laRegione
14.02.22 - 17:40
Aggiornamento: 17:55

La Svizzera si gioca i quarti e forse qualcosa in più

Ambühl e compagni affrontano la Cechia per un posto tra le migliori otto a Pechino, ma in ballo c’è anche la progressione nell’élite mondiale.

la-svizzera-si-gioca-i-quarti-e-forse-qualcosa-in-piu

Dimostrare che la Svizzera vale di più di quanto mostrato finora e che il percorso di crescita effettuato negli ultimi anni – tanto a livello di prestazioni quanto di ambizioni, come dimostra l’asticella piazzata alle semifinali quale obiettivo per questi Giochi – non si è interrotto, come potrebbe far credere una terza eliminazione consecutiva agli ottavi di finale della rassegna a cinque cerchi. C’è anche questo, oltre all’accesso ai quarti di finale, dietro allo spareggio contro la Repubblica Ceca che Andres Ambühl e compagni disputeranno domani mattina a Pechino (inizio alle 9.40 ora svizzera).

«Le prime due partite sarebbero potute finire in nostro favore, mentre contro i danesi abbiamo pagato caro la troppa indisciplina nel secondo periodo – afferma il 38enne, alla sua quinta Olimpiade, riferendosi alle sconfitte nel girone contro Russia (1-0), la stessa Cechia (2-1 dopo i rigori) e Danimarca (5-3) –. È vero che non avendo potuto disputare amichevoli abbiamo avuto meno tempo per abituarci alla pista piccola, ma è una situazione con la quale è stata confrontata la maggior parte delle squadre».

Per l’attaccante del Davos, nonostante i risultati non siano stati fin qui quelli sperati, la Svizzera – che ha tra l’altro riabbracciato il ticinese Dario Simion, aggregatosi al gruppo dopo aver passato in isolamento 12 giorni – deve «mantenere la calma, perché non tutto è stato da buttare». Oltretutto, anche due vittorie negli ultimi due incontri non sarebbero bastate per andare direttamente ai quarti di finale (destino riservato solo alle prime classificate dei quattro gironi). Come dire che nulla è compromesso, anzi per certi versi l’Olimpiade dei rossocrociati inizia adesso… «Siamo impazienti di dimostrare che possiamo fare meglio di quanto mostrato finora, ma per riuscirci dobbiamo fare di più per forzare la fortuna, in particolare in fase offensiva dobbiamo smettere di giocare ai lati e attaccare in maniera più diretta la porta avversaria».

Il tutto, senza ovviamente tralasciare la solidità difensiva, a maggior ragione contro una selezione ceca «estremamente talentuosa a livello offensivo. Sarà un match molto tirato».

Il successo in una sfida a eliminazione manca dal 2018

Una partita che si spera possa regalare agli elvetici il primo successo in una sfida a eliminazione diretta a un grande torneo dal 2018, anno della sconfitta ai rigori contro la Svezia nella finale mondiale. Nelle due edizioni successive della rassegna iridata sono infatti arrivate due eliminazioni nei quarti di finale (sconfitte contro Canada nel 2019 e Germania l’anno scorso, nel 2020 il torneo previsto proprio in Svizzera è invece stato annullato a causa della pandemia), così come quattro anni or sono a Pyeongchang era stata ancora la compagine tedesca a fermare gli elvetici negli ottavi, stesso destino patito nel 2014 a Sochi per mano della Lettonia. Non proprio i risultati sperati per una Svizzera lanciata tra le grandi dell’hockey mondiale dall’era Krueger, compresa in particolare un’Olimpiade 2006 nella quale Ambühl e compagni riuscirono a battere nella fase preliminare il Canada (2-0) e la Repubblica Ceca (3-2), prima di inchinarsi nei quarti solo ai futuri campioni della Svezia… «Fu a Torino che realizzammo per la prima volta che eravamo in grado di battere le grandi, ma iniziammo davvero a crederci solo qualche anno dopo. Nel 2006 ci barricavamo ancora in difesa e ogni tanto con un po’ di fortuna segnavamo qualche gol. Oggi, dettiamo il nostro gioco».

Una consapevolezza raggiunta forse ai Campionati del mondo 2010, quando la Svizzera aveva chiuso il girone intermedio davanti ancora a Canada e Cechia, fermandosi poi ai quarti di fronte, tanto per cambiare, ai padroni di casa della Germania (1-0)… «In quel torneo avevamo giocato piuttosto bene, l’argento conquistato nel 2013 a Stoccolma era stata una conferma e in seguito con l’arrivo di Fischer, abbiamo continuato a progredire. Oggi possiamo contare su un contingente molto più diversificato, in molti partono per l’estero già da giovanissimi e questo contribuisce alla creazione di un’attitudine diversa da quella che avevamo in passato».

Un’attitudine che servirà certamente domani nella rivincita contro i cechi in una sfida il cui significato, proprio per un discorso di progressione della Nazionale agli ordini di Patrick Fischer, va forse ben oltre la prosecuzione dell’avventura a Pechino 2022.

Potrebbe interessarti anche
SPORT
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
QATAR 2022
10 ore
Murat Yakin ammette: ‘Sono responsabile di quanto successo ieri’
Conferenza stampa di bilancio per la Svizzera a poche ore dall’uscita di scena dal Mondiale
Hockey
14 ore
Fischer chiama Mirco Müller, Calvin Thürkauf (e Michael Fora)
A Friborgo, per gli Swiss Ice Hockey Days, il selezionatore dei rossocrociati schiererà due bianconeri
Ciclismo
14 ore
Charly Gaul, l’uomo delle imprese leggendarie
In occasione di ciò che sarebbe stato il suo 90° compleanno, ricordiamo la storia vincente ma triste del ciclista lussemburghese, scalatore leggendario
Qatar 2022
1 gior
Shaqiri: ‘Dobbiamo solo chiedere scusa alla gente’
Enorme la delusione rossocrociata al termine di una gara in cui nulla ha funzionato come ci si attendeva
gallery
Qatar 2022
1 gior
Che umiliazione
La Svizzera non è pervenuta e con il Portogallo viene rispedita a casa con un pesantissimo 6-1
QATAR 2022
1 gior
I rigori mandano il Marocco in Paradiso e la Spagna a casa
Gli africani per la prima volta ai quarti di finale dopo una partita difensiva. Gli iberici deludenti e senza idee sbagliano tre volte dal dischetto
Angolo Bocce
1 gior
Alessandro Eichenberger e Aramis Gianinazzi vincono in Austria
La giovane coppia dell’Ideal di Coldrerio si è imposta nel torneo internazionale di Hard, contro i chiassesi Peschiera e Dalle Fratte
Hockey
1 gior
Qualche settimana d’assenza per Kostner e Kneubuehler
Contro il Rapperswil i due hanno subito una contusione alla spalla sinistra, rispettivamente un infortunio muscolare al torace
COSE DELL'ALTRO MONDO
1 gior
Mr. Irrilevant, anche gli ultimi hanno il loro giorno di gloria
Scelto quale 262° giocatore al draft 2022, Brock Purdy è salito agli onori della cronaca con San Francisco. Ma nella Nfl la carriera è molto breve
TIRI LIBERI
1 gior
I progetti del basket svizzero sembrano usciti da un incubo
Dall’assurdità di una fase a orologio basata sulla classifica della scorsa stagione a una Coppa Svizzera che produce palestre vuote
© Regiopress, All rights reserved