laRegione
Sierre
Langenthal
19:33
 
I mondiali dal divano
01.12.22 - 05:30
Aggiornamento: 15:55

I segreti dei suoi occhi

Le Coppe del mondo passano, i ricordi restano. Poi diventano tesori nelle nostre memorie

i-segreti-dei-suoi-occhi
Lui li ha visti tutti. O quasi

Lui sì che li ha visti tutti. O quasi. La prima "Máquina" del River Plate (a memoria: Muñoz, Moreno, Pedernera, Labruna e Loustau) negli anni 40. Anche la seconda, nel decennio successivo, passata alla storia come la "Maquinita" (Prado, Vernazza, Walter Gomez, Labruna, Loustau). In mezzo a questi, un certo Alfredo Di Stéfano, la "Saeta Rubia", prima che andasse a riempirsi di gloria al Real Madrid. E poi Omar Sívori, il "Cabezón", quello che con i soldi del suo trapasso alla Juventus permise al River di ricostruire la tribuna dello stadio crollata qualche anno prima.

Ma parliamo un po’ dei Mondiali: a Londra, nel ’66, Rattin si sedette sul tappeto reale di Wembley per protestare contro la sua assurda espulsione ai quarti di finale dell’Argentina contro i padroni di casa. Questo episodio, a Buenos Aires, nessuno lo vide, nemmeno mio padre. Tutti lo sentirono alla radio. Le dirette tv sarebbero arrivate soltanto quattro anni dopo, alla Coppa del mondo di Messico 1970. Poi ci fu la finale dell’86 contro la Germania: quella volta mio babbo rimase davanti allo schermo soltanto fino al secondo gol tedesco, quello del pareggio di Völler all’ottantunesimo. Poi si alzò e disse: non ce la faccio, vado fuori. Fuori dove? Manco le strade c’erano, a Buenos Aires, il pomeriggio del 29 giugno 1986! Si accorse del gol di Burruchaga solo per le urla impazzite che inondarono tutta la città, tutto il Paese.

Nel 2002 lui vide bene come l’Argentina, favoritissima alla vigilia, venne eliminata dopo le prime tre partite. Io no. Appena arrivato in Ticino, lavavo pentole in un albergo sopra la stazione di Lugano: mentre grattavo le teglie delle lasagne cercavo di capire, grazie a una piccola tv che avevano portato in cucina dei colleghi portoghesi, se la squadra guidata da Bielsa sarebbe stata in grado di battere la Svezia all’ultimo turno del girone. Andò malissimo.

Sabato scorso, un po’ come nell’86, sono stati i festeggiamenti del gol di Messi contro il Messico che arrivavano da ogni angolo della città a far capire a mio padre che l’Argentina era ancora viva ai Mondiali del Qatar. Questa volta non era andato da nessuna parte, semplicemente sono i suoi occhi che non vedono più. Non è quindi riuscito neanche ieri sera a guardare la Pulce sbagliare un rigore e nonostante ciò trascinare l’albiceleste negli ottavi di finale di questa Coppa del mondo iniziata nel peggiore dei modi.

A Locarno invece siamo stati soltanto noi, quei pazzi dell’ultimo piano in Città Vecchia, a urlare come matti quando Leo ha sbloccato la partita contro i messicani con quel gol fantastico; quando, offuscato lui, è emersa la squadra per sentenziare la gara con i polacchi. Ho abbracciato i miei figli come se non ci fosse un domani: lo stesso abbraccio nel quale, da piccolo, sono sempre stato stretto da mio padre ogni volta che Maradona, Caniggia, Batistuta, Crespo o chicchessia ci hanno riempito il cuore di gioia. Chissà che i miei ragazzi un giorno non ricordino con emozione quel "viejo" con la barba e gli occhiali che li stringeva a ogni rete argentina? Chissà. I Mondiali passano, i ricordi restano. Poi diventano tesori nelle nostre memorie. Oggi, più che a Messi che alza la Coppa (ce la farà finalmente?), sogno di riuscire ancora una volta a incrociare lo sguardo di mio padre, scorgere i segreti dei suoi occhi, abbracciarlo. E basta.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
Basket
35 min
Mercoledì di nuovo in campo Lugano e Massagno
La Sam vincitrice della Coppa di Lega ospita il Neuchatel, mentre i Tigers ricevono il Vevey forse privo di Sefolosha
Tennis
53 min
Golubic subito sconfitta a Lione
Ancora a secco di successi in un tabellone principale nel 2023 la trentenne tennista rossocrociata
Tennis
13 ore
Djokovic più forte di tutti e di tutto
Il serbo ha conquistato l’Open australiano mostrando, oltre a una netta superiorità tecnica, pure una forza mentale impressionante
Calcio
19 ore
Gattuso lascia il Valencia
Il campione del mondo 2006, 14° in classifica nel campionato spagnolo, se ne va in accordo col club
Hockey
20 ore
Addio a Bobby Hull
Una delle leggende della Nhl - e dei Chicago Blackhawks - si è spenta lunedì a 84 anni
Calcio
22 ore
‘Situazione difficile, aiuteremo i giocatori’
Dopo il fallimento del Fc Chiasso, i sindacati hanno incontrato i calciatori e hanno spiegato loro come muoversi per far valere i propri diritti
CROSS
1 gior
Roberto Delorenzi vince a Moghegno
La prova generale dei Campionati svizzeri di cross 2024 nobilitata dalla presenza di alcuni talenti confederati protagonisti delle prove di Cross Cup
BASKET
1 gior
Juwann James, quando il senso del dovere è più forte del dolore
Asterischi a margine della finale di Sbl Cup vinta dalla Spinelli Massagno. Lo statunitense avrebbe meritato il riconoscimento di Mvp
COSE DELL’ALTRO MONDO
1 gior
Eagles e Chiefs staccano il biglietto per il Super Bowl
Philadelphia supera San Francisco colpito dalla sfortuna, Kansas City si prende la rivincita su Cincinnati grazie a uno stupido fallo
Hockey
1 gior
Il Davos rinforza la difesa con Aaron Irving
Il ventiseienne canadese arriva dal SaiPa in Finlandia e si è accordato con i gialloblù fino al termine della stagione
© Regiopress, All rights reserved