laRegione
giovani-andate-a-scoprire-che-modello-era-la-doris
Ti-Press
Doris De Agostini, Mauro Pini, Michela Figini
22.11.20 - 18:45
Aggiornamento: 19:04

‘Giovani, andate a scoprire che modello era la Doris’

Mauro Pini ricorda De Agostini. Donna ‘sensibile e mai sopra le righe’, l'ex campionessa ‘è un esempio ancora attuale'

«La personalità che De Agostini ha trasmesso a diverse generazioni, rimane un esempio attuale. Anzi, forse lo è ai giorni nostri ancor più che in passato». Mauro Pini - già allenatore in Coppa del Mondo e attuale direttore della Valbianca Sa - ne è convinto: anche per un giovane d’oggi, che ‘la Doris’ probabilmente non ha idea di chi fosse, «è un modello da seguire e copiare. A un ragazzo o una ragazza direi di andare a scoprire chi è stata e, soprattutto, quale tipo di rappresentazione abbia dato». Al Ticino, ma pure ben oltre i confini cantonali. «Credo che la sua genuinità avesse colpito l’intero universo dello sci. Era diventata un’icona, la Doris». Lo sanno quelli dai trenta-quarant’anni in su, che dell’airolese ricordano sì le gesta sportive, «ma forse soprattutto proprio l’immagine che ha dato di sé».

Nella sua capacità, partendo da una piccola e periferica realtà, di arrivare sul palcoscenico mondiale in anni in cui le opportunità e le strutture erano ben diverse rispetto a oggi, «sta l’esempio del suo successo. Un modello di forza di volontà, eredità che lascia a tutti. Capace com’è stata di dimostrare, più a se stessa che agli altri, che con l’impegno e il carattere anche lei ce la poteva fare». Perché per i ‘canoni’ di allora, in cui si privilegiava la forza pura e fisici più robusti, lei alta, snella e slanciata era il contrario di ciò che una sciatrice doveva essere. Eppure la Doris, con quel corpo più da pallavolista o anche modella, si è ritagliata il suo spazio. 

Icona suo malgrado

Prima donna ticinese a raggiungere questi livelli, come l’altra campionessa Michela Figini ha lasciato presto le competizioni e ha poi condotto una vita lontana dai riflettori; eppure non è caduta nel dimenticatoio. «Doris è sempre stata capace di dare allo sport lo spazio che meritava, ma di scinderlo dalla vita privata. Ha dato molto allo sci; però, una volta chiuso il capitolo, non ha cercato di ‘camparci sopra’. Con molta discrezione e dignità, ha trasmesso il messaggio che sì, ha ottenuto dei successi ma in fondo è stato ‘solo’ sport, un divertimento». Per certi versi è dunque diventata un’icona suo malgrado «e penso che la si ricordi proprio per questo. Per com’era lei, non per come avrebbe potuto farsi conoscere». Perché la Doris era esattamente come tutti l’avevano conosciuta. «Riservata, mai sopra le righe e donna molto sensibile. Genuina e posata, aveva al contempo una giusta cocciutaggine e la capacità di dire le cose al momento opportuno. In questo, trovo che esprimesse appieno la cultura alpina, vallerana».

Ed è in mezzo alle loro montagne, che sono incastonati due tra i più preziosi ricordi che Mauro Pini conserva della Doris. Il primo «è il suo ritorno ad Airolo, dopo la medaglia di bronzo in discesa ai Campionati del Mondo di Garmisch-Partenkirschen nel 1978. Venne accolta alla stazione da una marea di gente. Lei aveva sei anni più di me e ai miei occhi, ma direi a quelli di tutti i ragazzi della mia età, era un esempio incredibile». Il secondo risale all’ultimo inverno, in occasione dell’inaugurazione di due nuove piste ‘nere’ ad Airolo Pesciüm, dedicate una proprio a Doris De Agostini e l’altra a Michela Figini. «Una giornata splendida, una festa sulle nevi. È stato un bel momento di condivisione, con lei che mi rivedo felice e orgogliosa».

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
doris de agostini mauro pini
Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
tennis
2 ore
Stan Wawrinka subito eliminato a Montreal
Il vodese si arrende in tre set 3-6 6-3 3-6 al finlandese Ruusuvuori nel primo turno del torneo canadese
HOCKEY
9 ore
Dopo la sospensione per Covid, riparte il Mondiale U20
La Svizzera di Marco Bayer a Edmonton per riallacciare i fili di una competizione fermata lo scorso dicembre. Presenti i ticinesi Zanetti e Biasca
mountain bike
1 gior
Filippo Colombo splendido secondo a Mont Ste. Anne
Il ticinese si arrende soltanto al francese Titouan Carod. Nino Schurter è sesto. Tra le donne successo di Jolanda Neff.
gallery
la ricorrenza
1 gior
Con il parkour ‘da diciotto a ottantacinque sport’
Gioventù e Sport celebra il cinquantesimo anniversario organizzando a Tenero un campo per settecento giovani e inaugurando una nuova disciplina
CALCIO
1 gior
Europa o Super League, la musica non cambia
A quattro giorni dalla sconfitta contro il Beer Sheva, il Lugano cede a Cornaredo anche contro il Lucerna
calcio
1 gior
Il Bellinzona espugna il Principato
A Vaduz Pollero regala i tre punti ai granata, che riscattano così la sconfitta casalinga contro lo Stade Losanna
MOTOMONDIALE
1 gior
Bagnaia trionfa in Inghilterra
A Silverstone, Pecco ha preceduto Viñales e Miller. Ottavo Quartararo, fuori Zarco
calcio
2 gior
‘Un piacere affrontare ricordi e amici’
Il Vaduz di Alessandro Mangiarratti accoglie il Bellinzona. ‘Diversi tifosi mi hanno scritto che verranno a vedere la partita’
BASEBALL
3 gior
Consigli per gli acquisti? Una figurina da sette milioni
Una foto del 1909 di Honus Wagner, l’Olandese volante, stella del baseball d’inizio Novecento, venduta a 7,5 milioni di dollari. ‘È arte, è storia!’
CICLISMO
3 gior
Dylan Teuns fa le valigie: subito alla Israel-Premier Tech
Vincitore della Freccia vallone ad aprile, il trentenne belga cambia squadra a stagione in corso, in partenza dalla Bahrain-Victorius
© Regiopress, All rights reserved