta a rinunciare in semifinale, stadio che non ha mai più raggiunto nei “major”. Le servirà quel picco emozionale raggiunto a Tokyo che dice di non avere ancora perso.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
belinda bencic cincinnati oro olimpico tokyo 2020 us open

TENNIS: Risultati e classifiche

Potrebbe interessarti anche
TENNIS
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Formula 1
12 ore
Verstappen e una serenità figlia (anche) della cura dei dettagli
Con la doppietta in Spagna le Red Bull hanno ripreso il comando del Mondiale ai danni di una Ferrari che ha tradito Leclerc sul più bello
Hockey
13 ore
La Svizzera e la rimonta della domenica: fanno sei su sei
Primo tempo pessimo, poi gli elvetici escono alla distanza e vincono 5-2. Ma perdono per strada Scherwey: per l’attaccante del Berna il Mondiale è finito
Calcio
13 ore
Acb, un bel successo per festeggiare la promozione
I granata, ormai certi della salita in Challenge League, battono 3-2 l’Étoile Carouge con un gol di Souza nel recupero.
Calcio
15 ore
Il Milan non trema ed è campione d’Italia!
La squadra di Pioli nell’ultima giornata di Serie A si è imposta 3-0 in casa del Sassuolo e ha chiuso il campionato con 2 punti di vantaggio sull’Inter
Calcio
16 ore
Il Manchester City è campione d’Inghilterra per l’ottava volta
Al termine di un’ultima giornata emozionante gli uomini di Guardiola si sono imposti 3-2 in rimonta sull’Aston Villa precedendo il Liverpool di un punto
CALCIO
16 ore
La stagione del Lugano si chiude con una sconfitta a Basilea
Bianconeri battuti di misura al St. Jakob al termine di una buona prestazione con una formazione largamente rimaneggiata
Hockey
17 ore
La Germania vince ancora e lancia la sfida agli elvetici
Gli uomini di Söderholm battono anche i kazaki, centrando il quinto successo di fila e mettendo pressione ai rossocrociati prima del test con la Francia
Ciclismo
17 ore
Giulio Ciccone firma il terzo successo italiano a questo Giro
Il 27enne si è imposto in solitaria nell’arrivo in quota a Cogne. Immutata la classifica generale con Carapaz che precede Hindley e Almeida.
FORMULA 1
18 ore
Verstappen vince in Spagna e scavalca Leclerc
L’olandese si è imposto al termine di un Gran premio che ha visto il monegasco abbandonare prima di metà gara per problemi al motore della sua Ferrari
calcio
23 ore
Il Chiasso stende anche il Breitenrain
La capolista deve arrendersi alla lanciatissima squadra di Andrea Vitali con un rotondo 3-0. Settimana prossima c’è il derby
© Regiopress, All rights reserved