laRegione
(Keystone)
Tennis
14.07.19 - 16:150
Aggiornamento : 23:52

Beffa atroce, Federer capitola 13-12 al quinto

L'elvetico spreca due matchball sull'8-7 40-15 con servizio a favore, e poi due palle di break sul 11-11

La finale più lunga di sempre a Wimbledon premia Novak Djokovic, ma è Roger Federer ad avere i maggiori motivi di rimpianto. Il basilese capitola 13-12 al tie-break del quinto set (ha perso anche gli altri due, nel corso di una finale incredibile) dopo aver sprecato due matchball sull'8-7, e due palle di break sull'11-11, quando era sul punto di fare la differenza a proprio favore. Un passante di troppo (uno subìto, sul matchball, uno sprecato, su una delle due palle di break sprecate) ha deciso le sorti di un atto conclusivo che faticheremo a dimenticare, che Roger sognerà per qualche notte ancora...

Quarto set: decide un break, Federer vince 6-4.

Terzo set: nel momento in cui sembrava essere in grado di prendere il sopravvento (sul 5-4 ha avuto una palla di set annullata da Djokovic con il servizio), ecco che si è disinuto. Nel tie-break che ha regalato la terza frazione al serbo si è trovato presto sotto 1-4 per effetto di tre errori di rovescio, due dei quali molto brutti.

Pochi minuti dopo aver masticato amaro per aver perso il primo set al tie-break, Roger Federer era tornato prepotentemente in partita, con un 6-1 che aveva lasciato un po' di stucco. Djokovic era uscito dalla partita in maniera sorprendente, consegnando al basilese un secondo set praticamente a senso unico. Da qui, ha preso avvio una finale al meglio dei tre set. Come tra Roger e Rafa, in semifinale.

Quanto al primo set, un 'minibreak' sul 3-3 del tie-break, esattamente come venerdì in semifinale contro Rafa, pareva consegnare a Roger Federer (l'unico ad aver avuto, e sprecato, una palla break) un primo set molto equilibrato. Tuttavia il copione di due giorni fa non ha avuto una replica: Novak Djokovic ha messo in fila quattro punti, sfruttando tre errori diretti dell'elvetico, per portarsi avanti di un set. 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Sport
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile