laRegione
Sierre
Langenthal
19:33
 
06.12.22 - 21:56

Che umiliazione

La Svizzera non è pervenuta e con il Portogallo viene rispedita a casa con un pesantissimo 6-1

che-umiliazione
Keystone
La bomba di Gonçalo Ramos sorprende Sommer al 17’

La Svizzera termina il suo Mondiale, senza opporre la minima resistenza al Portogallo, subendo una delle più grandi sberle della sua storia. Il 6-1 con cui i lusitani ci spediscono a casa è infatti assolutamente meritato e onesto.

Yakin con la difesa a tre, Cr7 è in panchina

Murat Yakin conferma Schär in difesa, schierata a tre con Rodriguez e Akanji, dove Edimilson Fernandes prende il posto di Silvan Widmer (ammalato) sulla fascia destra. In porta torna Sommer, mentre il resto della formazione è lo stesso che ha iniziato l’incontro con la Serbia. Il Portogallo invece rispolvera Ruben Dias, Bruno Fernandes e João Felix, Cristiano Ronaldo invece parte dalla panchina, al suo posto è schierato titolare Gonçalo Ramos. Fernando Santos deve rinunciare agli infortunati Danilo e Nuno Mendes.

L’illusione dura un quarto d’ora

La Svizzera interpreta pure bene il primo quarto d‘ora ma appena Gonçalo Ramos viene imbeccato in area da João Felix riesce immediatamente a bucare Sommer sul primo palo, grazie anche al troppo spazio concesso da Schär. La Svizzera subisce il colpo e Sommer viene chiamato in causa anche da Otavio e poi di nuovo da Ramos. Dopo una punizione di Shaqiri (forse indirizzata a lato), la deviazione in corner di Costa la Svizzera non costruisce niente, mentre su una situazione identica a parti inverse al 33’, Pepe svetta indisturbato a fare 2-0. La prima vera occasione svizzera arriva al 38’ con un colpo di testa di Freuler, sul quale Diogo Costa ci mette la mano. Al 42’ il solito Ramos si presenta davanti a Sommer, che compie il miracolo e gli nega il 3-0. Il doppio svantaggio con cui la Svizzera arriva alla pausa sa però già di sentenza, soprattutto per la troppa remissività mostrata dai rossocrociati.

Nella ripresa si affonda

Alla pausa Schär viene sostituito da Cömert, la Svizzera passa alla difesa a quattro, ma la partita non cambia. Al 6’ della ripresa infatti Diogo Dalot serve un cross basso sul quale Ramos si avventa per primo e firma il 3-0. La Svizzera con la testa proprio non c’è e, nonostante l’inserimento di Seferovic e Zakaria, anche Raphael Guerreiro si prende il lusso di sbeffeggiare la retroguardia rossocrociata infilando il 4-0. Al 55’ il Portogallo ha dunque già messo in cassaforte il successo, che non viene certamente rimesso in discussione dal gol di Akanji al 58’ su calcio d’angolo. Ramos infatti continua a divertirsi e trova la tripletta. Anche Leão, in campo da cinque minuti, si regala la gioia del gol nei recuperi. Per il definitivo e umiliante 6-1.

Portogallo - Svizzera (2-0) 6-1
Reti:
17’ Gonçalo Ramos 1-0, 33’ Pepe 2-0, 51’ Gonçalo Ramos 3-0, 55’ Guerreiro 4-0, 58’ Akanji 4-1, 67’ Gonçalo Ramos 5-1, 92’ Leão 6-1
Portogallo: Diogo Costa; Diogo Dalot, Pepe, Ruben Dias, Guerreiro; Bernardo Silva (81’ Neves), William, Otavio (74’ Vitinha); Bruno Fernandes (87’ Leão), Gonçalo Ramos (74’ Horta), João Felix (74’ Ronaldo).
Svizzera: Sommer; Edimilson Fernandes, Akanji, Schär (46’ Cömert), Rodriguez; Freuler (54’ Zakaria), Xhaka; Shaqiri, Sow (54’ Seferovic), Vargas (66’ Okafor); Embolo (89’ Jashari).
Arbitro: César Ramos (Messico)
Note: 83720 spettatori. Portogallo senza Danilo, Nuno Mendes (infortunati). Svizzera priva di Widmer (ammalato). Ammoniti: 42’ Schär, 59’ Cömert.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Basket
2 min
Nancy Fora: ‘Importante la cultura del lavoro’
La cestista ticinese spiega i segreti dei successi dell’Elfic Friborgo, squadra che in Svizzera non ha praticamente rivali
Basket
39 min
Mercoledì di nuovo in campo Lugano e Massagno
La Sam vincitrice della Coppa di Lega ospita il Neuchatel, mentre i Tigers ricevono il Vevey forse privo di Sefolosha
Tennis
57 min
Golubic subito sconfitta a Lione
Ancora a secco di successi in un tabellone principale nel 2023 la trentenne tennista rossocrociata
Tennis
13 ore
Djokovic più forte di tutti e di tutto
Il serbo ha conquistato l’Open australiano mostrando, oltre a una netta superiorità tecnica, pure una forza mentale impressionante
Calcio
20 ore
Gattuso lascia il Valencia
Il campione del mondo 2006, 14° in classifica nel campionato spagnolo, se ne va in accordo col club
Hockey
20 ore
Addio a Bobby Hull
Una delle leggende della Nhl - e dei Chicago Blackhawks - si è spenta lunedì a 84 anni
Calcio
22 ore
‘Situazione difficile, aiuteremo i giocatori’
Dopo il fallimento del Fc Chiasso, i sindacati hanno incontrato i calciatori e hanno spiegato loro come muoversi per far valere i propri diritti
CROSS
1 gior
Roberto Delorenzi vince a Moghegno
La prova generale dei Campionati svizzeri di cross 2024 nobilitata dalla presenza di alcuni talenti confederati protagonisti delle prove di Cross Cup
BASKET
1 gior
Juwann James, quando il senso del dovere è più forte del dolore
Asterischi a margine della finale di Sbl Cup vinta dalla Spinelli Massagno. Lo statunitense avrebbe meritato il riconoscimento di Mvp
COSE DELL’ALTRO MONDO
1 gior
Eagles e Chiefs staccano il biglietto per il Super Bowl
Philadelphia supera San Francisco colpito dalla sfortuna, Kansas City si prende la rivincita su Cincinnati grazie a uno stupido fallo
© Regiopress, All rights reserved