laRegione
27.11.22 - 13:01
Aggiornamento: 14:27

Il Costarica batte il Giappone e riapre il gruppo E

I nipponici, che all’esordio avevano superato la Germania, vengono beffati a 10’ dal termine (1-0) dal solo tiro subito

il-costarica-batte-il-giappone-e-riapre-il-gruppo-e

Costretti a vincere sono i centroamericani – reduci dalla storica batosta contro la Spagna 0-7) – mentre al Giappone capace di sconfiggere all’esordio i tedeschi (2-1) andrebbe bene pure il pareggio. Gli asiatici, dunque, comprensibilmente non si dannano l’anima, badando soprattutto a non prenderle. Comandamento che osservano piuttosto bene, visto che nel corso dell’intero primo tempo non concedono ai Ticos neppure un’occasione, se si fa eccezione – con molta generosità – per un assai estemporaneo tentativo di esterno sinistro di Campbell al 35’. In compenso, piuttosto logicamente neanche il portiere costaricano Navas viene mai chiamato in causa. I primi 45 minuti, insomma, a livello spettacolare sono fra i peggiori visti disputare finora nel torneo, con molti errori su entrambi i fronti e con l’assoluta mancanza di idee e coraggio da parte del Costarica, che pare ancora groggy per le 7 sberle accusate nella prima partita.

Per vedere il primo tiro in porta bisogna attendere l’apertura della ripresa, quando Morita impegna Navas con un bel tiro da lontano (bravi entrambi). Gran parte del merito va ad Asano – già eroe contro la Germania – entrato al 46’ al posto di Ueda e capace immediatamente di dare una scossa a un match fin lì in ibernazione. Il Ct Moriyasu, visto quanto sono rinunciatari i rivali, si dice che forse è il caso di provare a vincerla, invece di accontentarsi di 1 punto, e oltre ad Asano inserisce pure Mitoma. Dovesse andargli bene, sarebbe già agli 1/8 dopo due sole partite: ma c’è pure il rischio – per quanto remoto – che a segnare siano i Ticos, riaprendo di fatto il discorso qualificazione, e dunque il selezionatore giapponese chiede comunque ai suoi di mantenere alta la guardia nelle retrovie. E infatti, contro ogni logica, sono proprio i centroamericani a passare in vantaggio: è l’81’ quando un paio di errori di Morita e del portiere Gonda (pure lui decisivo contro i tedeschi) regalano a Fuller il gol che riapre il Mondiale dei costaricani. I giapponesi, puniti forse dal fato per l’eccessiva prudenza, subiscono lo choc e non riescono più a recuperare – anche per merito di Keylor Navas, vecchio gatto che salva la propria porta in un paio di occasioni – vanificando di fatto quanto di buono mostrato e raccolto contro la Germania. In attesa del big match di domenica sera fra Germania e Spagna, il Costarica grazie a un solo tiro in porta in due gare raggiunge in classifica nipponici e iberici a quota 3 punti, anche se la differenza reti rimane largamente a favore degli asiatici.

Giappone - Costarica 0-1 (0-0)

Ahmad bin Ali Stadium, Al-Rayyan. - 41’479 Spettatori. - Arbitro Oliver (Eng). - Rete: 81’ Fuller 0-1.

Giappone: Gonda; Yamane (62’ Mitoma), Itakura, Yoshida, Nagatomo (46’ Hiroki Ito); Endo, Morita; Doan (67’ Junya Ito), Kamada, Soma (82’ Minamino); Ueda (46’ Asano).

Costarica: Navas; Waston Manley, Duarte, Calvo, Oviedo; Fuller, Borges (89’ Salas), Tejeda, Torres (65’ Aguilera); Campbell (95’ Chacon), Contreras (65’ Bennette).

Ammoniti: 41’ Contreras. 44’ Yamane. 61’ Borges. 70’ Calvo. 84’ Itakura. 93’ Endo.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
CALCIO
26 min
Preparazione fisica, il tallone d’Achille della Nazionale
Pier Tami ha presentato le conclusioni dell’analisi svolta dall’Asf dopo i Mondiali. ‘Negli ottavi ci stiamo benissimo, per i quarti serve l’exploit’
Calcio
4 ore
Joaquin Ardaiz in prestito al Winterthur
Il 24enne uruguaiano lascia il Lucerna dopo mezzo campionato e un solo gol
pallanuoto
5 ore
I Lugano Sharks a Basilea per i quarti di Coppa svizzera
Venerdì all’Eglisee gli uomini di Jonathan Del Galdo vogliono dar seguito al successo sullo Sciaffusa e qualificarsi per il final four
Calcio
5 ore
Varane non vestirà più la maglia ‘Bleu’
Il difensore centrale della Francia ha deciso di lasciare la Nazionale dopo 93 presenze e un titolo mondiale
TENNIS
5 ore
Marc-Andrea Hüsler aprirà le danze in Coppa Davis
Sarà lo zurighese a disputare la prima partita della sfida tra Germania e Svizzera. Nella seconda scenderà in campo Stan Wawrinka
SCI ALPINO
6 ore
Lucas Braathen operato di appendicite, addio Mondiali
Il 22enne norvegese ben difficilmente sarà ristabilito per il gigante (17 febbraio) e lo slalom (19 febbraio) della rassegna al via lunedì a Courchevel
BASKET
21 ore
La Sam domina il Neuchâtel, i Tigers resistono un tempo al Vevey
Una vittoria e una sconfitta nel turno infrasettimanale. Decisivi due parziali: la Spinelli piazza un 32-0, il Lugano incassa un 10-29
hockey
22 ore
‘Sono sorpreso, contento e orgoglioso’
Grande onore per il linesman Eric Cattaneo, scelto per la finale di Champions: ‘Rispetto al campionato non c’è la stessa conoscenza con i giocatori’
Rugby
1 gior
Sergio Parisse lascia il rugby: è nel XV ideale di ogni tempo
L’ex capitano della nazionale italiana si ritirerà a giugno. Con lui, nel team migliore di sempre secondo ‘PlanetRugby’, anche il compagno Castrogiovanni
pugilato
1 gior
Tiago Pugno diventa professionista
Il 30enne pugile ticinese è ora alla ricerca di risorse economiche per lanciare al meglio la seconda parte di carriera
© Regiopress, All rights reserved