laRegione
SCI ALPINO
14.01.22 - 14:30
Aggiornamento: 15:12

Solo Kilde più veloce di Odermatt e Feuz

La prima discesa libera del Lauberhorn, su un percorso accorciato, premia il norvegese, ma il giovane nidvaldese stupisce ancora

solo-kilde-piu-veloce-di-odermatt-e-feuz

Non finisce più di stupire, Marco Odermatt. Il giovane fenomeno elvetico si è classificato al secondo posto nella prima discesa del Lauberhorn, su un percorso leggermente ridotto rispetto all’integrale in programma domani. Alla sua prima libera a Wengen, Odermatt ha chiuso alle spalle del norvegese Alksander Aamodt Kilde, invertendo di fatto i primi due posti rispetto al superG di giovedì, vinto dal rossocrociato davanti al norvegese. Al terzo posto il bernese Beat Feuz a 0”30.

Odermatt ha concesso 19 centesimi a Kilde, dopo avergliene strappati 23 nella prova di superG. Per l’obvaldese si tratta del secondo podio consecutivo nella prova regina dello sci, dopo quello ottenuto a Bormio. Un risultato che porta il totale stagionale dei podi a 10 in 14 gare disputate. Il fenomeno di Hergiswil ha compiuto un ulteriore passo avanti anche in discesa libera, disciplina che non è esattamente la sua prediletta. Imperiale nella S-Kernen finale, ha domato con grande sicurezza un percorso che, per quanto accorciato di circa un chilometro rispetto a quello originale, scopriva per la prima volta.

È tornato al suo abituale livello, invece, Beat Feuz, dopo un’uscita di pista a Bormio (merce molto rara per un regolarista come lui) e un superG nel quale ha evitato per miracolo una rovinosa caduta. E non è detto che il bernese abbia dato fondo alle sue possibilità, potrebbe aver riservato il meglio per la “vera” discesa del Lauberhorn, quella in programma domani e già vinta tre volte. Un quarto successo gli permetterebbe di diventare il recordman assoluto, lasciandosi alle spalle l’austriaco Franz Klammer.

Buona la prestazione di Carlo Janka, alla sua penultima gara in Coppa del mondo. Il grigionese, che domani appenderà gli sci al chiodo, ha chiuso all’undicesimo posto con un ritardo di 1”19 da Kilde.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
IL DOPOPARTITA
5 ore
Il Lugano ci prende gusto. ‘Però cerchiamo di badare al sodo’
Quarto successo filato per i bianconeri di Gianinazzi, che si confermano anche contro l’Ajoie. Il coach. ‘A me, però, la prima mezz’ora è piaciuta meno”
Altri sport
6 ore
Pattinaggio artistico, bronzo europeo per Lukas Britschgi
Lo sciaffusano grazie al miglior programma libero della carriera sale sul podio di Helsinki, alle spalle del francese Siao Him Fa e dell’italiano Rizzo
Hockey
6 ore
Il Lugano non si ferma e liquida anche l’Ajoie
I bianconeri, ora a 55 punti, non hanno lasciato scampo ai giurassiani, piegati 5-2 alla Cornèr Arena.
ciclismo
9 ore
Peter Sagan si ritira dal ciclismo su strada
Lo slovacco, triplice campione del mondo, da fine stagione si dedicherà unicamente alla mountain bike
volley
9 ore
Per il Lugano c’è lo Pfeffingen prima del derby
Sabato il campionato al Palamondo, domenica i quarti di Coppa Svizzera a Bellinzona
CALCIO
10 ore
‘Ci ho sperato, ma si capiva che la china portava al fallimento’
Miodrag Mitrovic deluso e arrabbiato per la fine dell’Fc Chiasso: ‘Qualcuno, per assurdo, in questa situazione ci ha pure guadagnato’
CALCIO
11 ore
La pazienza è la virtù dei forti
Il Lugano ospita il Grasshopper. Croci-Torti: ‘Sarà una sfida logorante, non dovremo perdere la testa se le cose non dovessero funzionare subito’
Basket
13 ore
Le speranze della Sam in un weekend tutto da gustare
Al via un Final Four di Montreux ricco di sorprese, con Thabo Sefolosha in campo ma senza l’Olympic e il massagnese Roberto Kovac. Gubitosa: ‘No comment’
Calcio
21 ore
‘Tifosi granata, stateci sempre vicini’
A due giorni dalla ripresa del campionato cadetto, il nuovo coach dell’Acb Stefano Maccoppi fa il punto della situazione e presenta tre nuovi arrivi
MOUNTAIN BIKE
1 gior
Nel 2023 per Filippo Colombo soffia un vento di novità
Il biker ticinese ha cambiato squadra (è passato alla Scott) e con la Q36.5 vuole intensificare l’attività su strada. ‘Ma punto a Cdm e Mondiali di mtb’
© Regiopress, All rights reserved