laRegione
HOCKEY
03.12.22 - 22:41

Uno sterile Lugano cade a Bienne

Alla Tissot Arena i bianconeri dominano il primo tempo ma non pungono. Alla distanza escono i bernesi, capaci di sfruttare le occasioni e poi amministrare

di Giuliano Balmelli
uno-sterile-lugano-cade-a-bienne

Dopo la convincente prova di Zugo, il Lugano si presenta a Bienne con il ritorno di Koskinen a guardia della gabbia, di conseguenza è Kaski lo straniero che deve prendere posto in tribuna. In difesa si rivede anche Wolf. L’inizio dell’incontro è di marca bianconera, con il Lugano a controllare maggiormente il disco. Il primo tiro della serata parte dal bastone di Morini dopo tre minuti di gioco, che però non impegna particolarmente Säteri. Al 7’ prima il Bienne (in una speciale maglia retrò per celebrare il quarantesimo della vittoria del campionato 1982-83) sfiora il vantaggio con Brunner, poi sulla ripartenza luganese la conclusione del casco giallo Grandlund scheggia il palo. Sul finale di periodo gli ospiti possono giostrare in 5 contro 3, il portiere biennese deve intervenire sui tiri di Josephs e Marco Müller. Fazzini avrebbe la possibilità di portare avanti i suoi a fil di sirena ma il risultato rimane sullo 0-0.

La prima nota per il secondo tempo è l’assenza di Daniel Carr, non rientrato in panchina dopo la pausa. Al 24’ capitan Haas si rende protagonista di una bella serpentina nel terzo offensivo ma Koskinen fa buona guardia. I seeländer premono e poco più tardi Hischier recupera un disco vagante dietro la gabbia luganese, ma non riesce a trovare la rete a portiere completamente battuto. Attorno alla mezzora Thürkauf viene penalizzato per bastone alto. Il powerplay locale si rivela efficace e Brunner trova il punto del vantaggio in mischia. Il Lugano accusa il colpo e i biennesi raddoppiano con il potente tiro di Lööv, ben servito da Künzle.

Il terzo tempo si apre con l’occasione per Olofsson, che però non controlla il gran passaggio offerto dal compagno. Con Herburger penalizzato i padroni di casa chiudono l’incontro grazie a un’ottima deviazione volante di Haas, ben cercato da Rathgeb. I bianconeri avrebbero ancora un’occasione per riaprire la sfida, ma un nuovo 5 contro 3 non porta frutti. Gianinazzi prova infine l’assalto finale già a più di cinque minuti dalla fine ma il risultato non cambia più.

Bienne – Lugano (0-0 2-0 1-0) 3-0

Reti: 32’23’’ Brunner (Yakovenko/esp. Thürkauf) 1-0. 34’55’’ Lööv (Künzle, Tanner) 2-0. 43’38’’ Haas
(Rathgeb/esp. Herburger) 3-0.

Bienne: Säteri; Rathgeb, Lööv; Yakovenko, Grossmann; Delémont, Forster; Stampfli; Kessler, Sallinen,
Rajala; Hofer, Haas, Olofsson; Brunner, Cunti, Künzle; Froidevaux, Schläpfer, Hischier; Tanner.

Lugano: Koskinen; Alatalo, Mirco Müller; Andersson, Riva; Wolf, Guerra; Villa; Connolly, Arcobello,
Grandlund; Zanetti, Thürkauf, Carr; Fazzini, Herburger, Marco Müller; Gerber, Morini, Josephs; Bedolla.

Arbitri: Stolc (Svk), Tscherrig; Gnemmi, Stalder.

Note: 6075 spettatori. Penalità: 7 x 2’ contro il Bienne; 7 x 2’ contro il Lugano. Tiri: 17-42 (2-17, 9-6, 6-19).
Bienne privo di Schneeberger, Van Pottelberghe, Reinhard (infortunati) Bärtschi e Christen (Swiss League).
Lugano senza Walker (infortunato), Kaski, Patry, Stoffel (in sovrannumero) Bennett e Fadani (Ticino
Rockets). Dal 20’00" Lugano senza Carr. Pali: 6’40’’ Grandlund, 55’10’’ Haas. Al 49’05’’ timeout chiamato dal Bienne. Dal 53’42’’ al 59’15’’ e dal 59’35’’ al 59’40’’ Lugano senza il portiere. Al 58’41’’ timeout chiamato dal Lugano. Premiati a fine partita quali migliori giocatori dell’incontro Harri Säteri e Mirco Müller.

Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP 10 HOCKEY MANAGER
1
HC Aspi Capitals
10543
2
LucHC Lions
10326
3
Sparta Becherovka
10067
4
TrigoAce1
9963
5
FHM2223
9960
6
Team Belozoglu
9935
7
thibault_gav
9863
8
HC Kaski Male
9846
9
Team7
9741
10
Chop
9713
TOP NEWS Sport
Hockey
8 ore
Maxim Noreau finisce sui francobolli. In Sierra Leone
Il difensore canadese ex Ambrì ha la sua faccia su un bollo da cinquanta centesimi in Africa. ‘Perché? Davvero non lo so, ma nessuno mi ha chiesto nulla’
Atletica
8 ore
In Polonia gli elvetici fanno la loro bella figura
A Torun, nel meeting valido per l’Indoor Gold Tour, Ditaji Kambundji centra il limite per gli Europei, mentre Elmer firma il miglior tempo della carriera
Calcio
9 ore
Mondiale per club, è il Real il secondo finalista
Gli spagnoli sconfiggono gli egiziani dell’Al Ahly grazie alle reti di Vinicius Junior, Valverde e – nei minuti di recupero – Rodrygo e Arribas
SCI ALPINO
11 ore
A soli 37 anni si è spenta Elena Fanchini
Malata da tempo, la sorella maggiore di Nadia si è dovuta arrendere a una recidiva del tumore ed è morta nella sua casa in provincia di Brescia
Formula 1
11 ore
Nessun bavaglio nel Circus. ‘Oguno può dire ciò che pensa’
In un’intervista al britannico The Guardian, Stefano Domenicali si schiera a favore della libertà d’espressione dei piloti, invitando la Fia a chiarire
Sci
12 ore
Lo scettro di Lara raccolto da Marta Bassino
Nel superG iridato, la ticinese detentrice del titolo chiude solo sesta. Giovedì tocca ai maschi, con Marco Odermatt in pole position
Tennis
13 ore
Abu Dhabi, Belinda ai quarti senza soffrire
La sangallese, numero nove al mondo, non incontra alcuna difficoltà nel superare l’ucraina Marta Kostjuk (numero 57 Wta), battuta 6-4 7-5
Ciclismo
15 ore
Il Velo Club Mendrisio fra tradizione e sfide del presente
Il presidente Alfredo Maranesi: ’Ormai ci sono pochissime gare, la stampa si interessa sempre meno, e di conseguenza fatichiamo a trovare sponsor’
Hockey
15 ore
Giovane, inesperta Svizzera. ‘Spero che (i club) apprezzino’
A Zurigo la Nazionale di Fischer si prepara ad affrontare la Finlandia con qualche artista in meno del solito. ‘Forechecking aggressivo e più semplicità’
Altri sport
15 ore
Sgambetto riuscito, il Biasca sale a quota 22 punti
Continua la serie positiva dei rivieraschi, che confermano di avere la difesa più solida del campionato e mettono sotto anche il temibile Ginevra
© Regiopress, All rights reserved