laRegione
QATAR 2022
07.12.22 - 17:24
Aggiornamento: 08.12.22 - 10:43

Murat Yakin ammette: ‘Sono responsabile di quanto successo ieri’

Conferenza stampa di bilancio per la Svizzera a poche ore dall’uscita di scena dal Mondiale

murat-yakin-ammette-sono-responsabile-di-quanto-successo-ieri
Keystone

Chiuso tristemente il Mondiale, in casa Svizzera è tempo di bilanci e di profonde riflessioni. Il direttore delle squadre nazionali Pier Tami, il presidente dell’Asf Dominique Blanc e l’allenatore Murat Yakin hanno incontrato la stampa, per le prime considerazioni a poche ore dal tracollo contro il Portogallo.

In conferenza stampa il primo a prendere la parola è stato Blanc: «La metà delle squadre partecipanti è già a casa. Abbiamo vissuto tre settimane in un’atmosfera fantastica. La Nazionale è riuscita nuovamente ad arrivare agli ottavi di finale di un torneo importante ed è sopravvissuta a un girone difficile. Sicuramente siamo delusi dalla partita di ieri, ma non va dimenticato che il Portogallo è un avversario forte. Ciò che non uccide fortifica: a breve inizieranno le qualificazioni per l’Europeo ed è su questo che vogliamo concentrarci ora».

Questa, invece, l’analisi di Pier Tami: «Se Yakin deve temere per il suo futuro? No, per niente - ha detto Tami - Naturalmente nelle prossime settimane analizzeremo nel dettaglio quanto successo. È con noi da un anno e tre mesi e durante questo periodo ha portato la Svizzera direttamente alla Coppa del Mondo. Non possiamo buttare via quanto di buono fatto fin qui. I sei punti ottenuti nella fase a gironi è uno dei migliori risultati di sempre. L’aspetto negativo è che non siamo riusciti a esprimerci al nostro livello negli ottavi di finale. Ci sono molte ragioni che spiegano la partita con il Portogallo e bisognerà fare un’analisi accurata. Il nostro livello fisico non era all’altezza di quello dei nostri avversari. La delusione è molto grande, anche se è giusto fare i complimenti ai portoghesi. Se qualche giocatore ha chiuso con la Nazionale? Non ho sentito nulla da nessuno in tal senso».

Sulla frustrazione dei calciatori: «È stata una grande delusione - ha continuato Tami - L’errore sarebbe cercare di trovare delle soluzioni a caldo. I giocatori ieri non si aspettavano nulla, ma evidentemente ci sono stati vari aspetti che non hanno funzionato. Dobbiamo restare uniti anche nei momenti difficili».

Dal canto suo Murat Yakin non ha voluto nascondersi, assumendosi le sue responsabilità: «Non sono responsabile soltanto delle vittorie, ma anche quando le cose non vanno bene. Avevamo una strategia chiara, un piano che purtroppo non ha funzionato. Con Widmer fuori causa, il nostro obiettivo era quello di giocare alti con Vargas e Fernandes. Purtroppo non siamo riusciti a mettere sufficiente pressione sugli avversari. Ma i gol che abbiamo incassato non erano una questione di sistema. Semplicemente non eravamo sufficientemente freschi. L’avversario aveva otto giocatori nuovi in ​​campo e lo si è visto...».

Ai ragazzi Yakin cos’ha detto? «Li ho ringraziati per il loro impegno, per quello che alla fine è stato un buon anno. Nella fase a gironi abbiamo mostrato grandi cose, regalando diverse soddisfazioni al popolo svizzero. Ieri non è stata la nostra giornata. Guardiamo avanti».

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Hockey
6 ore
Maxim Noreau finisce sui francobolli. In Sierra Leone
Il difensore canadese ex Ambrì ha la sua faccia su un bollo da cinquanta centesimi in Africa. ‘Perché? Davvero non lo so, ma nessuno mi ha chiesto nulla’
Atletica
7 ore
In Polonia gli elvetici fanno la loro bella figura
A Torun, nel meeting valido per l’Indoor Gold Tour, Ditaji Kambundji centra il limite per gli Europei, mentre Elmer firma il miglior tempo della carriera
Calcio
8 ore
Mondiale per club, è il Real il secondo finalista
Gli spagnoli sconfiggono gli egiziani dell’Al Ahly grazie alle reti di Vinicius Junior, Valverde e – nei minuti di recupero – Rodrygo e Arribas
SCI ALPINO
9 ore
A soli 37 anni si è spenta Elena Fanchini
Malata da tempo, la sorella maggiore di Nadia si è dovuta arrendere a una recidiva del tumore ed è morta nella sua casa in provincia di Brescia
Formula 1
9 ore
Nessun bavaglio nel Circus. ‘Oguno può dire ciò che pensa’
In un’intervista al britannico The Guardian, Stefano Domenicali si schiera a favore della libertà d’espressione dei piloti, invitando la Fia a chiarire
Sci
11 ore
Lo scettro di Lara raccolto da Marta Bassino
Nel superG iridato, la ticinese detentrice del titolo chiude solo sesta. Giovedì tocca ai maschi, con Marco Odermatt in pole position
Tennis
12 ore
Abu Dhabi, Belinda ai quarti senza soffrire
La sangallese, numero nove al mondo, non incontra alcuna difficoltà nel superare l’ucraina Marta Kostjuk (numero 57 Wta), battuta 6-4 7-5
Ciclismo
13 ore
Il Velo Club Mendrisio fra tradizione e sfide del presente
Il presidente Alfredo Maranesi: ’Ormai ci sono pochissime gare, la stampa si interessa sempre meno, e di conseguenza fatichiamo a trovare sponsor’
Hockey
13 ore
Giovane, inesperta Svizzera. ‘Spero che (i club) apprezzino’
A Zurigo la Nazionale di Fischer si prepara ad affrontare la Finlandia con qualche artista in meno del solito. ‘Forechecking aggressivo e più semplicità’
Altri sport
14 ore
Sgambetto riuscito, il Biasca sale a quota 22 punti
Continua la serie positiva dei rivieraschi, che confermano di avere la difesa più solida del campionato e mettono sotto anche il temibile Ginevra
© Regiopress, All rights reserved