laRegione
ho-la-sensazione-di-poter-ricevere-un-buon-minutaggio
Ti-Press
Primi allenamenti stagionali alla Gottardo Arena
30.06.22 - 16:55
Aggiornamento: 17:18

‘Ho la sensazione di poter ricevere un buon minutaggio’

Prime pattinate ad Ambrì per il giovane Valentin Hofer, in arrivo dallo Zugo: ‘Fisico, pattinaggio e tiro sono le mie principali qualità’

Da questa stagione l’Ambrì Piotta ha la possibilità di cominciare a pattinare sul ghiaccio di casa in piena estate e già questa settimana non si sta lasciando sfuggire l’occasione, alla presenza di una ventina di giocatori (compresi alcuni U20) mentre lo staff tecnico ha osservato dalla tribuna. In attesa degli stranieri e di William Hedlund, erano presenti i nuovi acquisti elvetici, il difensore Kilian Zündel (austriaco di licenza svizzera, per l’esattezza) e gli attaccanti Lionel Marchand e Valentin Hofer. Quest’ultimo, ala destra classe 2002, si è presentato al termine della seduta (un’ora di gioco tre contro tre a tutta pista): «Sono un giocatore molto fisico (nonostante una corporatura non delle più grosse, è alto 180 cm e pesa 80 kg, ndr), le mie qualità comprendono anche la velocità e il tiro, posso portare energia alla squadra. Ma pure fuori dal ghiaccio mi muovo molto volentieri, anche nel tempo libero pratico tanti sport, mi piace l’azione e l’avventura e divertirmi con altre persone. Questa è la dimensione giusta per me, i giovani ricevono tanta fiducia, voglio dimostrare ad allenatori e tifosi che è stata la scelta giusta». Per il club invece gli arrivi di Hofer, Hedlund e Marchand in particolare dovrebbero aumentare la concorrenza fra le seconde linee, diminuendo al contempo l’età media.

‘So come si vince un titolo’

Hofer arriva dallo Zugo, nelle cui giovanili è cresciuto e con il quale ha festeggiato il titolo nelle ultime due stagioni (nelle quali ha già contabilizzato ventotto presenze e un assist in National League, più altre sessanta – trentuno i punti totalizzati – in Swiss League con l’Evz Academy), oltre a quello degli U20 la scorsa primavera. Ad Ambrì cercherà ora di imporsi nella massima lega: «Vincere un titolo è stato molto bello, non lo dimenticherò mai, essendo io stesso di Zugo, poter festeggiare con la mia città è stato il punto esclamativo che mi accompagnerà per tutta la carriera. Per me le ambizioni della squadra non fanno la differenza, sono ancora giovane, so però cosa c’è bisogno per vincere un titolo, sono felice di averlo potuto vivere a Zugo e mi porto queste conoscenze anche qua. Con Cereda non abbiamo ancora parlato dell’imminente stagione, ma semplicemente quando avrò un’occasione di mettermi in mostra dovrò sfruttarla».

Il presente di Hofer è sempre di colore biancoblù, ma qualche chilometro più a sud, almeno fino al 2024… «Credo che per me sia un buon passo in avanti, sono ancora giovane, ho la sensazione che qui potrò ricevere un buon minutaggio, perché trovo che lo stile di gioco dell’Ambrì si abbini bene al mio. Mi piace infatti giocare duro e veloce. Qua mi trovo a meraviglia la squadra mi ha accolto bene, non vedo l’ora di iniziare la stagione. Siamo in tanti giovani e mi sembra già di poter dire che c’è un bell’ambiente. Abito a Bellinzona e nel tempo libero sto cercando di visitare un po’ la città e mi piace molto».

‘C’è già una buona intensità’

Cosa conoscevi già di Ambrì? «Conoscevo già Rocco Pezzullo per aver disputato assieme il Mondiale U20 e un po’ anche Alan Conceprio, ma non vedo l’ora di conoscere bene anche tutti gli altri. Contro l’Ambrì ho giocato da avversario ed è sempre stato un avversario fisico, contro il quale bisognava tenere la testa alta perché finiva sempre tutti i check. Gioca un bell’hockey aggressivo».

Intanto c’è stato il primo approccio con il ghiaccio della Gottardo Arena: «Siamo ancora a inizio stagione, stiamo ancora lavorando molto off-ice, ma anche sul ghiaccio abbiamo già raggiunto una buona intensità. La partenza dunque è stata buona».

Peter Regin a Berlino

È intanto ufficiale la partenza di Peter Regin, dopo una sola stagione con l’Ambrì Piotta. L’attaccante danese si è infatti accordato con gli Eisbären Berlino – campioni in carica della Del tedesca –, con un contratto valido per una stagione. Il 36enne centro è sceso sul ghiaccio 41 volte in maglia biancoblù, totalizzando 23 punti (3 gol e 20 assist).

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
gottardo arena hc ambrì piotta valentin hofer
Potrebbe interessarti anche
HOCKEY
Risultati e classifiche
TOP NEWS Sport
ciclismo
1 ora
Nairo Quintana squalificato a posteriori dal Tour
Il colombiano si vede togliere il sesto posto conquistato a luglio sulle strade francesi a causa di un irregolarità nell’utilizzo del tramadolo
ciclismo
1 ora
Marlen Reusser ripete il titolo continentale a cronometro
L’elvetica bissa a Monaco il successo dell’anno scorso di Trento, precedendo l’olandese Van Dijk
Hockey
2 ore
Goran Bezina si ritira a 42 anni
Il difensore vallesano dice basta dopo oltre mille partite giocate
Calcio
5 ore
Elon Musk vuole acquistare lo United, ma è solo uno scherzo
In un tweet il miliardario si era detto interessato, ma poco dopo ha smentito
Tennis
5 ore
Nuova sconfitta per Serena Williams
A Cincinnati l’americana eliminata dalla Raducanu
NUOTO
5 ore
Europei, Djakovic in finale dei 400 sl
Terzo tempo delle qualificazioni per il turgoviese, che precede anche Popovici
Altri sport
19 ore
Sfuma all’ultimo l’oro di Ehammer. E pure quello di Mujinga
L’appenzellese superato all’ultimo nel decathlon è costretto ad accontentarsi dell’argento. La bernese, invece, beffata al fotofinish da Lückenkemper
hockey
19 ore
Prima vittoria del Lugano sul ghiaccio di Biasca
I bianconeri si impongono 4-1 contro i Ticino Rockets, nella sera del debutto di Granlund. Di Thürkauf, Riva, Ugazzi e Mirco Müller le quattro reti.
NUOTO
23 ore
Niente podio per Noè: il ticinese è quinto nei 200 delfino
In apertura al Foro Italico il ticinese chiude alle spalle di Milak, Marton, Razzetti e Carini. ‘Ho fatto la mia gara, ma stavolta ho visto la Madonna’
BASKET
23 ore
In ricordo di Angelo Ghirlanda e Franco Casalini
Franco Facchinetti lavorò con entrambi: ‘Due grandissimi maestri’
© Regiopress, All rights reserved